Gabriele D'Annunzio




Gabriele D'Annunzio breve biografia e contenuti dei suoi libri

Foto di Gabriele D'Annunzio Gabriele D'Annunzio è nato a Pescara il 12 marzo 1863 da famiglia borghese, che viveva grazie alla ricca eredità.

Dopo gli studi liceali nel collegio Cicognini di Prato, distinguendosi sia per la sua condotta indisciplinata e per la smania di primeggiare, nel 1881 si iscrive alla facoltà di Lettere a Roma.

Mentre era ancora un liceale, D'Annunzio compose il suo primo libro di versi "Primo Vere" pubblicata a spese del padre, ottenendo un precoce successo che gli aprono le porte ai giornali letterari dell'epoca.

Trasferitosi a Roma per frequentare l'Università conduce una vita sontuosa, ricca di amori e avventure dedicandosi, invece che agli studi al giornalismo ed alla composizione di opere di varia natura e valore, senza arrivare alla laurea, ma diventando uno degli interpreti più abili delle correnti di pensiero e delle mode letterarie europee, tra le quali l'esasperato sensualismo, l'estetismo raffinato e paganeggiante.

Dopo il successo di "Canto novo" e di "Terra vergine" (1882), nel 1883 hanno grande risonanza la fuga e il matrimonio di Gabriele con la duchessina Maria Hardouin di Gallese, unione da cui nasceranno tre figli, ma che, a causa dei suoi continui tradimenti, durerà solo fino al 1890.

Compone i versi "Intermezzo di rime" ('83), la cui «inverecondia» scatena un'accesa polemica; mentre nel 1886 esce la raccolta "Isaotta Guttadàuro" ed altre poesie, poi divisa in due parti "L'Isottèo" e "La Chimera" (1890).

Gabriele D'Annunzio in divisa
Sfruttando il mercato giornalistico e orchestrando intorno alle sue opere spettacolari iniziative pubblicitarie, il giovane D'Annunzio diviene figura di primo piano della vita culturale e mondana romana fino alla pubblicazione del suo primo romanzo "Il Piacere", pubblicato nel 1889, ricco di risvolti autobiografici che si colloca al vertice di questa mondana ed estetizzante giovinezza romana che il Decadentismo europeo aveva da poco concepito.

Nel 1891 assediato dai creditori D'Annunzio si trasferisce con l'amico pittore Francesco Paolo Michetti a Napoli, dove, collabora ai giornali locali trascorre due anni di «splendida miseria» ed intrecciando nuovi amori.

La principessa Maria Gravina Cruyllas abbandona il marito e va a vivere con il poeta, dal quale ha una figlia, ma entro il 1893 D'Annunzio, sempre per motivi economici, è costretto a lasciare anche Napoli per tornare con l'amante e la figlioletta in Abruzzo.

Nel 1894 pubblica, dopo le raccolte poetiche "Le elegie romane" e "Il poema paradisiaco" e dopo i romanzi "Giovanni Episcopo"  e "L'innocente" il suo nuovo romanzo "Il trionfo della morte" mentre i suoi lavori cominciano a circolare anche fuori dall'Italia.

Ritratto di Gabriele D'Annunzio "La vergine delle rocce" pubblicato nel 1895, è il romanzo in cui si affaccia la teoria del superuomo e che dominerà tutta la sua produzione successiva di D'Annunzio mentre Gabriele D'Annunzio entra in politica e viene eletto deputato, abbandonando presto la partita.

Dopo la fine del suo legame con la Gravina, da cui ha avuto un altro figlio, il poeta si stabilisce a Settignano, vicino a Firenze, nella villa detta La Capponcina dove vive la nuova storia d'amore con l'attrice Eleonora Duse, mentre per lei produce commedie che conquistano i maggiori teatri italiani: "Sogno d'un mattino di primavera" ('97), "Sogno d'un tramonto d'autunno", "La città morta" ('98)," La Gioconda" ('99), "Francesca da Rimini" (1901), "La figlia di Jorio" (1903).

Finita la relazione con Eleonora Duse, raccontato nel romanzo «veneziano» "Il Fuoco" (1900), Alessandra di Rudinì diventa la sua nuova Musa ispiratrice; intanto escono "Le novelle della Pescara" (1902) e i primi tre libri delle "Laudi": Maia, Elettra, e Alcyone (1903).

Gli amori di Gabriele D'Annunzio, che continua ad avere difficoltà economiche per la sua vita dispendiosa, diventano sempre più brevi: nel 1906 è la volta della contessa Giuseppina Mancini, alla quale succede la bella Nathalie de Goloubeff.

Nel 1910 D'Annunzio da alle stampe il romanzo "Forse che sì, forse che no" e, per sfuggire ai creditori si rifugia in Francia dove vive tra Parigi e nella villa di Arcachon, partecipando alla sfavillante vita mondana della Belle Epoque internazionale.
Biografia di Gabriele D'Annunzio
Invia al Corriere della Sera le brevi prose "Le faville del maglio", compone opere in francese, scrive la tragedia lirica "La Parisina", musicata da Mascagni, e anche sceneggiature cinematografiche, come quella per il film "Cabiria" (1914).
Nel 1912, a celebrazione della guerra in Libia, esce il quarto libro delle "Laudi", Merope; il quinto, Asterope, sarà completato nel 1918 e i restanti due, sebbene annunciati, non usciranno mai.

Nel 1915, nell'imminenza dello scoppio della prima guerra mondiale, torna in Italia, riacquista un ruolo di primo piano, tenendo vibranti discorsi interventistici e, traducendo nella realtà il mito letterario di una vita inimitabile ed il gusto per i grandi gesti, partecipa ad ardite imprese belliche, ampiamente autocelebrate, come la beffa di Buccari ed il volo su Vienna.

Alla fine della guerra, Gabriele d'Annunzio conduce una violenta battaglia per l'annessione all'Italia dell'Istria e della Dalmazia: alla testa di un gruppo di legionari nel 1919 marcia su Fiume e occupa la città, istallando la Reggenza Italiana del Carnaro, che resiste pochi mesi.
Negli anni del Fascismo, nonostante gli onori tributatigli dal regime, D'Annunzio si ritira, celebrato come eroe nazionale, a Gardone, sul lago di Garda.
Gabriele D'Annunzio e Benito Mussolini
Considerato un "maestro di costume", le sue parole e i suoi atteggiamenti portarono molti a confondere l'eroismo con la violenza e la prevaricazione, vizio che presto contagiò i giovani fascisti.
Con l'avvicinarsi della vecchiaia, Gabriele D'Annunzio cercò di prolungare, nella costruzione del Vittoriale degli Italiani e nelle collezioni di oggetti e reliquie del suo passato glorioso, la fama di "Vate".

Nella villa di Gardone, pressoché in solitudine, il vecchio esteta trascorre una malinconica vecchiaia sino alla morte avvenuta il primo marzo 1938.



La pioggia nel pineto
Taci. Su le soglie
del bosco non odo
parole che dici
umane; ma odo
parole più nuove
che parlano gocciole e foglie
lontane.
Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.
Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove su i pini
scagliosi ed irti,
piove su i mirti
divini,
su le ginestre fulgenti
di fiori accolti,
su i ginepri folti
di coccole aulenti,
piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggieri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
t'illuse, che oggi m'illude,
o Ermione.

Odi? La pioggia cade
su la solitaria
verdura
con un crepitío che dura
e varia nell'aria
secondo le fronde
più rade, men rade.
Ascolta. Risponde
al pianto il canto
delle cicale
che il pianto australe
non impaura,
nè il ciel cinerino.
E il pino
ha un suono, e il mirto
altro suono, e il ginepro
altro ancóra, stromenti
diversi
sotto innumerevoli dita.
E immersi
noi siam nello spirto
silvestre,
d'arborea vita viventi;
e il tuo volto ebro
è molle di pioggia
come una foglia,
e le tue chiome
auliscono come
le chiare ginestre,
o creatura terrestre
che hai nome
Ermione.

Ascolta, ascolta. L'accordo
delle aeree cicale
a poco a poco
più sordo
si fa sotto il pianto
che cresce;
ma un canto vi si mesce
più roco
che di laggiù sale,
dall'umida ombra remota.
Più sordo e più fioco
s'allenta, si spegne.
Sola una nota
ancor trema, si spegne,
risorge, trema, si spegne.
Non s'ode voce del mare.
Or s'ode su tutta la fronda
crosciare
l'argentea pioggia
che monda,
il croscio che varia
secondo la fronda
più folta, men folta.
Ascolta.
La figlia dell'aria
è muta; ma la figlia
del limo lontana,
la rana,
canta nell'ombra più fonda,
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su le tue ciglia,
Ermione.

Piove su le tue ciglia nere
sìche par tu pianga
ma di piacere; non bianca
ma quasi fatta virente,
par da scorza tu esca.
E tutta la vita è in noi fresca
aulente,
il cuor nel petto è come pesca
intatta,
tra le pàlpebre gli occhi
son come polle tra l'erbe,
i denti negli alvèoli
con come mandorle acerbe.
E andiam di fratta in fratta,
or congiunti or disciolti
(e il verde vigor rude
ci allaccia i mallèoli
c'intrica i ginocchi)
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su i nostri vólti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggieri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
m'illuse, che oggi t'illude,
o Ermione.

Leggi le poesie di d'Annunzio

seguici su facebook   










E-Book e DVD di Gabriele d'Annunzio

  Racconti da «Terra vergine». Audiolibro. CD Audio
D'Annunzio Gabriele, 2000, Il Narratore Audiolibri
  Il piacere. Audiolibro. CD Audio formato MP3. Ediz. integrale
D'Annunzio Gabriele, 2009, Recitar Leggendo Audiolibri
a cura di Carini C.


Tutti i libri di Gabriele D'Annunzio

  Gabriele D'Annunzio Giacomo Puccini. Il carteggio recuperato (1894-1922)
Carabba
  La figlia di Iorio. «Era mia, era mia e me l'hanno presa!». Lettere inedite di Eleonora Duse a Gabriele d'Annunzio
Ianieri
  L'arte della seduzione in Gabriele D'Annunzio
Sorge Paola, 2009, CCarabba
  La figlia di Iorio
D'Annunzio Gabriele, cur. Bertazzoli R., 2004, Il Vittoriale degli Italiani
  Lettere d'amore a Barbara Leoni
D'Annunzio Gabriele, ES
  Sarah Bernhardt e Gabriele D'Annunzio. Carteggio inedito 1896-1919
Minnucci Franca, Ianieri
  Il fiore delle lettere. Epistolario
D'Annunzio Gabriele, cur. Ledda E., 2004, Edizioni dell'Orso
  Gabriele D'Annunzio. Le immagini di un mito
Traina Augusto, Veroli Patrizia, L'Epos
  Prose di ricerca
D'Annunzio Gabriele, cur. Andreoli A., Zanetti G., 2005, Mondadori
  Il fuoco-Forse che sì forse che no. Ediz. integrali
D'Annunzio Gabriele, cur. Oliva G., 2012, Newton Compton
  Tutti i romanzi, novelle, poesie, teatro
D'Annunzio Gabriele, cur. Antonucci G., Oliva G., 2011, Newton Compton
  L'Italia e la «grande vigilia». Gabriele D'Annunzio nella politica italiana prima del fascismo
2007, Franco Angeli
  Il teatro di Gabriele d'Annunzio
Seddio Pietro, 2011, Montecovello
  Gabriele D'Annunzio negli Abruzzi. Il poeta alla prima rappresentazione de La figlia di Iorio (giugno 1904)
Di Carlo Enrico, Ricerche&Redazioni
  Gabriele D'Annunzio. Una vita d'eccezione
 SSkira
  Barbarella. Il grande romanzo d'amore di Barbara Leoni e Gabriele D'Annunzio
Oppo Gabriele T.TTabula Fati


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica Libri IBS 4 classifica


Cerca su IBS

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport





arte cultura svago

turismo ricerche