Alessandro Manzoni breve biografia e contenuti dei suoi libri

Biografia di Alessandro ManzoniAlessandro Francesco Tommaso Manzoni è nato a Milano nel 1785 ed è stato uno dei maggiori scrittori e poeti italiani.

Fa i suoi primi studi in collegio a Milano, ma dal 1805, a Parigi con la madre, completa la sua formazione culturale di stampo illuminista, razionalista e anticlericale.

Nel 1810 si converte al cattolicesimo e torna a vivere a Milano.

Trascorre tutta la vita fra la casa di Milano e la sua villa di Brusuglio, nella campagna lombarda, dove progetta di comporre una serie di dodici Inni sacri, dedicati ciascuno ad una festività della Chiesa: di essi ne porterà a termine solo cinque, i primi quattro fra il 1812 e il 1815 (La Resurrezione, Il nome di Maria, Il Natale, La Passione) e il quinto (La Pentecoste) tra il 1817 e il 1822.

In seguito nascono le "Odi civili" tra di esse "Marzo 1821" in cui Manzoni, celebra l'unirsi delle forze piemontesi e lombarde contro l'oppressore austriaco.

La problematica manzoniana si amplia nella composizione delle tragedie "Conte di Carmagnola" (1820) e "Adelchi" (1822) nei quali gli ideali generosi si scontrano con una realtà violenta.

In occasione della morte di Napoleone Bonaparte, Alessandro Manzoni compone la famosa ode "Cinque Maggio".
"I promessi sposi " pubblicato una prima volta nel 1827 e poi, in edizione definitiva, nel 1840 è la sua opera più conosciuta, ed è ancor oggi considerato un caposaldo della letterature italiana. Copertina de I promessi sposi di Alessandro Manzoni

Per dare vita alla sua stesura finale de "I promessi sposi", Manzoni disse di essere dovuto andare a "sciacquare i panni in Arno", intendendo con ciò che quella che stava per dare alle stampe era la prima vera opera di lingua italiana.

Manzoni fu anche autore di varie opere e saggi quali "Dell'invenzione" del 1840, la "Storia della colonna infame" del 1842, "Sulla lingua italiana" e "Dell'unità della lingua e dei mezzi di diffonderla" ambedue del 1845, "Lettera al marchese Casanova" del 1871).

Alessandro Manzoni morì a Milano nel 1873, a ottantotto anni, nella casa di via del Morone, in seguito a una caduta che gli aveva provocato gravi sofferenze per due mesi.

Gli furono tributati solenni funerali, alla presenza del principe ereditario Umberto di Savoia e fu sepolto nel cimitero monumentale della città.
Al primo anniversario dalla morte, Giuseppe Verdi gli dedicò una Messa da Requiem.




Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Tutti i libri di Alessandro Manzoni

  Alessandro Manzoni: quattro ritratti stravaganti
Giacomoni Silvia
  Storia della colonna infame. Ediz. integrale
  Alessandro Manzoni. A Critical Bibliografy. 1995-2000
Pallotta Augusto
  I Promessi sposi
  L'ordine violato. Il tradimento nell'opera di Alessandro Manzoni
Volpi Alberto
  Alessandro Manzoni. Pià diavolo o più santo?
Milazzo Natalia
  I promessi sapori, il sugo nella storia di Alessandro Manzoni
Carosso Domenico
  Il sugo della storia. Rileggendo «I promessi sposi» di Alessandro Manzoni
  I Promessi sposi di Alessandro Manzoni
2006
  I promessi sposi
  La scrittura dell'inquietudine. Saggio su Alessandro Manzoni
Frare Pierantonio
  Storia della colonna infame
  Tutte le poesie
  Adelchi
  Adelch
  Inni sacri
  I promessi spos
  La gefiancoj
  I promessi sposi
Francesco Gonin
  I promessi sposi nei disegni di Federico Maggioni
Maggioni Federico
  I promessi sposi (1840). Vol. 2/2
  I promessi sposi-Storia della colonna infame


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica Libri IBS 4 classifica Libri IBS 4 classifica