Keith Haring biografia e foto delle opere

Logo settemuse

arte cultura svago turismo ricerche




Scegli dove vuoi andare con Booking.com

Hotel - Residence - Resort - Ville - B&B - Ostelli
Le migliori offerte per un soggiorno in Italia

Galleria opere d'arte di Keith Haring

keith_haring_031
Keith Haring

keith_haring_graffiti
Graffiti

keith_haring_010_graffiti
Graffiti

keith_haring_museo
Museo

keith_haring_parete_pisa
Parete a Pisa

keith_haring_013

keith_haring_022

keith_haring_002

keith_haring_003_fertiltà
Fertilità

keith_haring_fertilità_art_2
Fertilità art. 2

keith_haring_fertilità_art_4
Fertilità art. 4

keith_haring_008
 

keith_haring_001_untitled_1982
Untitled 1982

keith_haring_006_senza_titolo
 

keith_haring_011
 

keith_haring_012
 

keith_haring_trial_prof_1988
Trial prof (1988)

keith_haring_muro_a_pisa
Muro a Pisa

keith_haring_albero_della_vita
L'albero della vita

keith_haring_016
 

keith_haring_017
 

keith_haring_024
 

keith_haring_ inchiostro _1983
Inchiostro (1983)

keith_haring_021
 

keith_haring_aids
AIDS

keith_haring_statua_liberta_1986
Statua della Libertà (1986)

keith_haring_030_1989
 

keith_haring_026
 

keith_haring_scultura
Scultura

keith_haring_014_scultura
Scultura

keith_haring_027_scultura
Scultura




Biografia e vita di Keith Haring (USA 1958-1990)

Keith Haring nasce in Pennsylvania il 4 maggio del 1958. Foto di Keith Haring
Suo padre è fumettista e già da piccolo Keith si interessa alla grafica paterna ed alla comunicazione attraverso le arti figurative, mostrando un vivo interesse per l'Arte Moderna.

A Pittsburgh frequenta per un breve periodo l'Ivy School of Professional Art, dove, coinvolto nel progetto "Pittsburgh Art" e nel "Crafts Center" tiene la sua prima Mostra Personale di disegni astratti al Pittsburgh Center for the Arts.

Ma la Commercial-Art, non lo conquista e, dopo aver visto una retrospettiva dei dipinti di Pierre Alechinsky al Carnegie Museum, lascia la scuola per trasferirsi a New York e per iscriversi alla School of Visual Arts.

Quando Keith Haring si trasferisce a New York City, ha quasi vent'anni ed uno studio sulla Ventiduesima, dove dipinge su carta seguendo una propria concezione di grafica stilizzata, scambiando opinioni e idee con i passanti che si fermano a guardarlo e rovinandosi la salute con droga ed alcool.

Il giovane pittore si rivela presto un artista nel senso pieno del termine, figlio della cultura dei fumetti ma anche di quella dei Maya, dei pittogrammi giapponesi e di Picasso, molto di più di un graffitista o di un decoratore bravo e fantasioso.

Keith Haring elabora anche una propria filosofia dell'arte, la "Popular art" che deve essere per tutti, per questo egli disegna con il gesso bianco sulla carta nera incollata sui manifesti pubblicitari vecchi nelle stazioni della metropolitana di New York (1981), che diventa il suo atelier e la sua esposizione permanente.

Comincia così un'attività frenetica, dipingendo su tutto: plastica, metallo, oggetti di scarto e statue di poco valore. Prestandosi come curatore di mostre di disegni e graffiti presso il Mudd Club, tiene una Mostra Personale al Club 57 ed esegue murales nel cortile di una scuola del Lower East Side.
Auto di Keith Haring
Il pittore dipinge in metropolitana fino al 1986 e in molti si accorgono di lui, i tipici pupazzetti di Haring, le figure stilizzate che “abbracciano”, “amano” e “danzano” colpite da raggi che a loro volta irradiano creando il movimento, che crea altro movimento, sono conosciuti e amati dal pubblico.

Durante una delle tante esibizione a cui partecipa, Keith Haring, conosce l'autore di graffiti L.A. II (Angel Oritz) e collabora con lui. Mentre inizia a dipingere su tele viniliche, tiene una personale alla Tony Shafrazi Gallery a New York e partecipa a Documenta 7 a Kassel, in Germania Occidentale.

Interessato al mondo multimediale, l'artista registra su videocassetta l'esecuzione dei suoi dipinti e crea una animazione di trenta secondi, andata in onda ininterrottamente per un mese sul mega video schermo di Times Square.

Nel 1983 Keith Haring dipinge il murale per la Marquette University a Milwaukee nel Wisconsin. Partecipa a esposizioni in brasile, a Londra, a Tokio e conosce Andy Warhol.

Le sue esposizioni sono sempre seguitissime, come ogni sua manifestazione figurativa, perchè Haring dipinge non solo su muri o pannelli, ma su qualsiasi cosa gli capiti tra le mani: calzature, automobili, magliette e oggetti svariati.

Nel 1984 dipinge murales oltre che a New York, in Australia, in Brasile e crea una animazione pubblicitaria della durata di sessanta secondi per i magazzini Big di Zurigo in Svizzera.

Nel 1985 inizia a dipingere su tela; incoraggiato da Andy Warhol e Basquiat, artisti pop anch'essi, espone contemporaneamente i dipinti alla Tony Shafrazi Gallery e le sculture di acciaio dipinto a vivaci colori alla Leo Castelli Gallery, New York, tiene una Personale al Musée d'Art Contemporain, Bordeaux. Partecipa alla Biennale di Parigi. Crea le scene per Sweet Saturday Night, Brooklyn Academy of Music, New York, e The Marriage of Heaven and Hell, per the Ballet National de Marseille, Francia. Dipinge uno sfondo di 7,50 x 9,50 m per The Palladium, New York. Stampa e distribuisce 20.000 manifesti Free South Africa. Disegna quattro orologi per Swatch Watch USA.

La consacrazione definitiva del suo grande talento avviene nel 1986 quando Keith Haring apre il suo atteso negozio d'arte, il Pop Shop, dove vende gadget e riproduzioni delle sue opere, prodotti figli della sua stessa arte per rendere la sua arte ancora più accessibile, includendola nella vita quotidiana di tutti.
Opera di Keith Haring
Quello stesso anno Keith Haring dipinge ben 107 metri del muro di Berlino.

Con il passare del tempo si è fatto promotore di campagne decisive per quegli anni: contro l’Aids, contro la droga e contro la discriminazione che ancora resisteva verso gli omosessuali: il tutto in un ritmo instancabile, riempiendo muri e muri di disegni senza chiedere permessi burocratici e senza uno schizzo preparatorio.

Protagonista di un modo di vita esagerato, stroncato a soli 31 anni dall’Aids (1990), questo giovane e gracile artista che viveva in un universo visionario, naif e violento, si è imposto al mercato dell’arte, anche se durante i dodici anni di carriera Keith Haring si è imposto più come fenomeno mediatico e politico, che artistico.

gli era stato diagnosticato l'AIDS, nel 1988, Haring è diventato un valido attivista per sensibilizzare i giovani contro l'HIV; nel 1989 ha istituito la Keith Haring Foundation con lo scopo di fornire finanziamenti ed immagini per le organizzazioni contro l'AIDS, e per le opere che si occupano dei bambini.

Anche se l'artista è morto da tempo, il suo stile pieno di bambini, cani, angeli, mostri, televisori, computer, figure di cartoon e piramidi, sono ancora vivi e continuano a trasmettere messaggi pieni di vita.




Libri in Italiano e Inglese su Keith Haring

Keith Haring Keith Haring
Deitch, Jeffrey; Geiss, Suzanne; Rizzoli International Publications
  Against All Odds/A Pesar de Todo: Keith Haring in the Rubell Family Collection/Keith Haring En La Colecction de La Familia Rubell
Rubell Family Collection
Diari Diari 
Haring Keith, 2001, Mondadori
  Keith Haring: I Wish I Didn't Have to Sleep 
Haring, Keith; La Valette, Desiree; Prestel Publishing
Keith Haring. Il murale di Milwaukee. Ed Keith Haring. Il murale di Milwaukee. Ediz. italiana e inglese 
2007, Skira
  Keith Haring. Subway drawings e la New York street art. Catalogo della mostra (Milano, 1997). Ediz. italiana e inglese
1997, Mazzotta
  Keith Haring a Milano
Galasso, Allessandra; Haring, Keith; Johan & Levi Editore
Keith Haring Keith Haring
Skarstedt Fine Art
Basquiat Basquiat 
Charta
Keith Haring Keith Haring 
Haring, Keith; Prestel Publishing
Keith Haring a Milano. Ediz. italiana e Keith Haring a Milano. Ediz. italiana e inglese
2005, Johan & Levi
  Keith Haring. Catalogo della mostra (Sydney, Museum of contemporary art, 1996). Ediz. inglese 1994, Charta
Keith Haring, 1958-1990: Life for Art Keith Haring, 1958-1990: Life for Art 
Kolossa, Alexandra; Taschen
Keith Haring Keith Haring 
Kolossa, Alexandra; Taschen
Keith Haring a Pisa. Cronaca di un mural Keith Haring a Pisa. Cronaca di un murales
Cecchi Roberta, Castellani Piergiorgio, 2003, ETS
Jeannette Montgomery Barron: Session wit Jeannette Montgomery Barron: Session with Keith Haring: 20 Photographs [With Postcards]Montgomery Barron, Jeannette; Haring, Keith; Holzwarth Publication

Cerca su IBS




Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport





arte cultura svago turismo ricerche



Contatto

Per qualsiasi esigenza scrivi a: redazione@settemuse.it

Seguici su

Facebook