jean_francois_millet_002_piantatori_di_patate_1861




Biografia e vita di Jean Francois Millet (1814 - 1875)

Jean Francois Millet biografia e opere Nato il 4 ottobre 1814 a Gruchy, un piccolo gruppo di case sulla riva del mare di Normandia, Jean Francois Millet è considerato uno dei più importanti pittori del realismo francese del secondo Ottocento.

Studia a Cherbourg presso un allievo di Gros fino al 1837, quando, grazie a una borsa di studio, può frequentare i corsi di Paul Delaroche all'Accademia di Belle Arti di Parigi.

Tornato a Cherbourg nell'inverno 1840-1841, vi incontra Pauline-Virginie Ono, con la quale si trasferisce a Parigi e che sarà la sua prima moglie. Rimasto vedovo dopo soli tre anni, sposa Catherine Lemaire; dai suoi matrimoni avrà nove figli.

Jean Francois Millet biografia e opereNei primi anni quaranta, Millet esordisce, nella ritrattistica, genere che, nella piccola città di Cherbourg, poteva garantirgli delle commissioni.

Presto, ai ritratti il pittore, seguendo il gusto di allora, si dedica alle scene pastorali, agli idilli classici ed ai nudi femminili, in una "maniera fiorita" come fu definito dai suoi contemporanei.

 La sua attività giovanile, iniziata nell’ambito del romanticismo, conserva una intonazione lirica che manca, spesso, agli altri interpreti del realismo, quali ad esempio Goustave Courbet, e, verso la fine degli anni quaranta i temi della sua poetica si impregnano di un crescente naturalismo.

I soggetti dei suoi quadri sono quasi sempre contadini che vengono presentati con una intonazione poetica senza qualsiasi intento provocatorio o di polemica sociale.

Il Salon, dopo aver respinto alcuni suoi quadri, accetterà di esporre i lavori di Jean-François Millet per più di un ventennio, quando verrà nominato membro della giuria nel 1868.

Jean Francois Millet biografia e opereLe sue prime tele, di contenuto agreste, risalgono al 1848, lo stesso anno della svolta realista di Gustave Courbet e anno della rivoluzione di febbraio che portò all’istituzione, in Francia, della Seconda Repubblica.

Dopo la rivoluzione del 1848, grazie a una somma stanziata dallo Stato, Millet, dal giugno 1849, si trasferisce con la numerosa famiglia a Barbizon nella foresta di Fontainebleau, dove rimarrà, salvo brevi viaggi, fino alla morte nel gennaio del 1875, facendo la fortuna di questo paese che divenne un polo d'attrazione per gli appassionati d'arte di tutto i mondo, specialmente gli americani.

Il quadro che segna la svolta artistica di Jean-François Millet è Il seminatore esposto al Salon del 1850, dove riscuote un autentico successo, soprattutto tra i repubblicani e i critici di sinistra, con vivacissime polemiche dei conservatori.

La vita del popolo riveste una dignità fino ad allora sconosciuta, la rivoluzione aveva permesso a Millet, Courbet e ad altri, di celebrare la rivoluzione sociale ritraendo immagini inedite della vita rurale.

In quella che può esse definita "epopea dei campi", l'artista racconta, con partecipazione sincera, la vita dei contadini, conferendo dignità alla fatica del loro quotidiano lavoro, nobilitato da antica sapienza, da riti e tempi prefissati, rispettati religiosamente.
Jean Francois Millet biografia e opere
Con la stessa precisione sono descritte le scene nell'intimità della casa, dove regna la figura femminile: la madre che insegna alla figlia il lavoro a maglia; la donna che, alla luce di una lampada, rammenda un vestito, la ragazza che fa il burro, la donna che fila la lana, la toeletta del mattino alla luce di una finestra.

Paesaggista superbo, Jean-François Millet, continuò ha dipingere la campagna, ritraendo la perfezione botanica, i luminosi orizzonti, il silenzio di un campo arato e fumante, ma l'uomo, poco a poco, scompare dai suoi quadri ed il pittore si dedica alla pittura di soli paesaggio, finendo la sua attività con quadri che preannunciano già lo spirito della successiva Pittura Simbolista.

Millet fu un lavoratore formidabile, nei suoi cinquantun anni di vita produsse circa cinquecento quadri e tremila tra disegni, pastelli e acquerelli; con Degas, Millet è certamente il più grande interprete della tecnica del pastello dell'intero XIX secolo.




Galleria opere d'arte di Jean Francois Millet

slideshow
slideshow

jean_francois_millet_001_al_lavoro_a_piedi_1851
Al lavoro a piedi (1851)

jean_francois_millet_002_piantatori_di_patate_1861
Piantatori di patate (1861)

jean_francois_millet_003_louise_antoinette_feuardent_1841
Louise Antoinette Feuardent (1841)

jean_francois_millet_004_primavera_1868
Primavera (1868)

jean_francois_millet_005_donna_che_stende_panni
Donna che stende i panni

jean_francois_millet_006_vert_vert_the_nuns_parrot_1839
Vert vert the nuns parrot (1839)

jean_francois_millet_007_angelus_1857
Angelus (1857)

jean_francois_millet_008_the_gleaners
The gleaners (le spigolatrici)

jean_francois_millet_009_pastorella_col_suo_gregge_1864
Pastorella col suo gregge
(1864)

jean_francois_millet_010_il_giardino
Il giardino

jean_francois_millet_011_uomo_con_la_zappa_1860
L'uomo con la zappa (1860)

jean_francois_millet_012_la_semina
La semina

jean_francois_millet_013_bagnante_1846
La bagnante (1846)

jean_francois_millet_014_giovane_donna_1844
Giovane donna (1844)

jean_francois_millet_015_in_giardino_1862
In giardino (1862)

jean_francois_millet_016_infante_malato_1858
L'infante malato (1858)

jean_francois_millet_017_bucheron_preparant_des_fagots
Bucheron preparant des fagots

jean_francois_millet_018_lattaia_normanna
Lattaia normanna

jean_francois_millet_019_un_tailleur_de_pierres
Un tailleur de pierres
(tagliatore di pietre)

jean_francois_millet_020_pastorella_seduta_all_ombra
Pastorella seduta all'ombra


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI


Libri su Jean Francois Millet e la Pittura Realista

  La rivoluzione realista. Lineamenti introduttivi da Barbizon ai macchiaioli
De Paz Alfredo, 2007, CLEUP
  Il realismo nella pittura europea del XIX secolo
Nochlin Linda, 2003, Einaudi
  Il paesaggio nei Campi Flegrei. Tra realtà e metafora
Di Liello Salvatore, 2005, Electa Napoli
  Il lavoro inciso. Capolavori dell'arte grafica da Millet a Vedova. Catalogo della mostra (Lecce, 27 aprile-27 agosto 2006; Milano, 14 settembre-21 ottobre 2006) 2006, Skira
  Dessins de Jean-François Millet. Catalogo della mostra (Parigi, 30 mai-3 septembre 2006). Ediz. francese
Salé Marie-Pierre, 2006, 5 Continents Editions