Giovanni Raboni




Giovanni Raboni breve biografia e contenuti dei suoi libri


Foto di Giovanni Raboni Giovanni Raboni nasce a Milano il 22 gennaio 1932.

Prima di dedicarsi alla letteratura, studia legge ed esercita la professione di avvocato.

La sua carriera di poeta inizia nel 1961 con "Il catalogo č questo", presentato da un'introduzione di Carlo Betocchi.

Tra le raccolte successive si ricordano "Le case della Vetra" (1966), "Economia della paura" (1970), poi confluito nel pių ampio "Cadenza d'inganno" (1975), "Nel grave sogno" (1982), "Canzonette mortali" (1986) e la raccolta "A tanto caro sangue: poesie 1953-1987" (1988).


Con "Versi guerrieri e amorosi", uscito nel 1990, Raboni passa dalla forma libera a quella chiusa e recupera la metrica tradizionale e la rima.

Seguono: "Ogni terzo pensiero" (1993) e "Quare tristis" (1998).

Con "Barlumi di storia" (2002)  Raboni torna al verso libero e alla prosa-poesia, ripensando alla guerra vissuta da bambino e agli eventi storici contemporanei, di un presente visto con dolore e insofferenza.
Lopera poetica di Giovanni Raboni

Raboni č stato anche giornalista e intellettuale pronto a mettersi in gioco, come recensore (su 'Tuttolibri' e poi 'Il Corriere'), come direttore di collane editoriali, alla scoperta di voci nuove o di vecchie da recuperare, come membro del Cda del Piccolo Teatro di Milano.

Per il palcoscenico ha scritto vari testi, ultimo dei quali č "Alcesti o la recita dell'esilio".

Notevole anche la sua attivitā di traduttore, con due momenti importanti, la traduzione dei "Fiori del male" di Baudelaire per Einaudi e di tutta la "Recherche" di Proust per i Meridiani Mondadori, due autori che hanno lasciato il segno nella sua poesia personale con il continuo riferimento al sogno, come momento reale di vita, e per quella nostalgia e malinconia prosastica: "Quello che il tradurre ti porta via - diceva - te lo restituisce in fermenti interiori".

Giovanni Raboni muore il 16 settembre 2004 a Parma in seguito ad un attacco cardiaco, una morte attesa con sereno distacco, come traspare dai versi conclusivi del componimento finale del suo ultimo libro, "Barlumi di storia" (2002):

La poesia che si fa, di Giovanni Raboni
Si farā una gran fatica, qualcuno
direbbe che si muore - ma a quel punto
ogni cosa che poteva succedere
sarā successa e noi
davanti agli occhi non avremo
che la calma distesa del passato ...
E tutto, anche le foglie che crescono,
anche i figli che nascono
tutto, finalmente, senza futuro"
.

seguici su facebook   








Annunci o altre pagine interessanti:






Tutti i libri di Giovanni Raboni

  Un luogo della veritā umana. La poesia di Giovanni Raboni
Magro Fabio, Campanotto
  Rappresentazione della croce
Raboni Giovanni, Garzanti Libri
  L'opera poetica
Raboni Giovanni, Mondadori
  Tutte le poesie (1951-1998)
Raboni Giovanni,Garzanti Libri
  Ultimi versi
Raboni Giovanni,Garzanti Libri
  Barlumi di storia
Raboni Giovanni, Mondadori
  La poesia che si fa. Critica e storia del Novecento poetico italiano 1959-2004
Raboni Giovanni, Garzanti Libri
  Alcesti o La recita dell'esilio
Raboni Giovanni, Garzanti Libri
  Per Giovanni Raboni. Atti del convegno di studi. Firenze 20 ottobre 2005
Bulzoni
  Ventagli e altre imitazioni
Raboni Giovanni, NEM
  Contraddetti
Raboni Giovanni, Libri Scheiwiller
   


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica Libri IBS 4 classifica


Cerca su IBS

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport