fabio fabbi Odalische sdraiate




Biografia e vita di Fabio Fabbi (1861-1946)

Biografia di Fabio Fabbi Fabio Fabbi nacque a Bologna il 18 luglio 1861.

Allievo, all'Accademia di Belle Arti di Firenze, dello scultore Augusto Rivalta (a sua volta allievo di Giovanni Duprè), si dedicò inizialmente alla scultura, ottenendo anche diversi riconoscimenti.

Nel 1886, dopo numerosi viaggi in Europa e in Egitto (insieme con il fratello Alberto pittore, ritrattista e figurinista di costumi orientali) trovò nella pittura, lo strumento più consono a quelle narrazioni di carattere orientalista, che gli diedero la notorietà.

Artista formato nelle capitali fortemente identificabili artisticamente, mantiene nei suoi lavori le figure plastiche e i lineamenti ben definiti propri dei suoi esordi da scultore arricchiti dalla nuova espressione dell'arte decorati va floreale derivata dall'Art Nouveau di Parigi,
Opera di Fabio Fabbi
Nella sua produzione si ritrovano tutte le tecniche della pittura, con una buona prevalenza degli oli, accompagnati da molte opere a matita, tempera, acquerello e china.

Nel 1888 Fabio Fabbi esordisce con "Donna Araba" che partecipa alla Mostra del Circolo degli Artisti e viene decorato dal Re Umberto I per le opere orientali;  l'anno dopo viene premiata a Torino l'opera "Testa di Cristo".

Infatti le tematiche delle opere di Fabio Fabbi spaziano dall'arte sacra (varie sono le pale d'altare eseguite su commissione) a quella profana, dove non mancano sensuali nudi femminili, ma buona parte della sua opera, è dedicata alle immagini riportate dai numerosi viaggi, nelle quali traspaiono, oltre ad un gusto intenso per il colore, una curiosità e una passione per i luoghi e le persone.

Dall'inizio del '900 il suo interesse abbraccia soggetti di genere, ritratti e figure di gusto floreale.

Gli interessi, sempre appassionati ed appassionanti che hanno segnato la vita dell’artista, sono presentati attraverso la vivacità dei colori e quel fascino di mistero e di proibito dell’ambiente musulmano e dell’Egitto in particolare.

Biografia di Fabio Fabbi
Ci sono atmosfere, probabilmente vissute nell’esistenza reale da Fabbi, ma c’è anche il punto di partenza per la creazione di ambienti di sogno: i rossi, i blu, i gialli sgargianti di tappeti, le pose sinuose e un po’ erotiche di schiave in vendita, sono immersi in un bagno di un improbabile sole cocente.

Anche le “Memorie di Casanova”, continuano un sogno che porta la fantasia in luoghi un po’ mitici e un po’ idilliaci tra ninfe e satiri, in boschi incantati che si specchiano su acque appena increspate, su sfondi tenui di cieli color pastello.

Dai dipinti si rileva come il gusto artistico di Fabio Fabbi sia passato dal simbolismo al puro naturalismo, per approdare ad un suo personale realismo, nella necessità di soddisfare i bisogni artistici di una classe medio-borghese di fine secolo per mezzo di un’”arte da salotto”, senza tradire le proprie pulsioni.

Anche le città, come Bologna, riprese dal pennello vagabondo di Fabio Fabbi, scoprono punti sconosciuti e svelano un" nuovo spirito" dei luoghi già conosciuti.

Fabio Fabbi fu anche grafico, cartellonista ed illustratore di libri per ragazzi.

Biografia di Fabio FabbiNel 1900 illustra con schizzi e disegni, quasi fotografici, il libro, "Firenze sotterranea", una sorta di denuncia sociale, di Jarro (Giulio Piccini) edito da Bemporad.

Fabbi illustra a tempera ed acquerello una pregevole edizione di Eneide, Iliade, Odissea; collabora a "Italia Ride", rivista umoristica a cavallo del secolo.

Fabio Fabbi che ripercorso il famosi temi classici religiosi, con i bellissimi “Ecce homo” e la Maddalena addolorata, in cui il sacro si confonde con il profano, si spegne a Casalecchio di Reno il 24 settembre 1946.

Fabio Fabbi è attualmente assai quotato sul mercato dell'arte; nel Museo del Risorgimento di Firenze è conservata la tela "La morte di Anita Garibaldi".

Alcune tele (di entrambi i fratelli Fabbi) sono conservate nel palazzo comunale di Bologna.




Galleria opere d'arte di Fabio Fabbi

slideshow
slideshow

fabio fabbi Danzatrice con tamburello
Danzatrice con tamburello

fabio fabbi Il velo blu
Il velo blu

fabio fabbi Odalische sdraiate
Odalische sdraiate

fabio fabbi Danzatrici nell'harem
Danzatrici nell'harem

fabio fabbi Nell'harem
Nell'harem

fabio fabbi Interludio musicale nell'harem
Interludio musicale nell'harem


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri sulla Pittura Italiana

  Pittura italiana dal Rinascimento al XVIII secolo. Capolavori dell'Accademia Carrara di Bergamo
2008, Silvana
  Gentile da Fabriano. Un viaggio nella pittura italiana alla fine del gotico
De Marchi Andrea, 2006, Federico Motta Editore
  Maestri della pittura italiana. Ediz. italiana e inglese
2007, Polistampa
  Luce e ombre nella pittura italiana tra Rinascimento e Barocco. Da Tiziano a Bernini. Ediz. italiana e inglese
2006, Skira
  Visioni & illusioni. Il realismo visionario nella pittura italiana moderna e contemporanea. Catalogo della Mostra (L'Aquila, 30 giugno-20 settembre 2007)
2007, Mazzotta
  Antropologia dell'arte. Dalla pittura italiana del Quattrocento all'arte etnica contemporanea
Ronzon Francesco, 2006, Meltemi
  La pittura italiana
Zuffi Stefano, Castria Marchetti Francesca, 2006, Mondadori Electa
  Pittura italiana nelle collezioni del Museo Puskin dal Cinquecento al Novecento
2007, Marsilio
  Pittura italiana nell'Ottocento. Atti del Convegno (Firenze, 7-10 ottobre 2002)
2005, Marsilio
  Genius loci. Il tempo e il luogo della pittura. Ediz. italiana e inglese
Elwes Luke, 2008, Lubrina-LEB
  La raffigurazione della storia nella pittura italiana
2004, Silvana
  Giorgio Griffa. Segnando pittura. Ediz. italiana e inglese
Fiz Alberto, 2008, Silvana
  Dettagli di stile. Moda, costume e società nella pittura italiana
Zuffi Stefano, 2004, Mondadori Electa
  Cecconi, Mariani, Quadrone: caccia e natura nella pittura italiana dell'Ottocento
2003, Polistampa
  L'annunciazione nella pittura italiana da Giotto a Tiepolo
Colosio Gianni, 2003, Teseo Editore
  La rappresentazione della città nella pittura italiana
2003, Silvana
  Il dizionario della pittura italiana. Dai primitivi ai giorni nostri
Castellaneta Carlo, 2002, Le Lettere
  La pittura italiana
Castria Marchetti Francesca, Zuffi Stefano, 2001, Mondadori Electa
  Enrico Scuri. La fine del classico nella pittura italiana dell'Ottocento
Mangili Renzo, 2002, Federico Motta Editore
  Pittura analitica. Ediz. italiana e tedesca
2007, Silvana
  La natura e il paesaggio nella pittura italiana
2002, Silvana
  La pittura italiana del Rinascimento
Burckhardt Jacob, 2001, Marsilio