Massimo D'Azeglio




Massimo D'Azeglio breve biografia e contenuti dei suoi libri

Foto di Massimo D'Azeglio Massimo D'Azeglio, (Massimo Taparelli D'Azeglio) statista piemontese, scrittore e pittore, figlio cadetto del marchese Cesare nacque a Torino nel 1798, ma passò l'infanzia a Firenze.

Dopo la caduto di Napoleone torna a Torino con la famiglia per frequentare l'Università. Sottotenente di cavalleria nel reggimento Piemonte Reale nel 1820 l'abbandonò la carriera militare per dedicarsi alla pittura.

Nel 1831, alla morte del padre, si trasferì a Milano, dove acquistò fama come autore di romanzi storici e patriottici e, frequentando i cenacoli romantici milanesi, conobbe il Manzoni e ne sposò la figlia Giulia.

Durante la sua attività di romanziere scrisse opere caratterizzate dal ritmo narrativo veloce, dal tratteggio vivace di ambienti e figure, con abile alternanza di elementi patetici e grotteschi, tragici e moderatamente comici: "Ettore Fieramosca" nel 1833, "Niccolò de’ Lapi" nel 1841 e l’incompiuto "La lega lombarda" opere animate da spirito patriottico.

Dal 1845 ebbe inizio la sua avventura politica, con la pubblicazione di vari opuscoli polemici e antiaustriaci. Partecipò attivamente alle giornate del 1848.

Confidando in Carlo Alberto per il successo delle idee nazionali e costituzionali, e insieme sospettoso verso l'attività delle società segrete, fu un esempio tipico di moderato liberale, legalitario e federalista, ed espresse le sue idee nello scritto "Gli ultimi casi di Romagna" (1846), in cui denunciò il malgoverno papale, disprezzando i tentativi insurrezionali del 1845 e "I lutti di Lombardia" (1848).
I miei ricordi di Massimo D'Azeglio
Scoppiata la prima guerra d'indipendenza nel 1848, fu aiutante di campo del generale Giovanni Durando, comandante delle truppe inviate dal papa contro l'Austria e combatté valorosamente, rimanendo, nell'eroica difesa di Vicenza.

Dopo la rotta di Novara, per ordine di Vittorio Emanuele II il 7 maggio 1849 formò un ministero col compito di porre fine alla guerra con l'Austria, in questo ministero entrò anche Cavour, che lavorò al suo fianco fino al Governo Rattazzi nel 1852.

Nel 1860 ricoprì la carica di governatore di Milano e, assistito dalle due figlie, dedicò i suoi ultimi anni, trascorsi sul Lago Maggiore, alla stesura dell’autobiografia "I miei ricordi", apparsa postuma nel 1867, che è uno degli esempi migliori della memorialistica risorgimentale, dalla quale risulta la personalità dell'autore, legato alle tradizioni del suo Piemonte e tuttavia aperto alle esigenze del liberalismo ottocentesco.

Massimo d'Azeglio si spense a Torino nel gennaio 1866.

seguici su facebook   





Annunci o altre pagine interessanti:




Tutti i libri di Massimo D'Azeglio

  Epistolario (1819-1866). Vol. 5: 8 maggio 1849-31 dicembre 1849.
D'Azeglio Massimo, 2002, Centro Studi Piemontesi
  Massimo d'Azeglio. Una biografia politica
Brignoli Marziano, 1988, Mursia (Gruppo Editoriale)
  Ettore Fieramosca o la disfida di Barletta
D'Azeglio Massimo, cur. Tenconi L. G., 2010, BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  Massimo d'Azeglio pittore. Catalogo della mostra (Castiglione d'Asti, 1998)
cur. Corgnati M., 1998, Mazzotta
  Epistolario (1819-1866). Vol. 7: 19 settembre 1851-4 novembre 1852.
D'Azeglio Massimo, cur. Virlogeux G., 2010, Centro Studi Piemontesi
  Radici. Rileggendo la politica e il diritto cristiano di Massimo D'Azeglio (rist. anast. Parigi, 1859)
Cernigliaro Aurelio, 2009, Rubbettino
  La politica di Massimo D'Azeglio dal 1848 al 1852. Il precursore dell'Unità d'Italia
Mancuso Giuseppa, 2009, Screenpress
   


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica


Cerca su IBS

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport