Antonello da Messina - biografia e opere

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
Home  Arte  Cultura   Turismo in Italia

Altri temi: Bestseller  Cinema   Come fare  Disegnare  Foto sfondi  Frasi utili  Musica   Poesia  Ricette  Scienze  Scrittori  Turismo Europa

 

 
 

 

 

 

 
Biografia e Opere di Antonello da Messina

Antonello da Messina

 

Biografia, dipinti, opere d'arte, quadri, libri, foto sfondi

 

 

 

Rovereto (Trento): "Antonello da Messina" dal 5 ottobre 2013 al 12 gennaio 2014  Mart

Antonello da Messina Vergine annunciata

 

Il percorso espositivo parte dalla formazione di Antonello, avvenuta nella Napoli di Alfonso d’Aragona tra esperienze provenzali-borgognone e fiamminghe, e si sviluppa con l’acquisizione progressiva della sintassi ‘italiana’, e l’aprirsi a una dimensione mediterranea europea, fino all’esito veneziano e post-veneziano che indica l’inizio di una nuova civiltÓ figurativa. La mostra riesamina anche il dibattito relativo al rapporto di Antonello con la Milano sforzesca, quasi in parallelo con le nuove ricerche di tipo spaziale lý condotte dal giovane Bramante, come indicano, tra le opere in mostra, il “Cristo alla colonna” e il disegno “Gruppo di donne su una piazza, con alti casamenti” entrambe provenienti dal Louvre.

 

Biografia e Opere di Antonello da Messina

 

Galleria opere d'arte di Antonello da Messina

(sfondi formato desktop 1024x768 scaricabili gratis)

San Girolamo Antonello da Messina
San Girolamo
Antonello da Messina Cristo morto (1476)
Cristo morto (1476)
Antonello da Messina Cristo alla colonna
Cristo alla colonna
antonello da messina 002
Antonello da Messina Ritratto di ignoto (1476)
Ritratto di ignoto (1476)
Antonello da Messina Ritratto
Ritratto
Antonello da Messina Vergine annunciata
Vergine annunciata
 

Indice Arte

Indice alfabetico di tutti i pittori/scultori

Indice D01

 

 

 

 

Biografia e vita di Antonello da Messina (1431-1479)


Ritratto di Antonello da MessinaLa vicenda biografica di Antonello da Messina Ŕ stata oggetto, nel corso dei secoli, di ricostruzioni biografiche contraddittorie e, qualche volta, piuttosto fantasiose.

Ad una scarsezza di materiale documentario, si aggiunge la strana concentrazione cronologica dei dipinti rimasti, cosa che moltiplica le ragioni di una cosý complicata vicenda critica.
 
Ipotizzando che Antonello da Messina abbia cominciato a dipingere verso i vent'anni, non ci Ŕ rimasto quasi niente del suo lavoro fino al 1470, un vuoto di vent'anni.
Dipinto di Antonello da Messina
Il percorso artistico di Antonello, nato plausibilmente attorno al 1431, prende avvio nel vivace clima culturale della corte aragonese di Napoli, allora una delle culle della civiltÓ del Mediterraneo e cittÓ ove operava il pittore Colantonio, nella cui bottega il messinese avrÓ appreso i primi rudimenti dell’arte, attento ai molteplici stimoli offerti da un ambiente in cui si trovavano opere catalane e provenzali, oltre che capolavori nordici come, ad esempio, lo straordinario Trittico Lomellini di Jan Van Eyck.

L’esordio di Antonello Ŕ segnato da testi quali la Madonna Salting o l’enigmatico Ritratto d’uomo di Cefal¨ cui seguono, solo per citare gli esempi pi¨ significativi, negli anni 1473-1474 e con esiti giÓ compiutamente maturi, l’Annunciazione di Siracusa, dall’articolata impaginazione spaziale gestita con completa padronanza degli effetti luministici, e il Polittico di San Gregorio, commissionato per la chiesa del convento di monache benedettine di Santa Maria extra moenia, rivoluzionario nella resa psicologica dei personaggi che lo popolano.

Pittura di Antonello da Messina
Ma Ŕ il soggiorno veneziano, datato 1475-1476, a segnare un definitivo punto di non-ritorno per la carriera artistica del siciliano e per la storia dell’arte italiana del Quattrocento.

E’ l’incontro tra l’arte di Antonello e l’ambiente figurativo veneziano, rappresentato in primis da Giovanni Bellini, a creare le premesse di capolavori assoluti con ritratti quali il cosiddetto Condottiero del Louvre o i ritratti virili conservati alla National Gallery di Londra e alla Galleria Borghese di Roma, ove le caratteristiche tipicamente fiamminghe della posa di tre quarti, il diaframma del parapetto a segnare la separazione tra effigiato e spettatore, il trompe d’oeil del cartellino, il fondo scuro, si coniugano a una resa del dato psicologico inedita e rivoluzionaria per acutezza di penetrazione.

Immediatamente riconosciuto nella sue capacitÓ dalla cittÓ lagunare, Antonello ricevette commissioni di prestigio: tra tutte quella per la Pala di San Cassiano, realizzata nel 1476 per il patrizio Pietro Bon, opera da subito celeberrima per la fastosa profusione di dettagli preziosi e realizzata in diretto colloquio con le coeve opere belliniane.

Quadro di Antonello da Messina
Il soggiorno veneziano, breve ma ritmato da un’incalzante serie di stupefacentGalleria opere d'arte, vede lo sviluppo del tema dell’Ecce Homo, opere di fortissima intensitÓ emotiva a commuovere lo spettatore con particolari di realismo sofferto umanizzando il tormento del Cristo; la tavoletta con San Girolamo nello studio, dallo sbalorditivo impianto spaziale e inedita ambientazione, uno studiolo rinascimentale nella navata semibuia di una chiesa; le tavolette votive delle Crocifissioni di Anversa e di Londra.
 
In un crescendo di novitÓ formali e di coinvolgimento dello spettatore a livelli prima mai ipotizzati, si giunge infine all’Annunciata di Palermo ove una fanciulla, chiusa nel proprio manto, ieratica e consapevole del ruolo nella storia dell’umanitÓ, congela il tempo nel gesto sospeso della mano e presupponendo in chi guarda il ruolo dell’angelo annunciante.

Al 1476 risalgono il Salvator Mundi di Londra, prossimo all’Annunciata per virtuosismo spaziale nella resa delle mani, e il cosiddetto Ritratto Trivulzio di Torino, altissimo risultato nella caratterizzazione dei ritratti antonelliani, catturando lo spettatore con uno sguardo ipnotico di maliziosa sfida.

A chiudere il percorso artistico del pittore siciliano sono infine due eccezionali opere: il San Sebastiano di Dresda, commissionato in occasione di un’epidemia di peste, prova suprema di maestria prospettica nella resa del paesaggio urbano di Venezia, e la PietÓ del Prado, probabilmente realizzata una volta tornato in patria, come suggerisce lo sfondo, in cui si scorgono edifici realmente esistenti a Messina.
 

Il 14 febbraio del 1479 Antonello fa testamento; due mesi dopo egli risulta defunto, ponendo cosý termine a una carriera artistica di straordinaria rilevanza, entro cui si condensarono con inedita coerenza e intensitÓ, come raggi solari sotto l’effetto di una lente convergente, le diverse matrici culturali che si intrecciavano nel Mediterraneo in quell’epoca di splendore che fu il XV secolo.

Indice Arte

Indice alfabetico di tutti i pittori/scultori

Indice D01

 

 

 

 

Libri su Antonello da Messina

Antonello da Messina. Rigore ed emozione

Antonello da Messina. Rigore ed emozione
Pugliatti Teresa, 2008, Kalˇs

  Antonello a Messina
2006, Di Nicol˛
Rinascimento in Sicilia. Da Antonello da

Il Rinascimento in Sicilia. Da Antonello da Messina ad Antonello Gagini
Patera Benedetto, 2008, Kalˇs

  Antonello da Messina e la Chiesa di S. Maria Alemanna
Castorina Santo, 2006, Editoriale AgorÓ
Antonello da Messina. L'Annunciata

Antonello da Messina. L'Annunciata
2007, Silvana

Antonello da Messina. Atti del Convegno

Antonello da Messina. Atti del convegno (Roma, 19 maggio 2006) 
2006, Silvana 

Antonello e la pittura figurativa del Qu

Antonello e la pittura figurativa del Quattrocento nell'Europa mediterranea 
2007, Kalˇs

 

Antonellus Messanensis me pinxit
2007, EDAS

Antonello da Messina

Antonello da Messina
Savettieri Chiara, 1998, Flaccovio

  Antonello a Messina
cur. Molonia G., 2006, Di Nicol˛
 

Antonello da Messina. San Girolamo nello studio 
cur. Barbera G., 2006, Electa Napoli

  Antonello a Messina
cur. Molonia G., 2006, Di Nicol˛  

Per una ricerca pi¨ completa di LIBRI - FILM - MUSICA CD/DVD: