Donatello biografia e foto delle opere

Giuditta e Oloferne (1460 dettaglio




Biografia e vita di Donatello (1386-1466)

Ritratto di Donatello Donato di Niccolò di Betto de' Bardi, figlio di un un cardatore di lana di Firenze, detto il Donatello, nasce nel 1386.

Apprendista e collaboratore nel 1403 dello scultore Lorenzo Ghilberti, con il quale compiere lavori di "nettatura" (che consisteva nel pulire a fondo le fusioni di bronzo) della seconda porta del Battistero, continua la sua formazione artistica alle dipendenze dell'Opera del Duomo, nei cantieri del Campanile e dell’Orsanmichele, dove lavora a fianco di Nanni di Banco, a una serie di statue che rappresentano altrettanti tentativi di rinnovamento del linguaggio gotico.

Legato da amicizia con lo scultore Filippo Brunelleschi, si reca con lui a Roma negli anni tra il 1404 e il 1408. Questi viaggi costituiscono il suo primo contatto con l’antichità classica ed infondono in lui un profondo desiderio di conoscenza dell’arte classica.

Tra le le statue eseguite in quel periodo il “David” in marmo, oggi al Museo Bargello, è una delle sue opere di più intenso valore innovativo, dove l'ondulazione gotica già acquista vigore naturalistico e dove Donatello già pone il problema della forma plastica libera nello spazio, problema che l'amico Brunelleschi stava ponendosi negli studi per la cupola.


Incisione di DonatelloDal 1416, a Firenze, lavora al “San Giorgio” che troverà posto in una nicchia dell’Orsanmichele, nel 1421 conclude il “Sacrificio di Isacco” per il Campanile, il San Marco (1411-12) e il San Pietro per Orsanmichele; il San Giovanni Evangelista (1413-15) per il Duomo (ora a Firenze, Mus. dell'Opera del Duomo) ed il rilievo, con la Liberazione della principessa dal drago (tuttora a Orsanmichele).

La statua di San Giorgio divenuta simbolo della visione eroica dell'uomo propria del Quattrocento, deve la sua forza al perfetto equilibrio plastico concepito nello spirito della prospettiva.

Ormai artista autonomo, rispetto nei cantieri delle grandi opere di Firenze, Donatello nel 1425 apre bottega in collaborazione con Michelozzo; da questo sodalizio, che durerà fino al 1433, nascono numerose opere: ad esempio, il fonte battesimale del Battistero di Siena (in cui si deve a Donatello lo splendido “Banchetto di Erode”), le tombe dell’antipapa Giovanni XXIII e del Cardinal Brancacci.

Nel 1433, lo scultore si reca nuovamente a Roma e studia con maggiore assiduità le opere le statue dell'antichità classica, greca e romana.

Superando del tutto la tradizione tardo-gotica, fu uno degli interpreti principali del movimento culturale dell'Umanesimo nel campo delle arti figurative, prendendo ispirazione dall'arte degli antichi scultori.

Si servì della scultura per esprimere le verità naturali, esaltò la bellezza del corpo umano (il bronzo del Davide al Bargello è il primo nudo, a tutto tondo, realizzato dopo l'età classica nell'arte italiana) con un realismo plastico vigoroso e sintetico con particolare attenzione alla connotazione espressiva e psicologica del personaggio.

Il sogno di Donatello, di ampliare i confini della scultura, si realizza con la tecnica da lui inventata, lo "stiacciato" che consiste in un rilievo graduato, fino a piani bassissimi, che gli offre la possibilità di “superare i limiti imposti dalla corposità della forma e dall’opacità della materia”.

Statua di DonatelloIl rilievo stiacciato o «schiacciato», gli permette di ottenere, anche per la scultura, gli effetti atmosferici e prospettici propri della pittura, perché la luce si rifrange con effetti mutevoli, migliorando la qualità espressiva dei personaggi.

Nel 1443 Donatello si reca a Padova dove si ferma per oltre un decennio, durante il quale compie viaggi alle corti di Mantova, Ferrara e Modena.

Tornato a Firenze, nel decennio che precede alla sua morte, Donatello eseguì per Cosimo de' Medici un coronamento di fontana destinato a un giardino, rappresentante Giuditta e Oloferne: il gruppo si trova nella piazza della Signoria, di fronte a palazzo Vecchio.

A cominciare dal 1460 l'artista, ormai settantacinquenne comincia due pulpiti di San Lorenzo che, fatalmente, dovevano rimanere incompiuti, per la morte di Donatello nel 1466.

Di Donatello si è detto, a ragione, che è il primo grande scultore dell'età moderna.

Fra le opere più rappresentative della sua grande capacità artistica, sono i putti danzanti e cantanti del pulpito di Prato e della cantoria di S. Maria del Fiore (1433-1438); il "San Giorgio" di Orsanmichele (1417) e la "Giuditta" di piazza della Signoria a Firenze; la "Annunciazione" (1435); la statua equestre del "Gattamelata" (1446-1450) a Venezia e le statue e i rilievi dell'altare maggiore nella Basilica del Santo a Padova (1446-1450).




Galleria opere d'arte di Donatello

slideshow
slideshow

Donatello David (1444)
David (1444)

Donatello Profeta Geremia (1427)
Profeta Geremia (1427)

Marie al sepolcro (1460)
Marie al sepolcro (1460)

San Giorgio (1416)
San Giorgio (1416)

Donatello Annunciazione (1435)
Annunciazione (1435)

Giuditta e Oloferne (1460)
Giuditta e Oloferne (1460)

Giuditta e Oloferne (1460 dettaglio
Giuditta e Oloferne (1460 dettaglio

Cristo davanti a Pilato e Caifa (1465)
Cristo davanti a Pilato e Caifa (1465)

donatello Santa Maria Maddalena (1457)
Santa Maria Maddalena (1457)

donatello Crocifisso (1413)
Crocifisso (1413)

donatello David (1409)
David (1409)

donatello Crocifisso (1413)
Crocifisso (1413)

donatello Speranza (1429)
Speranza (1429)

donatello Fede (1429)
Fede (1429)

donatello Sacrificio di Isacco (1418)
Sacrificio di Isacco (1418)

donatello San Giovanni evangelista (1411)
San Giovanni evangelista (1411)

donatello San Marco (1411)
San Marco (1411)

donatello Porta con gli apostoli (1443)
Porta con gli apostoli (1443)

donatello Chiesa di San Lorenzo a Firenze (1443)
Chiesa di San Lorenzo a Firenze (1443)

donatello Altare di Sant'Antonio Padova (1450)
Altare di Sant'Antonio Padova (1450)

donatello Pulpito (1438)
Pulpito (1438)




Annunci o altre pagine interessanti:



Libri su Donatello

  Il '400 a Roma. La rinascita delle arti da Donatello a Perugino
2008, Skira

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport