Vitaliano Brancati




Vitaliano Brancati breve biografia e contenuti dei suoi libri

Biografia e foto di Vitaliano Brancati Vitaliano Brancati è nato a Pachino (Siracusa) nel 1907 da padre avvocato con interessi letterari, Vitaliano Brancati compie i propri studi a Catania e si laurea in lettere nel 1929.

Per alcuni anni, si dedica all’insegnamento e pubblica nel 1928 il poema drammatico “Fedor”, nel 1931 l’atto unico “Everest” e nel 1932 il dramma patriottico “Piave”, di irrilevante valore artistico e manifesti intenti di propaganda nazionalfascista.

Si trasferisce intanto a Roma, ove - grazie pure ai contatti con Moravia ed Alvaro, si allontana dalle posizioni politiche favorevoli al regime, al punto da ripudiare i suoi lavori precedenti.

Il nuovo corso artistico si apre con “Gli anni perduti” (1938), intriso di umori gogoliani e cechoviani: ma è con “Don Giovanni in Sicilia” (1941), che egli s’impone all’attenzione della critica e del pubblico. Brancati traccia un quadro pungente e serrato del “gallismo” imperante in una città della Sicilia allusione maliziosa alle smanie di grandezza imperiale del fascismo.

Nel successivo “Il bell’Antonio” (1949) mette alla berlina l’erotismo dei siciliani, mentre è un’ossessione sessuale al centro dell’incompiuto ed ambizioso ultimo suo romanzo, “Paolo il caldo” (1954) pubblicato postumo.

Tra i racconti, spicca lo straordinario “Il vecchio con gli stivali” (1944), acre satira del fascismo e dell’antifascismo ufficiale, da cui da Luigi Zampa ha tratto il film “Anni difficili” (1947).

Il lavoro teatrale, “La governante” (1952), incentrato su un caso di omosessualità femminile viene censurato e questo ispira all’autore il pamphlet “Ritorno alla censura” (1952), ove egli rivendica la libertà d’espressione dell’artista.

Della sua attività di sceneggiatore cinematografico, meritano menzione almeno “La bella addormentata” (1943) di Luigi Chiarini, “Silenzio, si gira!” (1944) di Carlo Campogalliani, il già citato “Anni difficili” cui fa seguito - sempre per la regia di Zampa - “Anni facili” (1953), “L’uomo la bestia e la virtù” (1954) di Steno.

Lo scrittore muore a Torino nel 1954

Leonardo Sciascia, rinvenendo una linea di continuità tra Brancati e Borgese, parla dei due come dei "più veri ed effettuali scrittori liberali di questo secolo: Borgese di fronte al fascismo; Brancati, da un certo punto in poi, di fronte al fascismo e poi di fronte al marxismo. E perciò stanno come in disparte, solitari e quasi dimenticati" [Leonardo Sciascia, "Per un ritratto dello scrittore da giovane", Palermo 1985].






Annunci o altre pagine interessanti:



Tutti i libri di Vitaliano Brancati

 
  Vitaliano Brancati
cur. Andreoli A., 2005, De Luca Editori d'Arte
  La narrativa di Vitaliano Brancati
Gazzola Stacchini Vanna, 1970, Olschki
  L'illuminista Vitaliano Brancati. Monografia di Vitaliano Brancati
cur. Pedullà W., 2010, Ponte Sisto
  Vitaliano Brancati
Spera Francesco, 1981, Mursia (Gruppo Editoriale)
  Il sesso, il lutto ed il cono gioioso dell'Etna. La malinconia erotica in Vitaliano Brancati
Ronsisvalle Diego, 1995, Bonanno
  Vitaliano Brancati. Le avventure morali e i «piaceri» della scrittura
Perrone Domenica, 2003, Sciascia
  Vitaliano Brancati da via Etnea a via Veneto
2001, Fahrenheit 451
  L'infelicità della ragione nella vita e nell'opera di Vitaliano Brancati
Ferretti G. Carlo, 1998, Guerini e Associati
  Racconti, teatro, scritti giornalistici
cur. Dondero M., 2003, Mondadori
  Vitaliano Brancati da via Etnea a via Veneto
2001, Fahrenheit 451
  Opere: Romanzi e saggi-Racconti, teatro, scritti giornalistici
cur. Dondero M., 2003, Mondadori
  Romanzi e saggi
cur. Dondero M., 2003, Mondadori


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica Libri IBS 4 classifica Libri IBS 4 classifica


Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport