Turandot - opera lirica di G. Puccini

Settemuse Arte Turismo Vacanze Cultura

Temi principali:
 Home   Arte   Cultura   Turismo Italia 

Altri temi:  Bestseller    Cinema    Come fare    Disegnare    Foto sfondi 
 
 Frasi utili   Musica   Poesia   Ricette   Scienze   Scrittori   Turismo Europa  


Sei qui: Home > Musica compositori e opere liriche




 
Turandot di Giacomo Puccini

Opere Liriche:

Turandot

di Giacomo Puccini






Riassunto in breve


In Cina, in un mitico "tempo delle favole", viveva una bellissima e solitaria principessa (Turandot), nella quale albergava lo spirito di una sua antenata violentata e uccisa. Da ciò nasceva l'orrore di Turandot per gli uomini.

Turandot di Giacomo Puccini
Il popolo di Pechino e l'Imperatore suo padre (Altoum) le fanno però pressione affinché si sposi.

Ella alla fine accetta di sposare solamente il giovane nobile che sarà in grado di sciogliere i tre enigmi da lei proposti: se fallirà, però, morirà.

L'opera si apre con l'ennesima testa che cade, quella del giovane Principe di Persia.

Tra la folla è presente in quel momento Calaf, principe tartaro spodestato, che non riesce a resistere alla bellezza di Turandot e decide di provare a risolvere gli enigmi.

Fra la folla ritrova il vecchio padre (Timur) e la fedele schiava Liù (da tempo segretamente innamorata di Calaf) che tentano inutilmente di fargli cambiare idea.

Calaf si ritrova faccia a faccia con la "bella di ghiaccio" di cui riesce a risolvere tutti e tre gli enigmi.

Turandot è ovviamente disperata e Calef le propone a sua volta un enigma: se prima dell'alba la Principessa riuscirà a scoprire il suo nome, egli morirà.

Altrimenti diventerà il suo sposo.

Turandot, riesce a rintracciare Timur e Liù, ma entrambi taceranno, anzi, Liù sentendo di non poter  resistere alle torture a cui la stanno sottoponendo, si suicida.

Alla fine sarà lo stesso Calaf a rivelare alla principessa il proprio nome, ma solo dopo essere riuscito a darle un bacio appassionato.

Bacio che sconvolgerà nell'intimo Turandot, la quale andrà con Calaf davanti all'imperatore suo padre ed al popolo, annuncerà trionfante di aver finalmente scoperto il nome dello straniero: Il suo nome è "Amor".
 


Trama della Turandot di Giacomo Puccini

Turandot
 

Turandot è un'opera in 3 atti e 5 quadri, su libretto di Giuseppe Adami e Renato Simoni. Turandot di Giacomo Puccini

La partitura pucciniana è rimasta incompiuta a causa della prematura scomparsa dell'autore, stroncato nel novembre del 1924 da un tumore maligno alla gola.

Del finale scritto da Puccini restano solo alcuni abbozzi, sparsi su 23 fogli.

La prima rappresentazione di Turandot ebbe luogo al Teatro alla Scala di Milano, il 25 aprile 1926, sotto la direzione di Arturo Toscanini, il quale, profondamente commosso, arrestò la rappresentazione a metà del terzo atto, due battute dopo il verso "Liù, poesia!", sussurrando al pubblico le parole: "Qui termina la rappresentazione perché a questo punto il Maestro è morto".

Il libretto dell'opera di Puccini si basa sulla traduzione di Andrea Maffei dell'adattamento tedesco di Friedrich Schiller da una commedia di Carlo Gozzi.

L'idea per l'opera venne al compositore in seguito a un incontro con i librettisti Giuseppe Adami e Renato Simoni, avvenuto a Milano nel marzo 1920.

Nell'agosto dello stesso anno il compositore poté ascoltare, grazie al suo amico barone Fassini, un carillon con temi musicali proveniente dalla Cina.

Alcuni di questi temi sono presenti nella stesura definitiva della partitura.

Alla fine della sua vita creativa, Puccini si cimenta con un soggetto fiabesco, come gli era già accaduto musicando la scena finale della sua prima opera, "Le Villi".

Il finale dell'opera costituì, per i musicofili, un grosso problema: il punto più controverso del materiale lasciato da Puccini è costituito dall'episodio del bacio che è il momento clou dell'intera opera. La trasformazione di Turandot da principessa di gelo a donna innamorata.

Puccini non arrivò a scrivere questa scena, lasciando il sospetto che il finale dell'opera poteva essere un'altro.

In un primo momento il finale della Turandot venne affidato al compositore napoletano Franco Alfano e riscritto, in seguito, dal maestro Luciano Berio nel 2001.

Atto I


Quadro primo: Una piazza a Pechino, «al tempo delle favole».

Un Mandarino annuncia alla folla che il principe di Persia, non avendo risolto i tre enigmi proposti da Turandot, sarà decapitato pubblicamente.

Tra la folla, ci sono un vecchio ammalato e una donna, che chiede aiuto.

Accorre un giovane, che riconosce nel vecchio Timur, suo padre, un re tartaro spodestato dai cinesi. 

Turandot di Giacomo Puccini

Ai primi chiarori lunari, entra il corteo che accompagna il condannato ed alla sua vista la folla, prima eccitata, si commuove e invoca la grazia per il condannato.

Turandot allora entra, glaciale, ordina il silenzio alla folla e con un gesto dà l'ordine al boia di giustiziare l'uomo.

Calaf, impressionato dalla regale bellezza di Turandot, decide di tentare di risolvere i tre enigmi per conquistare la mano della principessa.

Timur e Liù tentano di fermarlo, ma lui si lancia verso il gong dell'atrio del palazzo imperiale, dove anche i tre ministri del regno, Ping, Pong e Pang, tentano di fargli cambiare idea sottolineando l'insensatezza dell'azione che sta per compiere. Ma Calaf, quasi in una sorta di delirio, si libera di loro e suona tre volte il gong, invocando il nome di Turandot.

Atto II


Quadro secondo:  Notte in un padiglione vicino alla reggia

Turandot di Giacomo PucciniÈ notte. I tre ministri si lamentano di come, in qualità di sudditi,  siano costretti ad assistere alle esecuzioni delle troppe sfortunate vittime di Turandot, mentre preferirebbero vivere tranquillamente nei loro possedimenti in campagna.

Quadro terzo: Vasto cortile del palazzo dominato da una scala di marmo

Sul piazzale della reggia, tutto è pronto per l'infernale prova dei tre enigmi.

L'imperatore Altoum invita il principe ignoto, Calaf, a desistere, ma quest'ultimo insiste.

Il mandarino fa dunque iniziare la prova mentre entra Turandot.

La bella principessa spiega il motivo del suo comportamento: molti anni prima il suo regno era caduto nelle mani dei tartari, in seguito a ciò, una sua antenata era finita nelle mani di uno straniero che l'aveva violata ed uccisa.

In ricordo della sua morte, Turandot aveva giurato che non si sarebbe mai lasciata possedere da un uomo: per questo, aveva inventato il rito degli enigmi, convinta che nessuno li avrebbe mai risolti.

Ma Calaf riesce a risolvere gli enigmi e la principessa, disperata, si getta ai piedi del padre, supplicandolo di non consegnarla allo straniero.

Per l'imperatore la parola data è sacra, la figlia sposerà il giovane.

Turandot si rivolge allora al Principe e lo ammonisce che, in questo modo, egli avrà solo una donna riluttante e piena d'odio.

Calaf, che l'ama, la scioglie allora dal giuramento proponendole a sua volta una sfida: se la principessa prima dell'alba riuscirà ad indovinare il suo nome, egli si sottoporrà alla scure del boia.

Il nuovo patto è accettato, mentre risuona un'ultima volta, solenne, l'inno imperiale.


Turandot di Giacomo PucciniAtto III


Quadro quarto: É notte nel giardino della reggia.

In lontananza si sentono gli araldi che portano l'ordine della principessa. Quella notte nessuno deve dormire. Il nome del principe ignoto deve essere scoperto ad ogni costo prima dell'alba.

Calaf intanto sogna ad occhi aperti le labbra di Turandot, finalmente libera dall'odio e dall'indifferenza (aria "Nessun Dorma").

Giungono Ping, Pong e Pang, che offrono a Calaf qualsiasi cosa pur di sapere il suo nome.

Nel frattempo, Liù e Timur vengono portati davanti ai tre ministri.

Appare anche Turandot, che ordina loro di parlare.

Liù, per difendere Timur, afferma di essere la sola a conoscere il nome del principe ignoto, ma dice anche che non svelerà mai questo nome.

Subisce delle torture, ma continua a tacere, riuscendo a stupire Turandot. Le chiede cosa le dia tanta forza per sopportare le torture e Liù risponde che è l'amore a darle questa forza.

Turandot di Giacomo Puccini
Turandot è turbata da questa dichiarazione, ma, tornata ad essere la solita gelida principessa, ordina ai tre ministri di scoprire ad ogni costo il nome del principe ignoto.

Liù, capendo che non riuscirà a tenerlo nascosto ancora, riesce a prendere un pugnale e ad uccidersi, cadendo esanime ai piedi di Calaf.

Il corpo senza vita di Liù viene portato via seguito dalla folla che prega.

Turandot e Calaf restano soli e lui la bacia.

La principessa dapprima lo respinge, ma poi ammette di aver avuto paura di lui, la prima volta che l'aveva visto e pur essendo travolta dalla passione lo supplica di non volerla umiliare.

Calaf le fa il dono della vita e le rivela il nome: Calaf, figlio di Timur.

Quadro quinto: Cortile d'onore della reggia. Un ampio scalone del palazzo imperiale

Turandot di Giacomo PucciniIl giorno dopo, al palazzo reale, davanti al trono imperiale è riunita una grande folla.

Il cortile d'onore della reggia con l'immensa scala accoglie ancora l'assemblea di funzionari per la suprema prova davanti al sovrano.
 
Squillano le trombe e Turandot afferma di conoscere finalmente il nome dello straniero, ma, quando tutti attendono che lo sveli per mandare l'audace alla morte, la principessa, fissando Calaf, esclama, ardendo della nuova fiamma: "il suo nome è ...Amore".

Calaf ripete quanto appena udito e sale d'impeto la scalinata per raggiungere Turandot.

Un abbraccio li unisce, mentre la folla acclama e prorompe in un canto di gioia.

Tra le grida di giubilo della folla, Turandot abbraccia Calaf abbandonandosi tra le sue braccia.

 


 
Torna a indice opere liriche  Biografia di Gioachino Rossini    



Opera lirica Turandot  CD DVD  delle interpretazioni più famose

 

Giacomo Puccini. Turandot
Warner Music Italy, 2008
Regia di Giuliano Montaldo, Brian Large
Principali interpreti: Ghena Dimitrova, Nicola Martinucci, Cecilia Gasdia, Maurizio Arena, Orchestra Arena di Verona, Giacomo Puccini

Turandot Turandot
Giacomo Puccini,Orchestra Filarmonica di Strasburgo, Alain Lombard (direttore)Montserrat Caballé (cantante), Mirella Freni (cantante), José Carreras (cantante)
EMI Classics, 2 CD, 2008
 

Giacomo Puccini. Turandot
Universal Music, 2003
Regia di Franco Zeffirelli, Kirk Browning
Principali interpreti: Eva Marton, Placido Domingo, Leona Mitchell, Paul Plishka, Samuel James Levine, Giacomo Puccini

Turandot

Turandot
Giacomo Puccini,Roberto Abbado (direttore),Eva Marton (cantante), Jan-Hendrik Rootering (cantante), Ben Heppner (cantante), Margaret Price (cantante)
RCA Red Seal, 2 CD, 2009

 

Giacomo Puccini. Turandot
Jupiter Classics, 2003 Widescreen
Principali interpreti: Valery Gergiev, Vienna Philharmonic Orh., Vienna State Opera Chorus, Gabriele Schnaut, Robert Tear, Johan Botha, Boaz Daniel, Giacomo Puccini

Turandot

Turandot
Giacomo Puccini,Orchestra del Teatro alla Scala, Tullio Serafin (direttore),Maria Callas (cantante), Elisabeth Schwarzkopf (cantante), Eugenio Fernandi (cantante)
Naxos, 2 CD, 2009

 

Giacomo Puccini. Turandot
Warner Vision International, 2001
Regia di Brian Large, David Hockney, Peter McClintock
Principali interpreti: Eva Marton, Michael Sylvester, Lucia Mazzaria, Kevin Langan, San Francisco Opera Orche, Donald Runnicles, Giacomo Puccini

Turandot

Turandot
Giacomo Puccini,Orchestra del Teatro alla Scala, Tullio Serafin (direttore),Maria Callas (cantante), Elisabeth Schwarzkopf (cantante), Eugenio Fernandi (cantante)
EMI Classics, 2 CD, 2007

 

Puccini Giacomo. Turandot nella città proibita
Sony - BMG, 1999
Regia di Hugo Kach
Principali interpreti: Zubin Mehta, Giacomo Puccini

Turandot

Turandot
Giacomo Puccini,Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma, Erich Leinsdorf (direttore),Birgit Nilsson (cantante), Renata Tebaldi (cantante), Jussi Björling (cantante)
Living Stereo, 2 Super Audio CD ibrido, 2006

Per una ricerca più completa di LIBRI - FILM - MUSICA CD/DVD: