Itinerari consigliati: Val di Cecina




Val di Cecina

Link Val di CecinaIl territorio chiamato Val di Cecina, una delle zone più incontaminate della regione, ideale per delle vacanze attive perché è, nello stesso tempo, a un passo dal mare e ad un passo dalle più importanti città d'arte.

Già al tempo degli Etruschi, la Val di Cecina costituiva la direttrice che dal mare conduceva ad una delle più potenti metropoli del tempo: Volterra.

Sin dall’antichità l’economia della valle fu legata all’estrazione di due preziosi materiali: il sale e l’alabastro .
 
Fu proprio in questa pietra calcarea che Volterra e i centri di produzione, gravitanti attorno ad essa, realizzarono, sin dal III secolo a.C., le urnette cinerarie ampiamente esportate in tutta l’Etruria settentrionale.
 

Itinerari di un giorno nella Val di Cecina

Nel giro di pochi chilometri si possono toccare con mano le differenti realtà economiche: dalle miniere di estrazione di rame e di piombo argentifero, ai Parchi Archeo-Minerari Etruschi, agli autentici parchi naturalistici semiselvaggi, ai moderni Parchi Eolici, fino agli impianti di Lardarello e dei soffioni boraciferi della Valle del Diavolo.

I maggiori comuni da visitare nella Val di Cecina sono Castelnuovo Val di Cecina, Montecatini Val di Cecina, Monteverdi Marittimo, Pomarance fino a Volterra e sono visitabili in una giornata, partendo da Volterra, o dalla costa.

Castelnuovo in Val di Cecina

L'itinerario proposto, è un invito alla scoperta di borghi antichissimi, cominciando dal Borgo Medievale di Castelnuovo che si inerpica su un ripido poggio assumendo una caratteristica forma “a pigna”, tra case in pietra, stradine, scalette e piccoli archi.

Tra le stradine è da segnalare il “ chiassino” : vicolo stimato tra i più stretti del mondo, largo sui 50 cm.

Nella parte alta, la più antica del borgo, si trovava il Castello, la Chiesa del S.S. Salvatore e la Cripta Santa (chiamata anche Voltola).

Nella parte bassa invece vi era la seconda cinta muraria, di cui rimangono Porta Fiorentina e Porta Romana con la chiesina di San Sebastiano, fra le due porte.

Castelnuovo - La Chiesa del SS. Salvatore

La chiesa poggia sulle fondamenta dell’antico Castello, oggi scomparso, nel punto più alto del paese.

Alcuni particolari architettonici rimangono testimoni della sua antica storia, come i contrafforti cilindrici su cui un tempo dovevano sorgere le torri e l’arco che conduce al borgo antico.

Qui era stata costruita la prima cinta muraria, della quale non vi è più traccia, così come non vi è più traccia delle due porte di accesso: Porta Volterrana e Porta Castellana.

Dalla strada provinciale, un’imponente scalinata conduce al sagrato da cui si può ammirare la facciata a salienti, che segue cioè le diverse altezze delle navate interne della chiesa.

Nei dintorni di Castelnuovo Val di Cecina

Nei dintorni del paese sono conservati antichi gioielli d'altri tempi come il Molino del Delfizio , mulino ad acqua non più in uso, ma che conserva ancora le grandi macine ed i ruderi dell'antica lavorazione siderurgica, con resti dei forni e del muro perimetrale del bacino di raccolta, sul bordo della parete del torrente Pavone.

Scendendo lungo il torrente Possera, nel piccolo nucleo abitato di Morba si trova il vecchio Bagno termale detto "Bagno al Morbo" , chiuso nel 1933, ma che era frequentato assiduamente già dal 1400 da Lorenzo il Magnifico, famoso anche per aver dato ospitalità e ristoro a Garibaldi in fuga da Roma.

Urna cineraria etrusca
Castelnuovo Val di Cecina
Castelnuovo Val di Cecina
Castelnuovo Val di Cecina sotto la neve
Castelnuovo Val di Cecina






Val di Cecina dintorni

Nei dintorni di Castelnuovo Val di Cecina

Nei dintorni del paese sono conservati antichi gioielli d'altri tempi come il Molino del Delfizio, mulino ad acqua non più in uso, ma che conserva ancora le grandi macine ed i ruderi dell'antica lavorazione siderurgica, con resti dei forni e del muro perimetrale del bacino di raccolta, sul bordo della parete del torrente Pavone.

Scendendo lungo il torrente Possera, nel piccolo nucleo abitato di Morba si trova il vecchio Bagno termale detto "Bagno al Morbo" , chiuso nel 1933, ma che era frequentato assiduamente già dal 1400 da Lorenzo il Magnifico, famoso anche per aver dato ospitalità e ristoro a Garibaldi in fuga da Roma.

Montecastelli Pisano

E' un piccolo paese medievale, un borgo fortificato che sorge alla sommità di una collina, a circa 503 metri sul livello del mare che degrada dolcemente verso il fiume Cecina a nord-est e scende a picco sul torrente Pavone ad ovest.

La sua posizione abbastanza elevata, oltre ad un clima sempre ventilato, offre un ottimo panorama sulle circostanti colline toscane.

I colori e la dolcezza delle colline, la vicinanza alla Val d’Elsa , ne evidenziano caratteristiche tipiche del paesaggio senese.

La forma urbana è curiosa e la viabilità altrettanto: i due assi stradali paralleli sono collegati da scalette.

Cosa vedere a Montecastelli Pisano

Intorno alla parte più elevata del colle, su cui sorge una torre di età medievale a forma quadrata, si trovano i resti del Castello.

In prossimità della torre, fatta costruire dai Pannocchieschi, ed in posizione elevata, sorge la chiesa romanica dei SS. Filippo e Giacomo (1186), la cui facciata, in conci (blocchi di pietra) squadrati, si presenta con tre grandi arcate e con il portale al centro.
 
Sul perimetro esterno, alla base delle case, si notano resti di una cinta muraria con i ruderi di una semplice porta con archi a tutto sesto.
All’interno della Chiesa, un dipinto di Cosimo Daddi: L’immacolata Concezione ed i Santi Antonio, Biagio, Orsola e Francesco (1585-1588).

Cosa vedere nei dintorni di Montecastelli Pisano

Nei pressi del paese, sulla strada provinciale che porta a Castelnuovo Val di Cecina si trova la Buca delle Fate, un ipogeo etrusco del VI secolo a.C. costituito da una piccola stanza quadrata rivestita in pietra, con porte che conducono a piccolissimi ambienti in cui sono scavate le tombe degli antichi abitanti Etruschi.

Tra Montecastelli e la Rocca Sillana nel Comune di Pomarance, si trovano le Miniere di Rame, i resti dell’antica attività estrattiva, nella gola; gli ultimi lavori di estrazione furono eseguiti nel 1941.

Sempre sulla strada che conduce a Castelnuovo si trova l'interessante agglomerato rurale chiamato Borgata Paganina.

Sasso Pisano

In posizione prospiciente la Val di Cornia, all’estremo confine meridionale del territorio comunale, sorge la frazione di Sasso Pisano.

Nel castello longobardo molto antico, vi sorse la cappella feudale e poi chiesa di S. Bartolomeo Apostolo, che nel 1440 ebbe il fonte battesimale ricavato in un cippo funerario etrusco del VII secolo a.C..

La storia di Sasso Pisano vide un alternarsi di dominio tra il Comune ed il Vescovo di Volterra; in seguito alla scoperta dell'allume di rocca nel territorio, Lorenzo il Magnifico mosse guerra a Volterra per conquistare Sasso.

Il borgo mantiene il suo aspetto di rocca medievale ad andamento circolare concentrico ed il nucleo abitato, più antico, il castello, si erge in posizione predominante alla sommità del colle.

Cosa vedere nei dintorni di Sasso Pisano

Sulla strada per La Leccia, un bivio a sinistra conduce al sito delle "Aquae Populoniae ", interessante città termale etrusco-romana del III secolo avanti Cristo.

Vicina al borgo, è localizzata un' area geotermica caratterizzata da suggestivi fenomeni naturali che conferiscono al paesaggio un aspetto fantastico e misterioso.

Gli sbuffi di vapore spontanei, che escono dal terreno, e le fonti di acqua bollente che diffondono nell’aria il caratteristico odore di zolfo, hanno fatto in modo che, in passato, il luogo sia stato collegato al Diavolo, tant'è che alcuni storici attribuiscono a questa zona l'ispirazione per l'ingresso agli inferi descritto nella Divina Commedia da Dante Alighieri.

La Leccia

Lungo la strada che collega la frazione di Sasso Pisano a Larderello, avvolto in un verde di querce, ulivi e lecci, sorge il piccolo e antichissimo borgo della Leccia , che conserva, in piccolo, l’antica struttura medievale.

La chiesa castellana, dedicata a S. Bartolomeo Apostolo, appartenne al "sesto di Montagna" della Pieve di Morba.

Poco lungi dall'oratorio della Leccia sorgeva la cappellina della Madonna del Latte, nei pressi di una fonte termale le cui acque sono ancora oggi ritenute benefiche per le puerpere.

Alla Leccia è sempre vivissimo il culto della Madonna e da tempo immemorabile si celebra la sua festa il 14 giugno, per implorare la protezione dalla grandine.

Cosa vedere nei dintorni di La Leccia

Nei pressi del borgo fu eretta una Cappella o Oratorio della Vergine Maria, per rispettare un voto relativo ad un'apparizione della Madonna nella "selva lecciatina". 

La struttura della Chiesa è molto particolare ed inconsueta, che deriva dall’essere la prima struttura di origine andina da noi conosciuta, importata da Matteo da Leccia di ritorno in patria da un suo soggiorno a Lima nei primi anni del seicento.

Bisogna tenere presente che la Val di Cecina dà il meglio di sé a tavola, in autunno, quando i boschi e le campagne dei dintorni offrono abbondante selvaggina, grande varietà di funghi ed ottimi tartufi.

Altri borghi della Val di Cecina

  1. Serrazzano frazione di Pomarance

  2. Casale Marittimo

  3. Montescudaio

  4. Giuridistallo

Periodi migliori

Aprile/Giugno e Settembre/Ottobre

Sagre, Sport, Folk e ospitalità

Consorzio Turistico Volterra Valdicecina Valdera
Sede Via Franceschini 34 - 56048 Volterra
Telefono e Fax 0588 86099
E-Mail info@volterratur.it
Sito Web Internet : www.volterratur.it

Castelnuovo Val di Cecina sotto la neve

Fiume Cecina

Montecastelli Pisano

Val di Cecina - Rocca Sillana

Val di Cecina - Sasso Pisano

 "Aquae Populoniae" città termale etrusco-romana

Val di Cecina Impianti di Geotermia

Madonna del Libro in architettura andina

Montecastelli - Antica miniera di Rame

Fiume Cecina - Il masso delle fanciulle







Annunci o altre pagine interessanti:


Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport