john_ruskin_003_garden_of_san_miniato_bear_florence_1845




Biografia e vita di John Ruskin (1819 - 1900)

Fondatore di: Guild of St George
Slade Professor presso: Oxford University
Studente presso: Oxford University
Docente presso: Working

Biografia di John RuskinJohn Ruskin, scrittore e critico d'arte, nacque a Londra l'8 febbraio 1819.


Di famiglia ricca, si laureò a Oxford nel 1842 dove fu nominato nel 1869 professore di storia dell'arte ed insegnò fino al 1884, quando lasciò la cattedra per questioni di salute.

Nel 1836 William Turner espose i quadri della sua ultima produzione; il primo a comprendere il nuovo stile del pittore fu proprio il diciassettenne John Ruskin.

La sua difesa di Turner fece scalpore come fece notizia, l'anno dopo La poesia dell'architettura, testo nel quale il giovane critico riprende le idee di Augustus Welby Pugin sulla rivalutazione del gotico.

Sette anni dopo, nel 1843, Ruskin pubblica il primo volume di Pittori moderni con lo scopo di dimostrare la superiorità dei paesaggisti moderni sui tradizionalisti: primo fra tutti Turner.

Al primo volume di Pittori Moderni ne seguiranno altri quattro scritti dal 1846 al 1860.

Autore molto attivo scrisse su molti temi che si potevano agganciare all'arte: la rivalutazione dei "primitivi", la "rivelazione" di Tintoretto, l'arte italiana, l'avversione per i fiamminghi, la riformulazione del concetto di sublime, la Biografia di John Ruskincritica della filosofia tedesca contemporanea, il rapporto fra natura e poesia romantica inglese, l'amore smisurato per Dante.

Tutti gli scritti di John Ruskin sono guidati dalla ferma convinzione che il vero artista sia un veggente, un profeta e che l'arte debba riuscire a favorire l'incontro dell'uomo con la natura e con Dio.

Ruskin sviluppò le sua idee anche sui rapporti tra vita, arte, politica e società, in altre due opere: Le sette lampade dell'architettura (1849) e Le pietre di Venezia (1851-53).

In quest'ultima opera, frutto di un viaggio a Venezia, è ben esemplificata la sua lettura del gotico, basata sui valori decorativi e coloristici, doti creative della società medievali.

Biografia di John RuskinDalla metà degli anni Cinquanta, egli spostò gradualmente la sua attenzione dagli studi sull'arte, in quanto tale, all'analisi delle relazioni tra arte e realtà culturale e sociale, muovendo aspre critiche al capitalismo industriale dell'Ottocento considerandolo strutturalmente disumano.

La ricerca intellettuale di John Ruskin rovesciò la prospettiva corrente: vide nel Rinascimento la fine dell'Età dell'oro, e propose come modello da seguire il Medioevo, diviso in tre classi sociali con compiti ben precisi: i Signori fedeli difensori dello Stato, il clero votato alla fede, e gli artigiani dediti al lavoro.


I tre gruppi, secondo Ruskin, poterono vivere in perfetta armonia.

Tra le opere pubblicate di questo periodo ricordiamo Fino all'ultimo (1862), Sesamo e gigli (1865), Tempo e stagione (1867).

John Ruskin si interessò anche alle problematiche del restauro, scontrandosi con il pensiero di altri critici d'arte che sostenevano che il restauratore dovesse interpretare le opere degli artisti passati, completando anche le opere non finite.

Biografia di John RuskinIn quel periodo sembrò che fosse questa tendenza ad avere il sopravvento, anche in Italia, dove si completò le facciate di Santa Croce (1857-1863) e Santa Maria del Fiore (1857-1887) a Firenze e del Duomo di Arezzo (1891).

John Ruskin per contro affermava che il monumento deve rimanere così com'è, non deve subire nessun intervento a posteriori, non deve essere toccato, deve essere lasciato morire serenamente pur cercando di allontanare il giorno fatale con una continua manutenzione.

La posizione di Ruskin risponde a un culto mistico della natura e della libertà.

Il monumento quando è in rovina smette di avere un'immagine finita e acquista una dimensione infinita confondendosi con la natura.

Per Ruskin il restauro inteso come conservazione è una menzogna poiché sostituendo le antiche pietre si distrugge il monumento e si ottiene solo un modello del vecchio edificio.

Il critico Muore il 20 gennaio 1900 a Coniston nel Lancashire.




Galleria opere d'arte di John Ruskin

slideshow
slideshow

john_ruskin_001_the_pulpit_in_the_church_of_s_ambrogio
Pulpito nella chiesa di Sant'Ambrogio

john_ruskin_002_tower_of_the_cathedral_at_sens_1845
Torre nella cattedrale a Sens (1845)

john_ruskin_003_garden_of_san_miniato_bear_florence_1845
Giardino di San Miniato vicino a Firenze (1845)

john_ruskin_008_houses_at_heuchatel_svizzera
Case a Heuchatel Svizzera

john_ruskin_005_study_of_the_rocks_and_ferns_crossmouth
Studio di rocce e felci a Crossmouth

john_ruskin_006_head_of_lake_geneva
La testa del lago di Ginevra

john_ruskin_007_a_view_in_the_alpes_1835
Vista delle Alpi (1835)

john_ruskin_004_study_of_two_shells
Studio di due conchiglie

john_ruskin_009_portrait_of_rose_la_touche
Ritratto di Rose la Touche


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri di John Ruskin

  John Ruskin: ricerca estetica e mito di Venezia
Marroni Michela, 2007, Aracne
  Gli elementi del disegno
Ruskin John, 2009, Adelphi
  L'eredità di John Ruskin nella cultura italiana del Novecento
2006, Nardini
  Le pietre di Venezia
Ruskin John, 2000, Mondadori
  La bibbia d'Amiens
Ruskin John, 2008, Abscondita
  I miti del progresso. Lettere ai lavoratori d'Inghilterra
Ruskin John, 2008, Centro Gandhi
  Il re del fiume d'oro
Ruskin John, 2009, Medusa Edizioni
  Cattedrali della terra. John Ruskin sulle Alpi
Ferrazza Marco, 2008, CDA & VIVALDA
  Le sette lampade dell'architettura
Ruskin John, 1982, Jaca Book
  Praeterita
Ruskin John, Novecento
  Delle tesorerie dei re
Ruskin John, 2006, Sellerio Editore Palermo
  Sesamo e gigli
Ruskin John, 2000, Bibliosofica
  A quest'ultimo. Quattro saggi di socialismo cristiano. Ediz. per ipovedenti
Ruskin John, 2003, Marco Valerio
  Sulla memoria
Ruskin John, 2003, B. A. Graphis
  A quest'ultimo. Quattro saggi di socialismo cristiano
Ruskin John, 2003, Marco Valerio
  Diario italiano (1840-1841)
Ruskin John, 1992, Mursia (Gruppo Editoriale)
  Itinerario fiorentino. Le «Mattinate» di John Ruskin nelle fotografie degli Alinari
Alinari IDEA
  Giotto e le sue opere a Padova. Giotto and his works in Padua
Ruskin John, 2001, Il Prato
  Saggio su John Ruskin: il messaggio nello stile
Ruggiero Corradini Claudia, 1989, Olschki
  Le pietre di Venezia
Ruskin John, 1987, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  Mattinate fiorentine
Ruskin John, 1991, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli