Curzio Malaparte




Curzio Malaparte breve biografia e contenuti dei suoi libri

Curzio Malaparte militare Curzio Malaparte pseudonimo di Kurt Erick Suckert di padre tedesco e madre italiana, nacque a Prato il 9 Giugno 1898; giornalista, poeta, scrittore, personaggio complesso, incoerente, appassionato, stravagante, estremamente logico, uomo di gran gusto e dai gesti paradossali, un autentico “maledetti toscani”.

Studente nel famoso collegio Cicognini, a soli sedici anni si arruolò nella legione garibaldina per combattere in Francia con i repubblichini, ma l'anno dopo, allo scoppio della prima guerra mondiale si arruolò nell’esercito italiano.

Curzio Malaparte durante la sua vita cambiò spesso schieramento e venne accusato di essere un voltagabbana, ma fu sempre e solo un'intelligenza controcorrente ed imprevedibile: prima repubblichino, poi fascista, antifascista, mangiapreti comunista, maoista, per morire convertito al cattolicesimo.
Biografia di Curzio Malaparte
Dopo aver partecipato, nel 1922, alla Marcia su Roma, con le squadre d'azione fiorentine ed aver gestito case editrici allineate al regime, guadagnandosi la definizione di Piero Gobetti: «la più bella penna del fascismo», Malaparte si staccò dal fascismo, non intravedendovi più quella speranza di rivoluzione sociale che lo aveva portato a seguirne gli ideali.

Nel 1933 venne allontanato da «La Stampa» di Torino proprio a causa del carattere individualista che emergeva dai suoi scritti in cui attaccava sia Hitler che Mussolini, attacchi che gli valsero cinque anni di confino sull’isola di Lipari.

Grazie all'intervento di Galeazzo Ciano, Malaparte ritornò al giornalismo, come corrispondente di guerra del "Corriere della Sera" che lo portò sui fronti francese, finlandese, russo e dell'Africa Orientale durante la Seconda Guerra Mondiale.
Curzio Malaparte col cane
"Il Volga nasce in Europa" (1943), "Kaputt" (1944), "Il sole è cieco" (1947), "La Pelle" (1949) sono i romanzi che Malaparte scrisse in seguito alla sua esperienza di corrispondente di guerra sul fronte francese, finlandese e russo.

Giornalista e scrittore Malaparte fu sempre un uomo profondamente libero, che portò nelle sue cronache i contenuti del verismo ed esaltando un naturalismo alla Zola, descrivendo la degradazione e la miseria della guerra con lo stile ricco di immagini, ereditato da Proust e condiviso con D'Annunzio; mantenne le loro immagini barocche e lo stile sontuoso, per denunciare, scandalizzare, provocare, diventare la coscienza politica dei vinti.

Alla caduta del fascismo, venne di nuovo arrestato e carcerato al Regina Coeli di Roma, come già gli era successo nel 1933, uscendone ingaggiato dal nuovo Esercito Italiano come Ufficiale di Collegamento con gli Alleati che risalivano la penisola.

Dal 1947, Malaparte visse a Parigi dove si dedicò al teatro producendo fra l'altro "Du côté de chez Proust" (1948), "Anche le donne hanno perso la guerra" ed il film  "Cristo proibito".
Foto di Curzio Malaparte
Irrequieto viaggiatore, Malaparte nella sua vita ebbe modo di visitare molti paesi del mondo: Belgio (1918), Ungheria (1919), Polonia (1920), Russia (1929), Germania (1930), Inghilterra (1933), Africa Orientale (1937, Grecia (1940), Bulgaria, Jugoslavia, Romania, Croazia, Ucraina (1941), Lettonia, Lituania, Estonia, Lapponia, Svezia e Circolo Polare Artico (1942), Cile (1952), Perù, Uruguay, Bolivia, Argentina (1953), nuovamente Russia e poi Cina nel 1956; da questo ultimo viaggio il giornalista tornò in Italia malato di quella che sembrava una grave forma di TBC.

Senza abbandonare il suo cinismo profondamente intriso di dolore e diabolicamente lucido, Malaparte, prima di morire a Roma il 19 luglio 1957, si convertì al cattolicesimo, riuscendo con quest'ultima scelta a scandalizzare, ancora una volta, i contemporanei.
Quello che uccise il grande scrittore fu un cancro causato da un’intossicazione di iprite contrattata durante la Prima Guerra Mondiale.

seguici su facebook   





Annunci o altre pagine interessanti:




Tutti i libri di Curzio Malaparte

arcitaliano. Vita di Curzio Malaparte L'arcitaliano. Vita di Curzio Malaparte
Guerri Giordano B., 2008, Bompiani
Lotta con l'angelo Lotta con l'angelo
Malaparte Curzio, 1997, Edizioni Scientifiche Italiane
Coppi e Bartali Coppi e Bartali
Malaparte Curzio, 2009, Adelphi
pelle La pelle
Malaparte Curzio, 2001, Mondadori
Kaputt Kaputt
Malaparte Curzio, 2009, Adelphi
  Il Cristo proibito
Malaparte Curzio, 1992, Edizioni Scientifiche Italiane
compagno di viaggio Il compagno di viaggio
Malaparte Curzio, 2007, Excelsior 1881
  Tu col cannone, io col fucile. Alessandro Suckert e Curzio Malaparte nella grande guerra
Giacomel Paolo, 2003, Gaspari
Viaggio in Etiopia e altri scritti afric Viaggio in Etiopia e altri scritti africani
Malaparte Curzio, 2006, Vallecchi
  Febo, cane come me
Malaparte Curzio, 2006, Emmebi Edizioni Firenze
Fughe in prigione Fughe in prigione
Malaparte Curzio, 2004, Mondadori
  Benedetti italiani
Malaparte Curzio, 2005, Vallecchi
Donna come me Donna come me
Malaparte Curzio, 2002, Vallecchi
  Curzio Malaparte. Biografia politica
Pardini Giuseppe, Luni
Opere scelte Opere scelte
Malaparte Curzio, 1997, Mondadori
  Il dorato sole dell'inferno etrusco
Malaparte Curzio, 1985, Cesati


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica


Cerca su IBS

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport