Paul Delaroche biografia e foto delle opere

paul_delaroche_scuola_delle_belle_arti_1814




Biografia e vita di Paul Delaroche (1797 - 1856)

Conosciuto anche come: Paul Hippolyte Delaroche, Hippolyte Paul Delaroche.
Nato a: Parigi (Département de Ville de Paris, Ile-de-France, Francia).
È morto in: Parigi (Département de Ville de Paris, Ile-de-France, Francia).
Studente di: Antoine-Jean Gros (1771-1835).
Insegnante di: Marie-Alexandre Alophe (1812-1883), Alexandre Antigna (1817-1878), Gustave Clarence Rodolphe Boulanger (1824-1888), Eugène-Ferdinand Buttura (1812-1852), John Carlin (1813-1891), Jean Michel Cazabon (1813-1888), Thomas Couture (1815-1879), Jean-Léon Gérôme (1824-1904).
Marito di: Elizabeth Anne Louise Delaroche (1814-1845).

Ritratto di Paul Delaroche Hippolyte Delaroche comunemente noto come Paul Delaroche pittore francese, nasce a Parigi il 17 luglio 1797.

Figlio di un collezionista e mercante d'arte, orgoglioso del precoce talento artistico del figlio, gli aveva trasmesso la sua cultura artistica.

Paul Delaroche entra nella École des Beaux-Arts nel 1816 dove è seguito dal pittore paesaggista Louis-Étienne Watelet (1780-1866) che dipingeva in stile romantico.

Nel 1817 concorre, senza successo, al Prix de Rome per il paesaggio, deluso abbandona il paesaggismo per dedicarsi alla pittura storica.

Come maestro in questo particolare tipo di pittura Paul Delaroche sceglie Jean-Antoine Gros, alunno a sua volta di Jean Louis David.

Alla sua prima partecipazione al Salon del 1819 i suoi dipinti di soggetti del Vecchio e Nuovo Testamento ottengono alcune lodi per i colori drammatici, caratteristica presa dal suo maestro Gros.
Foto di Paul Delaroche
Dopo la caduta di Napoleone che aveva influenzato l'arte verso rappresentazioni mitologiche che dovevano sottolineare la sua gloria, il restaurato regime Borbonico prommuove la pittura religiosa, soggetti morali e sociali.

Nel 1822, il giovane pittore realizza la sua prima grande opera, intitolata Josabeth che salva Joas, chiaramente influenzato dall’opera degli amici Théodore Géricault e Eugène Delacroix con i quali Delaroche forma il nocciolo centrale di un gruppo piuttosto numeroso pittori storici.

Visto le limitazioni poste ai pittori storici in Francia, Paul Delaroche si specializza in personaggi ed eventi della storia inglese.

Il primo di questi dipinti, La morte della regina Elisabetta d'Inghilterra (Musée du Louvre, Parigi), viene esposto al Salon del 1827-28, ottiene in grande successo grazie al loro verismo, successo che si ripete al Salon del 1831 dove espone Cromwell guarda nella bara di Charles I (Musée des Beaux-Arts, Nîmes) e I Figli di Edward IV (Musée du Louvre, Parigi).

Paul Delaroche è un perfezionista, egli realizza le sue opere solo dopo una preparazione molto lunga e meticolosa: compie sperimenti con modelli, figurine di cera, acquarelli e disegni, per simulare l’effetto delle pose, dei raggruppamenti, della luce e delle ombre.

Il suo stile, attento ai dettagli, è espressione tipica del suo tempo; Delaroche non è un innovatore, ma è strettamente legato ai suoi contemporanei che amano un classicismo raffinato.
Dipinto di Paul Delaroche
Dopo il trionfo al Salon del 1831, Delaroche viene nominato professore alla École des Beaux-Arts e riceve una commissione per affrescare la vita di Maria Maddalena nella chiesa della Madeleine a Parigi.

Per quest'ultimo progetto, il pittore, volendo emulare gli affreschi rinascimentali, si recò in Italia per studiare in loco gli affreschi, ma al ritorno, per incomprensioni con i committenti Paul Delaroche rinuncia all'incarico.

Dopo le critiche negative della sua Santa Cecilia al Salon del 1837, Delaroche viene incaricato della decorazione dell'emiciclo (Auditorium), della Ecole des Beaux-Arts; il pittore sceglie come soggetto un gruppo di famosi pittori, posti nel portico di un tempio ionico. La realizzazione dell'opera lo impegna per ben quattro anni.

Questo lavoro, considerato un successo dalla critica più conservatrice e moderata e il suo aspetto distinto, gli riaprono i salotti parigini e la possibilità per la sua vita artistica nella ritrattistica.

L'Atelier di Delaroche attira parecchi giovani artisti, desiderosi di imparare la sua tecnica come ad esempio Thomas Couture e Millet, ma per una disgrazia che ha causato la morte di uno dei suoi studenti, chiude lo studio nel 1843.

Paul Hippolyte Delaroche, muore a Parigi il 4 novembre 1856.




Galleria opere d'arte di Paul Delaroche

slideshow
slideshow

paul_delaroche_emiciclo_dett_1837
Emiciclo (1837)

paul_delaroche_scuola_delle_belle_arti_1814
Scuola delle Belle Arti 1 (1814)

paul_delaroche_scuola_delle_belle_arti_1814
Scuola delle Belle Arti 2 (1814)

paul_delaroche_scuola_delle_belle_arti_1814
Scuola delle Belle Arti 3 (1814)

paul_delaroche_napoleone_attraversa_le_alpi_1850
Napoleone attraversa le Alpi (1850)

paul_delaroche_assassinio_1834
Assassinio del duca di Guise (1834)

paul_delaroche_figli_di_edoardo_imprigionati_nella_torre_1830
I figli di Edoardo imprigionati nella torre (1830)

paul_delaroche_giovanna_darco_in_prigione_1824
Giovanna D'Arco in prigione (1824)

paul_delaroche_giovane_martire_cristiana_1855
Giovane martire cristiana (1855)

paul_delaroche_ragazza_in_una_vasca_1845
Ragazza in una vasca (1845)

paul_delaroche_santa_veronica_1865
Santa Veronica (1865)

paul_delaroche_esecuzione_di_lady_jane_grey_1834
Esecuzione di Lady Jane Grey (1834)

paul_delaroche_fra_filippo_lippi_si_innamora_della_sua_modella_1822
Fra Filippo s'innamora della sua modella (1822)

paul_delaroche_morte_di_elisabetta_1828
Morte di Elisabetta (1828)

paul_delaroche_cardinale_richelieu_1829
Cardinale Richelieu in barca (1829)

paul_delaroche__il_cardinale_richelieau_sul_rodano_1829
Il cardinale Richelieu sul Rodano (1829)

paul_delaroche_la_vergine_e_il_bambino_1844
La Vergine e il Bambino (1844)

paul_delaroche_infanzia_di_pico_della_mirandola_1842
Infanzia di Pico della Mirandola (1842)

paul_delaroche_erodiade_1843
Erodiade (1843)

paul_delaroche_adagiato_tra_le_sponde_del_tevere_1843
Adagiato tra le sponde del Tevere (1843)

paul_delaroche_cromwell_e_carlo_I_1831
Cromwell e Carlo I (1831)

paul_delaroche_cardinale_mazzarino_morente_1830
Cardinale Mazzarino morente (1830)


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI & CONSIGLI



Libri sulla pittura Europea

  Leggere un'opera d'arte. Guida per l'analisi e la comprensione della pittura
Chelli Maurizio, 2008, EdUP
  Pittori europei in Italia, pittori italiani in Europa. Gli scambi culturali tra '400 e '700
1991, Guerini e Associati
  Storia dell'architettura europea
Pevsner Nikolaus, 2006, Laterza
  Ritratti d'autore. Figure della pittura europea da Duccio a Rothko
Dal Bello Mario, 2009, Città Nuova
  Post-espressionismo realismo magico. Problemi della nuova pittura europea
Roh Franz, 2007, Liguori
  I grandi maestri della pittura europea
Casu Stefano G., Franchi Elena, Franci Andrea, 2003, Passigli
  La pittura francese
1999, Mondadori Electa
  Mille capolavori della pittura europea
Ullmann
  La pittura in Europa. Il dizionario dei pittori
2002, Mondadori Electa
  La pittura russa
Sarabianov Vladimir, Smirnova Engelina, Vdovin Gennadij, 2001, Mondadori Electa

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport