william_glackens Acquisti di natale in Madison Square (1912)




Biografia e vita di William Glackens (USA 1870-1938)

Foto di William Glackens William James Glackens nasce a Philadelphia nel 1870 e inizia  la sua carriera artistica come illustratore per alcuni giornali della sua città, mentre studia con Robert Henri alla Pennsylvania Academy of Fine Arts.

Alla fine degli studi, nel 1895, Glackens si reca a Parigi dove rimane per un anno ad approfondire lo studio della pittura europea.

Al rientro in America, comincia a dipingere paesaggi in uno stile sfumato che ricorda James Whistler, per poi caricare la tavolozza con tinte più forti che ricordano i lavori di Honoré Daumier, Edouard Manet e le romantiche tele di Paul Cezanne.

William James Glackens sta per abbandonare il lavoro di Illustratore per i giornali, quando il "McClure's Magazine" invia l'artista a Cuba per riprendere i fatti della guerra ispano-americana nel 1898. Laboratorio di William Glackens


Al suo ritorno da Cuba si dedica al disegno dal vero, prendendo i soggetti dei suoi quadri dalle strade e dalla folla della città, diventando in poco tempo noto per le sue scene di folla variopinta in vacanze o di vita mondana, rappresentate in maniera vivace, che racconta, quasi in presa diretta, la nuova civiltà americana in divenire: urbana, industriale, tecnologia, carica di energie e di vitalità, ma anche miserabile, violenta e volgare.

William James Glackens nel 1906 torna in Europa dove visita la Francia e la Spagna ed al suo ritorno si avvicina ai pittori del movimento pittorico americana degli Indipendenti capeggiato da Henri e dai Realisti, ed al movimento modernista promosso da Stieglitz.

I due movimenti, normalmente antagonisti tra loro, erano all'inizio del XX secolo, uniti nell’attacco allo status quo dell’arte statunitense, delle sue istituzioni, norme e restrizioni.

Fotografia di William Glackens Questa comunanza di interessi rende possibile il formarsi degli "Otto" o Scuola Ashcan, composto, oltre che da William Glackens, Robert Henri e Sloan, da Arthur Davies, Ernest Lawson, George Luks, Maurice Prendergast e Everett Shinn che organizzano la mostra del 1908.

La formazione dell’Associazione dei pittori e scultori americani, favorisce la realizzazione della mostra degli Indipendenti del 1910, la realizzazione dell’Armory Show in cui le opere di William Glackens, spiccano sia per il colorismo che per la vasta gamma di interessi, anche mondani.

Glackens continua a lavorare a New York fino al 1925, quando torna in Francia, dove rimane fino al 1932.

Fortemente influenzato da Pierre August Renoir, produce numerosi quadri in stile Impressionista, ma con sfondi sempre scuri e linee più decise.

William Glackens, come i suoi amici americani "realisti urbani", utilizza  per le sue opere un nuovo modo di dipingere basato sull’assenza di disegno preliminare, sulla pennellata rapida e spessa, su tavolozze dai colori intensi e attutiti.

Il pittore che appartiene alla Scuola Ashcan, mette in atto la tecnica dei perturbatori delle coscienze, che rifiutano le convenzioni più o meno ipocrite dell’arte bella.

Il termine "Ashcan" significa letteralmente "bidone delle immondizie".
Non è ben chiaro chi abbia coniato questa definizione, ma essa esprime in modo chiaro l'interesse dei pittori di questa corrente, ovvero il mondo dei sobborghi popolari, la triste realtà povera e squallida di alcuni quartieri.


I soggetti dei suoi quadri comprendono pertanto la raffigurazione dei quartieri poveri delle città, la gente al lavoro, o occupata nella vita quotidiana.

Vincitore di numerosi premi nei suoi ultimi anni, Glackens è stato nominato Accademico alla National Academy nel 1933, cinque anni prima della sua morte.





Galleria opere d'arte di William Glackens

slideshow
slideshow

william_glackens Acquisti di natale in Madison Square (1912)
Acquisti di natale in Madison Square (1912)

william_glackens Giorno di marzo (1912)
Giorno di marzo (1912)

william_glackens_Pattinaggio a Central Park (1910)
Pattinaggio a Central Park (1910)

william_glackens_Giorno di maggio in Central Park (1905)
Giorno di maggio in Central Park (1905)

william_glackens_Celebrazioni italo-americane (1912)
Celebrazioni italo-americane (1912)

william_glackens Bagno a Bellport (Long Island) (1911)
Bagno a Bellport (Long Island) (1911)

william_glackens_Hammersteins Giardino sul tetto (1901)
Hammersteins Giardino sul tetto (1901)

william_glackens_Lontano dall'aria fresca della fattoria (1911)
Lontano dall'aria fresca della fattoria (1911)

william_glackens_Gli acquirenti (1907)
Gli acquirenti (1907)

william_glackens_011
 

william_glackens chez_mouquin_1905
Che Mouquin (1905)

william_glackens_nudo_con_mela_1910
Nudo con mela (1910)

william_glackens_Nudo seduto
Nudo seduto


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri su William Glackens

William Glackens William Glackens
Gerdts, William H.; Glackens, William J.; Santis, Jorge; Abbeville Press


Libri sull'ARTE: OUTLET -50%

  Il volto di Gesù. Storia di un'immagine dall'antichità all'arte contem...
Caroli Flavio, Mondadori
  Follia? Vita di Vincent Van Gogh
Guerri Giordano B., Bompiani
  Davanti all'immagine
Sgarbi Vittorio, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  La pittura moderna e la tradizione romantica del Nord da Friedrich a Rothko
Rosenblum Robert, 5 Continents Editions
  Arte moderna. Dal Postimpressionismo all'Informale
Mondadori Electa
  Trattato della pittura
Leonardo da Vinci, Giunti Demetra
  Vermeer
Tazartes Maurizia, Mondadori Electa
  Bosch
Dello Russo William, Mondadori Electa
  Arte d'Oriente. Arte d'Occidente. Per una storia delle immagini nell'era della global...
Caroli Flavio, Mondadori Electa
  Episodi e personaggi dell'Antico Testamento
De Capoa Chiara, Mondadori Electa
  Grande atlante del Rinascimento
Zuffi Stefano, Mondadori Electa
  Grande atlante del design dal 1850 a oggi
Morteo Enrico, Mondadori Electa