Giorgio Bocca




Giorgio Bocca breve biografia e contenuti dei suoi libri

Foto di Giorgio Bocca Giorgio Bocca nasce a Cuneo il 28 agosto 1920 e muore a Milano il 25 dicembre 2011.

Trascorre la sua infanzia e giovinezza nel periodo Fascista e durante gli anni di studio in Legge, prende la tessera del Partito Fascista e si allinea alle idee nazi-fasciste sottoscrivendo il Manifesto in difesa della razza italiana, documento fortemente voluto da Mussolini per compiacere l'alleato tedesco e, da giornalista fascista nell'agosto del 1942 scrive un articolo in cui imputa il disastro della Guerra alla "congiura ebraica ".

Combatte nel corpo degli Alpini dove stringe amicizia con Benedetto Dalmastro e Duccio Galimberti con i quali scopre la vera faccia del Fascismo.

Dopo l' 8 settembre del 1943, con un gruppo di amici, dopo aver raccolto le armi abbandonate nelle caserme di Cuneo, entra nella Resistenza.

Nasce così il primo nucleo della locale banda partigiana di "Italia Libera". Comandante di banda della formazione in Valle Maira, nella primavera del 1944 Bocca é inviato a stabilire le basi della Brigata Giustizia e Libertà "Rolando Besana" in Valle Varaita e ne diviene il comandante.

A guerra finita si occupa di cronaca e scrive per la sua formazione partigiana, è redattore per la "Gazzetta del Popolo", quindi per "L'Europeo" nel 1954 a Milano diventa inviato de "Il Giorno" di Enrico Mattei, diretto da Italo Pietra.

Storia dell'Italia partigiana  di Giorgio Bocca
Negli anni sessanta si afferma come inviato speciale con inchieste sulla realtà italiana.

Nel 1975 è tra i fondatori di "Repubblica" e, oltre all'attività di editorialista sul quotidiano, tiene sull'"Espresso" la rubrica "L'antitaliano".

Per le reti Fininvest, Dal 1983, si occupa anche di giornalismo televisivo ha ideato e condotto una serie di programmi giornalistici: "Prima pagina", "Protagonisti", "2000 e dintorni", "Il cittadino e il potere".

Giorgio Bocca è stato anche opinionista di "Dovere di cronaca" e "Dentro la notizia"e nel 1989 ha condotto, per Canale 5, un'inchiesta giornalistica sul terrorismo italiano e internazionale degli anni '70-'80 dal titolo "Il mondo del terrore".

Come storico e testimone del proprio tempo ha pubblicato numerosi articoli che spesso sono diventati la traccia dei suoi numerosi libri di cui ricordiamo:

Storia dell'Italia partigiana (1966), Storia d'Italia nella guerra fascista (Laterza, 1969/ Mondadori, 1995)), Palmiro Togliatti (Laterza, 1973/ Mondadori, 1996), La Repubblica di Mussolini (Laterza, 1977), Italia, anno uno (Garzanti, 1984),
Noi terroristi (1985), L'Italia che cambia (Garzanti, 1987), Gli italiani sono razzisti? (Garzanti, 1988.

Seguono negli anno '90 La disunità d'Italia (Garzanti, 1990), l'autobiografico Il provinciale. Settant'anni di vita italiana (Mondadori, 1992), L'inferno. Profondo sud, male oscuro (Mondadori, 1992), Metropolis (Mondadori, 1993), Il sottosopra (Mondadori, 1994), Il filo nero (Mondadori, 1995), Il viaggiatore spaesato (Mondadori, 1996), Italiani strana gente (Mondadori, 1997), Voglio scendere (Mondadori, 1998), Il secolo sbagliato (Mondadori, 1999),

Fratelli coltelli di Giorgio Bocca Gli anni del terzo millennio, tra reportage, ricerca storica, pamphlet e autobiografia, Giorgio Bocca continua ascrivere con la forza del vecchi guerriero Pandemonio (Mondadori, 2000), Il dio denaro (Mondadori, 2001), Piccolo Cesare (Feltrinelli, 2002), Basso impero (Feltrinelli, 2003), Partigiani della montagna (Feltrinelli, 2004), L'Italia l'è malada (Feltrinelli, 2005), Napoli siamo noi (Feltrinelli, 2006) e Le mie montagne (Feltrinelli, 2006).

La sua attività di scrittore si snoda, con i suoi libri a sfondo sociale e di costume, attraverso mezzo secolo italiano tra guerra partigiana, terrorismo, la guerra fredda, il boom economico fino alla profonda crisi economica.

Nel 2000 vince il premio letterario Gandovere-Franciacorta nella sezione testimonianze.

Profondamente critico nei confronti della globalizzazione e della politica delle forze Neofasciste e di Forza Italia, nelle sue ultime opere dà una lettura critica dell'ascesa politica di Silvio Berlusconi e della politica statunitense, senza nascondere un radicato antimeridionalismo.

Giustamente, una scheda-profilo di Rai International, lo definisce così: "A oltre 80 anni, Giorgio Bocca è ancora un feroce opinionista politico ed economico. Il suo orrore nei confronti dei falsi traguardi e di chi promette un fittizio benessere non sembra addolcirsi, o trovare risposte che lo rassicurino".

La medaglia d'argento al valor militare Giorgio Bocca, giornalista, scrittore e patriota, muore a Milano il 25 dicembre 2011.






Annunci o altre pagine interessanti:



Tutti i libri di Giorgio Bocca

  Grazie no. 7 idee che non dobbiamo più accettare
Bocca Giorgio, 2012, Feltrinelli
  Il provinciale. Settant'anni di vita italiana
Bocca Giorgio, 2012, Feltrinelli
  Aspra Calabria
Bocca Giorgio, 2011, Rubbettino
  Annus horribilis
Bocca Giorgio, 2010, Feltrinelli
  Fratelli coltelli. 1943-2010. L'Italia che ho conosciuto
Bocca Giorgio, 2010, Feltrinelli
  È la stampa, bellezza! La mia avventura nel giornalismo
Bocca Giorgio, 2008, Feltrinelli
  L'Italia l'è malada
Bocca Giorgio, 2005, Feltrinelli
  Storia d'Italia nella guerra fascista
Bocca Giorgio, 1997, Mondadori
  Napoli siamo noi. Il dramma di una città nell'indifferenza dell'Italia
Bocca Giorgio, 2006, Feltrinelli
  Le mie montagne. Gli anni della neve e del fuoco
Bocca Giorgio, 2006, Feltrinelli


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica Libri IBS 4 classifica


Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport