News: Ecologia e città




Sviluppo ecologico nelle città italiane

Ecologia in città Sarà per l’alta pressione di questo inizio di primavera, sarà perché, complice l’abbassamento dei costi medi del carburante, molti italiani hanno ripreso ad utilizzare e spesso la propria auto, fatto sta che in queste settimane l’Italia è letteralmente sotto una coltre di polveri sottili ed inquinanti.

A soffrirne particolarmente sono i grandi centri come Roma e Milano, non a caso "bastonate” dal recente rapporto "Soot Tree Cites” che è andato ad esaminare le misure antismog prese dalle 23 principali città europee. Ebbene se il capoluogo ha il poco invidiabile primato di essere all’ultimo posto di questa classifica, con un’aria definita come "irrespirabile”, Roma è poco meglio piazzata, anche se poi lo stesso rapporto denuncia che l’efficacia delle misure antismog prese dall’amministrazione capitolina si riduce alle sole aree centrali e lascia fuori tutti i quartieri più periferici.

Il problema di base è che le stesse amministrazioni il più delle volte hanno paura di intraprendere misure realmente efficaci contro l’inquinamento in quanto poi esse si rivelano poco popolari e quindi non "redditizie” in termini di voti.

Il problema nasce quindi più alla base nei singoli cittadini che non capiscono quale sia l’importanza di combattere le polveri sottili e le immissioni di CO2, responsabili di un numero inimmaginabile di malattie più o meno gravi come gli enfisemi, le polmoniti e le bronchiti, che negli ultimi tempi aggrediscono sempre di più i bambini e gli anziani, con conseguenze spesso disastrose sullo stato di salute di questa fascia di popolazione.

Eppure si potrebbe fare tanto per cercare di ridurre le immissioni inquinanti, anche attraverso iniziative che non cambiano più di tanto lo stile di vita delle persone; iniziative come quella di 10 comuni veneti accordatisi per ridurre il riscaldamento domestico durante il mese di aprile, o iniziative più originali come quella del comune di Parigi che ha imposto una riduzione di 20 km/h dei limiti di velocità proprio per ridurre le polveri sottili.

L’attenzione al trasporto su gomma è peraltro un punto fondamentale in questa battaglia. Non a caso anche nel 2015 sono stati inseriti gli incentivi alla rottamazione delle vecchie auto più inquinanti, incentivi che premiamo chi acquista auto a ridotti consumi con bonus che possono arrivare ad un massimo di 3500 euro per quei mezzi con immissioni minori a 50 grammi di CO2 per chilometro percorso.

Va specificato che tali incentivi sono riservati alle auto alimentate ad energie alternative come quella elettrica o il gas.

Da questo punto di vista l’elettrico rappresenta il trend in maggior ascesa con un sempre maggior numero di modelli sul mercato, specie nella formulazione ibrida, ovvero in cui è disponibile sia l’alimentazione con carburante sia quella ad elettricità.

Renault è uno dei marchi più attivi in questo campo, avendo adottato l’ambizioso obiettivo di cercare di ridurre le immissioni di CO2 delle auto commerciali ad un massimo di 22 grammi per chilometro; una bella sfida rispetto al punto di partenza rappresentato dalle 5 versioni della Renault Clio che si trovano oggi in circolazione e in commercio, come puoi vedere anche nel sito Autoscout24, che pur avendo consumi bassi ancora non eccellono per quello che riguarda le immissioni.

La buona notizia rispetto al passato però è che oggi le soluzioni elettriche o ibride non si applicano solo alle utilitarie ma anche alle berline ed in generale a tutti i marchi della fascia medio alta. Pensiamo ad esempio alla nuova gamma di BMW alimentate ad elettricità (riconoscibili per la presenza della lettera "i” all’interno del nome del modello), o gli studi di Audi sulle alimentazioni ad idrogeno o ancora le ibride di lusso introdotte dalla Lexus.
E in futuro?

In futuro c’è chi giura che le auto ibride non solo saranno lo standard ma saranno anche performanti (a differenza di oggi): è questa ad esempio la scommessa di Tesla, al lavoro su una supercar elettrica che secondo la casa automobilistica americana dovrebbe essere in grado di raggiungere anche i 400 km/h. Solo su pista, ovviamente.

Rita Micheli
(27/04/2015)

seguici su facebook   






Annunci o altre pagine interessanti:






Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica


Cerca su IBS

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport