Opera lirica LA FORZA DEL DESTINO




La forza del destino - opera lirica di G. Verdi

La Forza del Destino di Giuseppe VerdiL'opera racconta di Donna Leonora, che ama, riamata, Don Alvaro, un giovane di nobili origini ma di sangue misto.

Il padre, contrario all'unione, sorprende i due mentre si apprestano a fuggire. Resta ucciso dal colpo di pistola partito accidentalmente dall'arma di Don Alvaro che l'aveva lasciata cadere per dimostrare le sue buone intenzioni.

Donna Leonora chiede asilo in un convento di frati che, secondo la regola non potrebbe ospitare una donna.

In un'aria, molto bella, il Padre Guardiano del convento, chiama a raccolta tutti i frati (il coro) dicendo che, sebbene le donne non possono essere ospitate in convento, per suo ordine, i frati dovranno proteggerla perchè corre pericolo di vita, in quanto il fratello Don Carlo è deciso ad ucciderla per lavare il disonore.

 La donna sarà ospitata nell'eremo di fronte al convento e questo dovrà essere un segreto.

L’elemento che maggiormente caratterizza quest’opera è proprio il coro dei frati, che qui assume una dimensione cosmica, capace di slanci di gioia e di gesti di genuina religiosità.

Il Balletto, sempre considerato un perno importante in questa opera, porta in scena paesani e paesane, vivandiere spagnole e italiane e soldati spagnoli e italiani.


Trama de La Forza Del Destino di Giuseppe Verdi

La Forza del Destino di Giuseppe Verdi Melodramma in quattro atti di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, tratto da Don Alvàro o la Fuerza del Sino di A. Saavedra, duca di Rivas.
Prima: Pietroburgo, Teatro Imperiale,
10 Novembre 1862.

All’indomani della "Prima" l’Opera, pur suscitando vasti consensi, fu ritenuta dalla critica troppo lunga e, malgrado il successo di pubblico, fu contestata dai nazionalisti russi e dai filotedeschi.

Anche la "Prima" a Madrid, nel febbraio del 1863, nonostante le buone accoglienze fu causa di polemiche: Verdi fu accusato di essersi allontanato dal solco della sua tradizione e di avere profanato il dramma di Rivas.

Il 27 febbraio del 1869 l’opera va in scena anche alla Scala di Milano, ma con qualche modifica apportata da Verdi con l’aiuto, questa volta, di Antonio Ghislanzoni, versando Francesco Maria Piave in gravi condizioni di salute.

Sono oggetto di cambiamento il terzo atto, dalla sesta scena alla fine, il quarto atto dalla quinta scena alla fine e il finale in cui Don Alvaro non si getta più dalla rupe, ma si umilia davanti al Padre Guardiano che lo invita a farlo anche davanti a Dio.


Atto I

La Forza del Destino di Giuseppe Verdi Scena I - Casa dei marchesi di Calatrava, a Siviglia.
Leonora, la figlia del Marchese di Calatrava, riceve la buonanotte dal padre.

Rimasta sola, la giovane dà sfogo con le lacrime al suo intimo tormento: ama Don Alvaro, un giovane di nobili origini ma di sangue misto, con il quale ha deciso di fuggire, ma ama anche il padre, che osteggia il suo legame sentimentale poiché lo ritiene disonorevole per il casato.

Giunge Alvaro, tutto è pronto per la fuga e Leonora, abbandonate le incertezze, è pronta a lasciare la casa paterna quando, all’improvviso, il marchese di Calatrava, armato, irrompe nella stanza.

Leonora si getta ai suoi piedi mentre Alvaro, proclamando l’innocenza della giovane, si assume ogni responsabilità e offre addirittura la propria vita all’ira del marchese.

In segno di resa getta lontano da sé la pistola che, nel colpire il pavimento, lascia partire un colpo che ferisce a morte il marchese.

Alvaro, atterrito e impotente, trascina nella fuga Leonora, maledetta dal padre che spira.


Atto II

La Forza del Destino di Giuseppe VerdiQuadro primo - Osteria del villaggio di Hornachuelos.
Sulle tracce di Leonora e di Alvaro, Don Carlo di Vargas è giunto travestito da studente all’osteria.

Fingendo allegria e semplice curiosità, chiede notizie al mulattiere sulla misteriosa persona che egli accompagna in viaggio, ma Leonora si è accorta della presenza del fratello e si tiene nascosta.

 Entra Preziosilla, una giovane zingara, che incita i presenti a lasciare la miseria del villaggio ed a cercare la fortuna in Italia, nella guerra contro i tedeschi.

Arrivano dei pellegrini che vanno al Giubileo e tutti si inginocchiano a pregare.

Il raccoglimento è di breve durata: un fiasco di vino riporta allegria e il falso studente si rivolge di nuovo al mulattiere, chiedendogli se la persona che accompagna è un uomo o una donna e perché non sia scesa a cenare.

Le domande alla fine stancano Trabucco, il mulattiere, che se ne va a dormire in compagnia delle sue mule.

Invitato a rivelare la sua identità, lo studente afferma di chiamarsi Pereda, di venire da Salamanca e di essersi trovato suo malgrado coinvolto in una brutta storia.

Finge di essere un amico di Don Carlo di Vargas il cui padre è stato ucciso dall’amante della figlia.

Tutti credono alla storia tranne la zingara, che si prende gioco del finto studente, ma ormai la notte è sopraggiunta e tutti si ritirano.

La Forza del Destino di Giuseppe VerdiQuadro secondo - All’alba, davanti al convento della Madonna degli Angeli. 
Arriva Leonora, sfinita e spaventata, ma anche consolata perchè, dalle parole del fratello ha appreso che il fratello vuol ucciderla, ma anche che l'amato, che credeva morto, è vivo ed in fuga per l'America.

Disperata, chiede ospitalità ai frati in un eremo, isolato ma vicino.

Il Padre Guardiano è inizialmente perplesso, ma Leonora lo convince e alla fine la chiesa del convento si apre e i frati si riuniscono accogliendola.




Atto III

La Forza del Destino di Giuseppe VerdiQuadro primo - Italia, notte.
 Don Alvaro, che vive sotto mentite spoglie, è Capitano dei Granatieri Spagnoli stanziati in Italia per la guerra ai tedeschi, ripensa alla tragica notte in cui il suo destino è stato segnato.

Crede che Leonora sia morta e lui non sente più alcun attaccamento alla vita.

Grida di aiuto lo distolgono dai suoi cupi pensieri, accorre e salva un uomo. Questi è Don Carlo, il fratello di Leonora, che gli si dichiara subito riconoscente offrendo il suo braccio per la causa comune, arruolandosi.

Durante la battaglia, Alvaro viene gravemente ferito e Carlo, al suo capezzale, lo esorta a resistere e gli promette come ricompensa per il suo valore di insignirlo dell’ordine di Calatrava.

A queste parole Alvaro ha un sussulto, poi, gli affida una valigetta con le cose a lui più care e alcune lettere pregandolo di distruggerle.

Carlo pur sospettando che l’amico possa essere Alvaro, non vuole mancare al giuramento leggendo le lettere, ma aprendo la valigetta, vede il ritratto di Leonora ed in un attimo l’amicizia si trasforma in disprezzo e desiderio di vendetta.

 Quando il chirurgo comunica che Alvaro è fuori pericolo, Carlo esulta: finalmente, potrà riscattare l’onore dei Vargas, sfidandolo a duello.

La Forza del Destino di Giuseppe VerdiQuadro secondo - Esterno
Alvaro è ormai convalescente e Carlo lo affronta chiedendogli di battersi.

Alvaro rifiuta, si proclama innocente, appellandosi alla testimonianza di Leonora ed a suo padre, ma, quando Carlo gli rivela che Leonora è ancora viva, lascia esplodere la sua gioia, chiedendogli di superare l'odio e permettergli di sposarla.

Carlo è però inesorabile: promette di ritrovare la sorella, ma al solo fine di punirla del suo peccato, uccidendola.

I due si battono, ma la ronda interviene e li divide; mentre Carlo è trascinato via furibondo, Alvaro decide di chiudersi in convento per tutta la vita.







Atto IV

La Forza del Destino di Giuseppe VerdiQuadro primo - Interno del Convento di Santa Maria degli Angeli Fra Melitone è ritornato al suo convento e distribuisce la minestra ai poveri di Hornachuelos, ma non ha pazienza.

Il Padre Guardiano gli ricorda le maniere del frate entrato da poco in convento, padre Raffaele.

Una energica scampanellata annuncia l'arrivo di un cavaliere che chiede imperiosamente di padre Raffaele.

Melitone si allontana borbottando e poco dopo appare il frate, che altri non è che Alvaro.

Ancora una volta Don Carlo lo sfida a un duello all’ultimo sangue, ma Alvaro rifiuta, per il suo amore per Leonora e per l’abito che porta.

Carlo, irremovibile, fa leva sull’orgoglio di Alvaro, chiamandolo vigliacco e schiaffeggiandolo.

Entrambi accecati dalla rabbia, si precipitano fuori dal convento per battersi. 

La Forza del Destino di Giuseppe VerdiQuadro secondo - L'eremo di Leonora
Leonora, nella quiete silenziosa dell’eremo, non ha trovato la pace nella quale sperava, è sempre tormentata dall'immagine di Alvaro.

Qualcuno bussa alla porta, la fanciulla è titubante, ma alla fine apre.

Alvaro, stravolto e sporco di sangue le dice che suo fratello Carlo è morto.

Leonora corre dal fratello. Mentre Alvaro medita amaramente sulla forza del destino, si ode un grido di Leonora che Carlo ha colpito a morte.

Alvaro impreca e si dispera, ma Leonora gli si rivolge con serenità, ricordandogli che c’è una terra promessa nella quale anche il loro amore potrà finalmente esistere.

Mentre Alvaro grida tutta la sua amara protesta, il padre guardiano gli si avvicina e lo esorta alla fede e alla pietà.

seguici su facebook   








Annunci o altre pagine interessanti:







La Forza Del Destino CD DVD

  Giuseppe Verdi. La Forza del Destino
Jupiter Classics, 2009
Regia di Nicolas Joel
Principali interpreti: Giuseppe Verdi, Zubin Mehta, Bruno Dal Monte, Violeta Urmana, Carlo Guelfi, Marcello Giordani, Julia Gertseva, Orchestra del Maggio Musi, Coro del Maggio Musicale
  Giuseppe Verdi. La Forza del Destino
Sound and Music, 2006
Regia di Pier Francesco Maestrini
Principali interpreti: Giuseppe Verdi, Lukas Karitynos, Susanna Branchini, Renzo Julian, Orchestra Filarmonia Vene
  Giuseppe Verdi. La Forza del Destino
Universal Music, 2005
Regia di John Dexter, Kirk Browning
Principali interpreti: Leontyne Price, Giuseppe Giacomini, Leo Nucci, Bonaldo Giaiotti, Isola Jones, James Courtney, Samuel James Levine, The Metropolitan Opera Orches, Giuseppe Verdi
  Verdi Giuseppe. La Forza del Destino
Warner Vision International, 2001
Regia di Brian Large
Principali interpreti: Giuseppe Verdi, Galina Gorchakova, Gegam Grigorian, Kirov Theatre Orchestra, Marianna Tarasova, Valery Gergiev




Cerca su IBS

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport