Eugenio Montale




Eugenio Montale breve biografia e contenuti dei suoi libri

Foto di Eugenio Montale Eugenio Montale, Poeta Italiano e Premio Nobel per la letteratura del 1975, ultimo di sei fratelli di una famiglia di commercianti, è nato a Genova il 12 ottobre 1896 ed ha trascorso l'infanzia e la giovinezza tra la città natale e i soggiorni estivi a Monterosso, fra luoghi e paesaggi divenuti poi essenziali per la sua poesia.

Per motivi di salute, Montale è costretto a interrompere gli studi regolari e si prepara, da autodidatta, agli esami per ottiene il diploma di ragioniere, coltivando nel contempo una vera passione per la letteratura, per la poesia e per il canto, sognando una carriera artistica da baritono.

Nel 1917, chiamato alle armi, partecipa alla prima guerra mondiale, combattendo in Trentino come ufficiale di fanteria e, dopo la guerra, stringe rapporti sia con gli scrittori che a Genova frequentano il Caffè Diana in Galleria Mazzini (in particolar modo con Camillo Sbarbaro).

Eugenio Montale collabora anche con il gruppo torinese di Piero Gobetti, che negli anni venti, cerca di attuare una resistenza culturale al fascismo, in opposizione al futurismo e al dannunzianesimo.

Della sua poesia Montale stesso dice: "Io ho scritto poesie ubbidendo a un bisogno di espressione musicale, influenzato da Debussy e dai pittori impressionisti francesi e non certamente da altri poeti…".
Eugenio Montale
Nel 1922 pubblica i suoi primi versi nella rivista "Primo tempo" e successivamente "Ossi di seppia" nel 1925, aderendo lo stesso anno al "Manifesto degli Intellettuali antifascisti" promosso da Benedetto Croce.

Sulla rivista milanese «L'esame» Eugenio Montale scrive un articolo in omaggio a Italo Svevo, contribuendo alla scoperta dell'allora sconosciuto scrittore triestino, di cui, negli anni successivi, diventa amico.

Nel 1926 conosce i poeti Umberto Saba e l'americano Ezra Pound, appassionandosi alla letteratura anglosassone.

Nel 1927, raggiunta finalmente l'indipendenza economica con l' impiego alla casa editrice Bemporad, si trasferisce a Firenze e, nel 1929 assume la direzione del prestigioso "Gabinetto scientifico-letterario Vieusseux".

In quegli anni Eugenio Montale frequenta il noto caffè degli ermetici "Le Giubbe Rosse" ed è uno dei principali animatori della vita intellettuale fiorentina: fa amicizia con i maggiori scrittori italiani del tempo, fra cui Elio Vittorini e Gadda, approfondendo la conoscenza della cultura europea.
Montale in English
Dal 1938, costretto ad abbandona il Vieusseux per non aver voluto aderire al fascismo, Eugenio Montale, fino alla fine della guerra, si guadagna da vivere attraverso saltuarie collaborazioni a riviste e soprattutto grazie all'attività di traduttore.

Intanto Eugenio Montale non trascurando la poesia e, nel 1939, pubblica la raccolta "Le occasioni".

Nel 1943, a Lugano esce "Finisterre", un volumetto di liriche scritte tra il '40 e il '42, esportato clandestinamente in Svizzera.

Finita la guerra, Eugenio Montale si iscrive al Partito d'Azione, dal quale riceve un incarico culturale dal Comitato Nazionale di Liberazione e fonda, con Bonsanti e Loira, il quindicinale «Il Mondo».

Presto deluso dalla politica per lo scontro creatosi tra il nuovo clericalismo e la sinistra filo-stalinista, abbandona l'ambiente politico e nel 1948 si trasferisce a Milano, dove lavora fino al 1973 come redattore e critico letterario del "Corriere della Sera" e del «Corriere d'Informazione».

Giornalista affermato, Montale è autore di interessanti articoli di attualità culturale e politica, recensioni musicali (raccolte nel 1981 nel volume "Prime alla Scala"), reportage di viaggio in diversi paesi del mondo (raccolti nel 1969 nel volume "Fuori di casa") e brevi racconti, la maggior parte dei quali saranno raccolti nel  volume "Farfalla di Dinard", pubblicato nel 1958.
Biografia di Eugenio Montale
Nel frattempo viene pubblicata terza raccolta di poesie, per lo più risalenti agli anni della guerra, con il titolo "La bufera e altro", mentre Montale si dedica ancora con passione a tradurre poesie, romanzi e lavori teatrali dall'inglese.

Considerato uno dei più grandi poeti italiani, modello di cultura laica e liberale, nel 1967 viene nominato Senatore a vita ed insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1975.

Dopo una vita di un uomo schivo, distaccato e disilluso verso se stesso e la propria stessa esistenza, scrivendo «sempre da povero diavolo e non da uomo di lettere professionale», muore a Milano il 12 settembre 1981, riconosciuto dai contemporanei come uno dei massimi rappresentanti della poesia e della cultura contemporanea.





Annunci o altre pagine interessanti:



Tutti i libri di Eugenio Montale e sul Poeta

  I paradisi ambigui. Dieci saggi su Eugenio Montale
Zollino Antonio, 2008, Ass. Culturale Il Foglio
  Ritorna tra gli amici. Poesie
Montale Eugenio, 2004, Il Nuovo Melangolo
  Gli «ossi brevi» di Eugenio Montale. I veri significati, analisi metrico-stilistica, commento
Cencetti Claudio, 2006, Titivillus
  Lettere a Clizia
Montale Eugenio, 2006, Mondadori
  Amico dell'invisibile. La personalità e la poesia di Eugenio Montale
Marchese Angelo, 2006, Interlinea
  La casa di Olgiate e altre poesie
Montale Eugenio, 2006, Mondadori
  Satura
Montale Eugenio, 2009, Mondadori
  Una lunga fedeltà. Scritti su Eugenio Montale
Contini Gianfranco, 2002, Einaudi
  Prose narrative
Montale Eugenio, 2008, Mondadori
  Ossi di seppia
Montale Eugenio, 2003, Mondadori
  Eugenio Montale
Marcenaro Giuseppe, 1999, Mondadori Bruno
  Le occasioni
Montale Eugenio, 2003, Einaudi
  Tutte le poesie
Montale Eugenio, 2004, Mondadori
  Una dolcezza inquieta. L'universo poetico di Eugenio Montale. Catalogo della mostra (Genova, 15 febbraio-20 aprile 1996)
1996, Mondadori Electa
  Caro maestro e amico. Lettere a Valéry Larbaud (1926-1937)
Montale Eugenio, 2003, Archint
  Poesia travestita
Montale Eugenio, 1999, Interlinea
  Rifare l'uomo. Antologia. Vol. 2: Ora comincia la vita più lunga. Eugenio Montale.
Trimarchi Francesco, 1997, Siciliano
  Eugenio Montale. Critico militante tra le due guerre
Carducci Fernanda, 2007, Pensa Editore
  L'arte di leggere. Una conversazione svizzera
Montale Eugenio, 1998, Interlinea
  Passione di Clemente Maria Rebora. Testimonianze rosminiane e poesie. Con una nota di Eugenio Montale
Rebora Clemente, 1993, Interlinea
  Corno inglese. Anthology of Eugenio Montale's poetry in english translation
2009, Joker
  Poetry and intertextuality. Eugenio Montale's later verse
Butcher John, 2007, Volumnia


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica Libri IBS 4 classifica


Cerca su IBS

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport





arte cultura svago

turismo ricerche