Istinto e Ragione pag. 1




Cap. 1: Premessa

Avete mai pensato che noi siamo un gemello di noi stessi, quasi completo?

Abbiamo due occhi e due orecchie, per gustarci gli effetti tridimensionali e direzionali, due narici, caso mai una fosse tappata, due braccia, due gambe, due polmoni, due emisferi cerebrali, due ovaie o due testicoli, due reni, ecc. ecc.

Sembra che molti degli organi vitali più importanti siano stati fatti in doppio per garantirci maggiori possibilità di sopravvivere.

Peccato che ci ritroviamo un solo cuore, uno stomaco, un pancreas, una bile, un fegato. Altrimenti ci potevano anche dividere in due e saremmo stati comunque vivi! Ci mancava poco a completare l'opera!

Tra tutti questi organi abbiamo anche due "mandorle", collocate nella parte più in profondità del nostro cervello e di cui parleremo in questo studio.

Si chiamano normalmente col loro nome al singolare, chissà perché, ma sono due e con funzioni differenziate e complesse.

Sto parlando dell'AMIGDALA.

amigdala dove si trova
(da non confondere con il minerale che si chiama pure lui amigdala)

Mai sentita nominare?

Secondo me, è lì che risiede il nostro IO, la nostra essenza e la consapevolezza d'essere individui distinti e distanti (diversi, in un certo senso) da tutti gli altri. Potrei definirlo il centro della coscienza, o dell’anima, se preferite.

Se vi dicessi che se siamo qui a scrivere o a leggere queste righe è proprio grazie al lavoro attento e veloce di questa doppia ghiandola? E’ lei che ci protegge da sempre, che ci salva la vita, che ci tiene lontano dai guai, in altre parole che ci fa VIVERE!

L’amigdala è, però, anche la causa di un sacco di guai, pure nella nostra società così evoluta ed emancipata, che poi si comporta in molte circostanze come un branco di animali dementi in preda a brutali istinti incontrollati.

Ma andiamo per gradi!

Sono un analista, è stato il mio mestiere per mezzo secolo, quindi, con tutta la mia modestia e consapevole ignoranza, sono almeno bravo a raccogliere dati, analizzarli e giungere a quella che ritengo sia la migliore sintesi.

Se non sapessi fare questo non avrei potuto realizzare migliaia di programmi software perfettamente funzionanti.

Quindi fidatevi (si fa per dire). Ciò che scrivo non è frutto di fantasie filosofiche (ne abbiamo fin troppi di filosofi e teologi immersi in ipotesi campate in aria!), ma è tratto, e da me elaborato, sulla base di pubblicazioni recenti relative alle neuroscienze ed è su queste informazioni attendibili che ho costruito le mie ipotesi e le mie osservazioni critiche.

A me queste riflessioni hanno cambiato il modo di vedere me stesso e di valutare le altre persone. Da oggi il mio punto focale è dato dal capire se una persona è equilibrata o se ha degli scompensi nel suo cervello tra il funzionamento dell'amigdala e quello della sua neocorteccia (la parte più evoluta della nostra mente, contro la parte più istintiva e primordiale, ma si potrebbe anche dire la parte materiale dell'amigdala contro la parte astratta della neocorteccia). Naturalmente applicando queste critiche in primo luogo a me stesso.

Nelle pagine successive descrivo a cosa ci serve l'amigdala, cosa fa invece il resto della nostra mente razionale e quali sono le conseguenze di questa dura collaborazione, che spesso è in opposizione e competizione anziché cooperante. Il discorso è semplificato perchè non va nei dettagli di tutto il funzionamento dell'ipotalamo e delle altre parti del cervello, mi perdonino gli specialisti, ma alla fine i due elementi in contrapposizione si possono identificare genericamente in questo modo.

Io sono convinto che oggi, che ne sappiamo molto di più su questi organi, sarebbe importantissimo istruire i nostri giovani, dare loro una chiara visione del perchè alcuni ragazzi si comportano in un certo modo, magari prepotente, oppure incosciente o complessato o da erotomani. Insegniamo moltissime cose inutili nella vita pratica ai nostri giovani e non vogliamo dedicare il giusto sforzo ad insegnargli come funziona la loro macchina e come la dovrebbero "guidare"?

Amigdala pilota automatico C'è una bellissima classificazione che ci può servire a distinguere i comportamenti amigdaliani da quelli neocorticali.

L'amigdala è il nostro pilota automatico, mentre la neocorteccia è la guida manuale.

Il pilota automatico è quello che hanno anche tutte le altre razze di animali e che basta per la loro vita.

E visto che anche noi esseri umani abbiamo sempre avuto l'amigdala e solo successivamente abbiamo sviluppato (e in modo eccezionale) la parte sovrastante del nostro cervello, se c'è una coscienza di sé stessi, questa non può a mio avviso che risiedere nell'amigdala stessa, unico elemento di continuità

La guida manuale è quella che ci fa soppesare le situazioni, riflettere, fantasticare, sognare, creare, inventare, progredire, amare il nostro prossimo e la Natura intera, rispettare l'ambiente, agire con saggezza e altruismo, ecc. ecc..

Ma -attenzione!- dal nostro cervello razionale ed evoluto nascono anche una infinità di distorsioni della realtà, dei sentimenti, dell'amore, del nostro equilibrio psichico. La fantasia può essere malsana e le ambizioni ci possono condurre a compiere azioni incoscienti, che l'amigdala non approverebbe mai perchè contrari all'istinto di sopravvivenza.

Si vede subito quanto è complessa questa parte, rispetto alle semplici funzioni della mente a pilota automatico, che si preoccupa solamente di salvarci la vita, procurarci il nutrimento quotidiano, riprodurci, divertirci e riposare.

Contrariamente agli aeroplani, però, nel nostro cervello sia il pilota automatico che la guida manuale sono sempre inseriti e funzionanti entrambe, creando quindi frequenti contrasti nelle loro aspirazioni, che possono essere opposte.

Prima di passare ad approfondire, ecco una serie di esempi molto chiari della suddetta contrapposizione tra istinto (amigdala) e ragione (neocorteccia), pilota automatico e guida manuale.

Potete saltare le foto successive e passare subito a pag. 2 col capitolo "COS'E' E COME FUNZIONA L'AMIGDALA"
Pag. 1 - pag. 2 - pag. 3 - pag. 4 - pag. 5 - pag. 6







Istinto e Ragione, ovvero Amigdala contro Neocorteccia... eterno conflitto!

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 001

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 002

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 003

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 004

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 005

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 006

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 007

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 008

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 009

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 010

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 011

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 012

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 013

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 014

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 015

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 016

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 017

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 018

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 019

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 020

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 021

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 022

Istinto e ragione amigdala e neocorteccia 023


Segue a pag. 2 col capitolo "COS'E' E COME FUNZIONA L'AMIGDALA"
Pag. 1 - pag. 2 - pag. 3 - pag. 4 - pag. 5 - pag. 6





Annunci o altre pagine interessanti:



Libri su Neuroscienze

Libri IBS su Neuroscienze


Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport



seguici su facebook