Edward Hopper - biografia e foto delle opere

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
Home  Arte  Cultura   Turismo in Italia

Altri temi: Bestseller  Cinema   Come fare  Disegnare  Foto sfondi  Frasi utili  Musica   Poesia  Quiz  Ricette  Scienze  Scrittori  Turismo Europa
 

 

 

 

 

 

Biografia e Opere di Edward Hopper

Edward Hopper

Pittore americano, incisore e illustratore

 

Biografia, dipinti, opere d'arte, quadri, libri, foto sfondi

 

 

 

Biografia e Opere di Edward Hopper

 

Galleria opere d'arte di Edward Hopper

(sfondi formato desktop 1024x768 scaricabili gratis)

edward_hopper_Nudo sdraiato (1927)
Nudo sdraiato (1927)
edward_hopper_Sole del Mattino
Sole del Mattino
edward_hopper_009
 
edward_hopper_Mattino in Città (1944)
Mattino in Città (1944)
edward_hopper_Donna al Sole
Donna al Sole
edward_hopper_014
 
edward_hopper_008
 
edward_hopper_Sera estiva
Sera estiva
edward_hopper_003
 
edward_hopper_006
 
edward_hopper_011
 
edward_hopper_018_room_in_brooklyn_1932
 
edward_hopper_Aquila (1942)
Aquila (1942)
edward_hopper_016
 
edward_hopper_Hotel lobby (1943)
Hotel lobby (1943)
edward_hopper_Persone al Sole (1960)
Persone al Sole (1960)
edward_hopper_Carolina Mattino (1955)
Carolina Mattino (1955)
edward_hopper_western_motel_1957
Western motel (1957)
edward_hopper Il negozio del Barbiere (1931)
Il negozio del Barbiere (1931)
edward_hopper_007
 
edward_hopper Robot Foto
Robot Foto
edward_hopper_chair_car_1965
Chair car (1965)
edward_hopper_compartment_car
Compartment car
edward_hopper_025
 
edward_hopper_cape_cod_evening_1939
Capo Cod evening (1939)
edward_hopper_Casa sui Binari
Casa sui Binari
edward_hopper_the_circle_theatre_1936
The circle theatre (1936)
edward_hopper_Domenica Mattina (1930)
Domenica Mattina (1930)
edward_hopper Luce del sole seconda storia(1960)
Luce del sole seconda storia(1960)
edward_hopper_Il tetto della mansarda (1923)
Il tetto della mansarda (1923)
edward_hopper_038_gloucester_harbor_1912
Porto di Gloucester (1912)
edward_hopper_Passo di Bridle (1939)
Passo di Bridle (1939)
edward_hopper gas_1940
Gas (1940)
edward_hopper Joe in Wyoming (1946)
Joe in Wyoming (1946)
edward_hopper_Faro a due Luci
Faro a due Luci
edward_hopper_004_the_long_leg
La gamba Lunga
edward_hopper_Vento di sera
Vento di sera
edward_hopper_Autoritratto
Autoritratto
   

Indice Arte

Indice alfabetico di tutti i pittori/scultori

Indice H02

 

 

 

Biografia e vita di Edward Hopper (1882 - 1967)


Edward Hopper,nasce il 22 luglio del 1882 a Nyack, piccola Ritratto di Edward Hopper cittadina sul fiume Hudson, in una colta famiglia borghese americana.

La sua città è legata alla industria cantieristica di diporto e Hopper, dopo il liceo, esamina la possibilità di diventare architetto navale, ma i suoi genitori lo convincono a studiare Design Commerciale, per sfruttare le sue innate capacità illustrative che già da ragazzo aveva espresso.
 
Dopo un anno in un college locale, nel 1899 si iscrive al New York Institute of Art, dove Hopper è studente di William Merritt Chase (1849-1916), John Sloan (1871-1951) e Robert Henri (1865-1929), legati alla Scuola Ashcan di New York City, prestigioso istituto che ha sfornato, nel tempo, alcuni dei nomi più importanti della scena artistica americana.

Nei sei anni di studio, Edward Hopper ha occasione di riprodurre, con i suoi compagni di studio George Bellows e Rockwell Ken,  modelli dal vivo.

Il clima stimolante della scuola, i dibattiti artistici fra studenti ed insegnanti, esortano il giovane Hopper a fare scelte coraggiose, sfidando la tradizione del mondo dell'arte dopo aver ben studiato e copiato le opere esposte nei musei ed aver indagato sulla vita gli autori.

Dopo la laurea lavora nell'agenzia di pubblicità C.Phillips & Company dove progetta copertine per riviste di settore; anche se preferisce dipingere che fare il pubblicitario, Edward Hopper farà questo lavoro per altri quindici anni.

Dipinto di Edward Hopper
Edward Hopper, nel 1906, intraprende un viaggio in Europa, visitando Parigi, dove trascura le opere di Picasso e degli altri pittori contemporanei, per studiare i dipinti di Rembrandt ed in particolare le scene parigine dell'incisore francese, Charles Meryon, che influenzeranno il suo stile. 

Dopo il suo ritorno dall'Europa, Hopper apre il suo studio a New York City dove dipinge la vita delle strade di città e scene di caffè, continuando a fare il pubblicitario come free-lance per pagarsi le spese.

Nel 1907, torna in Europa per visitare Londra, Berlino e Bruxelles dove lo stile del pittore matura gradualmente verso una sua originale visione del mondo.

Nei suoi quadri che rappresentano esterni urbani, inserisce un unico personaggio, solo e distaccato fisicamente e psicologicamente, come se vivesse in una dimensione isolata.

A New York, partecipa ad una mostra di controtendenza organizzata da Henri presso l'Harmonie Club, ma non vende niente e nessuno si occupa del suo lavoro; perciò torna a Parigi dove si ferma per sei mesi a dipingere  Saint-Gemain e Fontainebleau.

A questo punto la personalità artistica del pittore ha raggiunto una sua completezza, sia dal punto di vista dei colori, che della luce, usati in modo originale e ormai riconoscibile.

Lo studio degli impressionisti, in particolare di Edgar Degas, gli infonde il gusto per la descrizione degli interni e delle inquadrature di tipo fotografico.
Pittura di Edward Hopper 
Nel 1912 Hopper, in vacanza a Gloucester, nel Massachusetts, dipinge il suo primo faro ed una bella serie di paesaggi all'aperto.
 
Nel 1913 partecipa all'Armory Show International Exhibition of Modern Art di New York e vende finalmente il suo primo quadro.

Durante questi anni di fatica per affermarsi come pittore, Edward Hopper continua a lavorare nel mondo delle illustrazioni pubblicitarie che gli assicurano una certa stabilità economica, e tra il 1915 e il 1923 Hopper affianca alla pittura anche l'incisione, eseguendo puntesecche e acqueforti, grazie alle quali otterrà numerosi premi e riconoscimenti, anche dalla National Academy.

La sua posizione di membro del Whitney Studio Club, il più vitale centro per gli artisti indipendenti, i successi ottenuti con  mostre di acquerelli (1923) e di quadri (1924), fanno di lui uno dei maggiori caposcuola dei Realisti Americani ; la vendita delle sue opere gli permettono di vivere solo con il suo lavoro di pittore e di abbandonare la pubblicità.

Nel 1929, il MoMa di New York espone le sue opere nella mostra intitolata "Dipinti di diciannove artisti americani viventi"; in questo periodo della Grande Depressione il pittore comincia a dipingere immagini tristi.

Nel 1933 il MoMa di New York gli dedica la prima retrospettiva.


Edward Hopper partecipa attivamente alla rivista "Reality", fronte comune degli artisti legati al figurativo e al realismo, che si contrappongono allora come ora, all'Informale e alle nuove correnti astratte.

Autoritratto di Edward HopperNel 1950 il Whitney Museum tiene la seconda retrospettiva del pittore ormai molto famoso.

Agli acquarelli, agli oli, alle litografie, il pittore  aggiunge lavori per il cinema e per il teatro; i giornali ed i critici d'arte parlano sempre più spesso di lui, ed il pittore Charles Burchfield scrive sul "Art News" un articolo dal titolo: "Hopper. Il percorso di una poesia silenziosa".

Questo articolo rivelatore dell'arte di Hopper, dice "I quadri di Hopper si possono considerare da molte angolature.

C'è il suo modo modesto, discreto, quasi impersonale, di costruire la pittura; il suo uso di forme angolari o cubiche (non inventate, ma esistenti in natura); le sue composizioni semplici, apparentemente non studiate; la sua fuga da ogni artificio dinamico allo scopo di inscrivere l'opera in un rettangolo.
 
Tuttavia ci sono anche altri elementi del suo lavoro che sembrano aver poco a che fare con la pittura pura, ma rivelano un contenuto spirituale. C'è, ad esempio, l'elemento del silenzio,che sembra pervadere tutti i suoi lavori più importanti, qualunque sia la loro tecnica.

Questo silenzio o, come è stato detto efficacemente, questa "dimensione di ascolto", è evidente nei quadri in cui compare l'uomo, ma anche in quelli in cui ci sono solo architetture. [...].

Conosciamo tutti le rovine di Pompei, dove furono ritrovate persone sorprese dalla tragedia, "fissate per sempre" in un'azione (un uomo fa il pane, due amanti si abbracciano, una donna allatta il bambino), raggiunte improvvisamente dalla morte in quella posizione.
 

Foto di Edward Hopper
Analogamente, Hopper ha saputo cogliere un momento particolare, quasi il preciso secondo in cui il tempo si ferma, dando all'attimo un significato eterno, universale".

Edward Hopper continua il suo lavoro di pittore ed illustratore del mondo che scorge dentro e fuori di se, fino alla morte avvenuta il 15 maggio del 1967 nello studio newyorchese.

Indice Arte

Indice alfabetico di tutti i pittori/scultori

Indice H02

 

 

 

Libri su Edward Hopper

Edward Hopper. La fotosintesi dell'esser

Edward Hopper. La fotosintesi dell'essere 
Bonnefoy Yves, 2009, Abscondita

 

Western Motel: Edward Hopper e Arte Contemporanea
Verlag Fur Kunst Mododerne

Edward Hopper. Biografia intima

Edward Hopper. Biografia intima 
Levin Gail, 2009, Johan & Levi

Modern Life. Edward Hopper and His Time

Modern Life. Edward Hopper e il suo tempo
Westheider, Otrud; Art Archivio Books Ltd

Edward Hopper

Edward Hopper 
Foster Carter, 2009, Skira

 

Edward Hopper & Company: Influenza Hopper sulla fotografia 
Adams, Robert; Fraenkel Gallery

Colora insieme a Edward Hopper

Colora insieme a Edward Hopper 
2009, 22 Publishing

Edward Hopper

Edward Hopper 
Farres, Ernest; Graywolf Press

Si parla troppo di silenzio. Un incontro

Si parla troppo di silenzio. Un incontro immaginario tra Edward Hopper e Raymond Carver 
Nove Aldo, 2009, Skira

Triangles of Light: The Edward Hopper Po

Triangoli di luce: la Poems Edward Hopper 
Hoggard, James; Wings Press (TX)

Per una ricerca più completa di LIBRI - FILM - MUSICA CD/DVD: