Eutanasia e testamento biologico pag. 3




Eutanasia e testamento biologico pag. 3

(questo dossier è aggiornato al luglio 2008)

Chi dice no

EutonasiaEutanasia: alcune dichiarazioni a sfavore:

Il mondo cattolico è schierato saldamente su posizioni anti eutanasia. Il diritto alla vita, sostengono, è inviolabile e lo Stato non può farsi carico di queste scelte. Ecco qualche dichiarazione, tratta dall'ANSA e da organi di stampa italiani, di autorevoli personaggi del mondo della cultura, della politica, della Chiesa.

Rosy Bindi, ex ministro della Sanità
"Sull'eutanasia Veronesi auspica una soluzione civile, ma non mi pare che si possa avviare un confronto serio e costruttivo se si parte dalla premessa che si tratta di morti viventi. In questa espressione c'è un giudizio che nega dignità a queste esistenze".

Ersilio Tonini, cardinale
"La Chiesa sarà sempre contraria all'eutanasia. Una legge che desse la possibilità di far morire una persona sarebbe un fatto gravissimo: lo Stato non può essere padrone della vita e tantomeno della morte di nessuno".

Elio Guzzanti
"Chi è in stato permanente vegetativo non è morto. Fino a quando nuovi studi non dimostreranno l'impossibilità di recuperare chi è in coma anche da lungo tempo, non sarà possibile giustificare la scelta di far morire queste persone".

Giulio Andreotti
"Non c'è mai certezza della non guaribilità e ci sono casi di cronaca, anche se rari, a dimostrarlo. E soprattutto attenzione ad aprire le maglie della cultura della difesa della vita perché rischiamo di precipitare verso una società molto crudele che elimina chi non serve più, chi non è più attivo".

Elio Sgreccia, vicepresidente della pontificia Accademia per la vita
"Ci sono stati casi clamorosi di risvegli dopo anni di coma. Ma anche nel caso di speranze ridotte al lumicino o considerate nulle, non deve essere consentito all'uomo di porre fine a una vita. Lo stesso discorso, allora, dovrebbe essere applicato alle persone colpite da patologie gravi, che hanno un'aspettativa di vita limitata e nessuna speranza di guarigione. Bisognerebbe forse smettere di dar loro da mangiare?".

Padre Bartolomeo Sorge
"La materia non si può regolamentare. Si deve rilanciare la cultura della vita".

Nessuna di queste persone prende minimamente in considerazione la volontà individuale di porre fine alla propria vita insostenibile. Si cita lo Stato, mai la persona. Si parla di diritto alla vita, ma in pratica s'intende "obbligo". Il libero arbitrio viene totalmente negato. La dignità della persona non conta, viene evocata la dignità dell'essere umano in senso teorico. Per i cattolici non esiste qualità della vita a fare alcuna differenza. Siamo semplici marionette, nelle mani di Dio o -meglio- nelle mani della santa Chiesa.

Eutanasia: alcune dichiarazioni a favore

(EXIT ITALIA)
Parla il presidente
Exit Italia è l'associazione di Torino che si è battuta per legalizzare l'eutanasia nel nostro paese. Clarence ha intervistato Emilio Coveri, il presidente.

In questi giorni, dopo le dichiarazioni pro eutanasia del padre della ragazza di Lecco in stato comatoso, si è sollevato un gran polverone. Il 68% degli italiani si dichiara d'accordo con le posizioni del padre. Da una recente indagine, in Germania, l'81% dei tedeschi sembra essere favorevole alla legalizzazione dell'eutanasia.
Come commentate queste statistiche?
"Sono dati che riflettono una posizione della società contemporanea. Noi crediamo che sia corretto affermare che molti di noi vogliono evitare la sofferenza. Tutti abbiamo avuto un parente distrutto dal male. Tutti abbiamo visto il dolore negli occhi dei nostri cari. E ci siamo posti la classica domanda: se dovesse capitare a me, non sarebbe meglio morire in maniera più dolce?
E' questa la domanda che noi ci poniamo ed è su queste basi che crediamo che sia giusto rispettare la volontà del singolo individuo che decide, nel pieno delle sue facoltà mentali, quando morire".

Quale è, secondo voi, il "punto di non ritorno"? Il momento in cui è lecito intervenire e praticare l'eutanasia?
"Il bivio si incontra quando la persona vive in stato vegetativo e non è più in grado di alimentarsi in maniera naturale. Da quel momento, se il paziente ha espresso la sua volontà, noi crediamo che sia giusto assecondare i suoi desideri".

Quando siete nati? E come operate per raggiungere i vostri obiettivi?
"Exit Italia è nata nel 1997, inizialmente come centro di documentazione. Adesso contiamo oltre 1300 iscritti, tra cui Indro Montanelli e Luigi Manconi. Siamo presenti, almeno con un presidio, in tutte le regioni d'Italia. La sede di Torino è quella operativa.
La scientificità delle nostre iniziative viene garantita da quattro commissioni: una medica, una etico -scientifica, una filosofica e, infine, una giuridica.
Operiamo in questo modo: abbiamo stilato un testamento biologico, una sorta di documento che va compilato dal paziente in presenza di un notaio e di tre testimoni. Su questo modulo, barrando con le crocette, l'interessato dichiara il proprio desiderio di voler morire senza soffrire inutilmente. L'obiettivo di questo testamento è assicurare il rispetto della libera scelta individuale.
Attualmente ci stiamo adoperando per una proposta di legge (sottoscritta da Luigi Manconi e Marco Pannella) che consenta il passaggio alla legalizzazione della dolce morte".

In Italia, l'eutanasia attiva e il suicidio assistito sono vietati. Quale è, tra i paesi stranieri, il modello migliore? "Quello svizzero".

Perché?
"Perché lì è tollerato il suicidio assistito. Il medico, dopo aver fatto dichiarare dal paziente, in forma scritta, il desiderio di porre fine alla propria vita, prepara un cocktail di farmaci letali e li fa ingerire al paziente, assistendolo fino alla morte.
E' un dolce morire, che pone definitivamente fine alle pene e ai dolori del paziente. Per arrivare ad accettare questo modello, anche in Svizzera si sono registrati casi di denuncia ai danni del medico. Ma ora la tollerabilità è assoluta".

Quanto è influente la Chiesa cattolica, in Italia?
"Io sono cattolico e rispetto totalmente le scelte e le posizioni della Chiesa. Ma è fondamentale capire una cosa. Se la nostra vita è dono di Dio, se Dio è il tenutario della nostra esistenza, mi dica, quale padre vorrebbe vedere il proprio figlio distrutto dalla sofferenza, da un male incurabile? Io credo che sia fondamentale instaurare un dialogo, un dibattito sereno e pacato con chi la pensa in maniera diversa. Solo così è possibile imparare da chi la pensa diversamente. La Chiesa cattolica si basa su principi molto teorici, ma la pratica è alquanto diversa e ha molteplici sfaccettature".

Cosa rispondete alle posizioni di Giulio Andreotti, di Rosy Bindi e di tutto il mondo cattolico che si arrocca su posizioni contrarie all'eutanasia?
"Rispondiamo con una domanda. Ha senso soffrire oltre misura? Se si è cinici la risposta potrebbe essere affermativa. Se non lo si è, bisogna convenire che le nostre posizioni sono corrette".
Per toccare da vicino il dramma di chi soffre da anni ed invoca inutilmente di potere lasciare la vita, si consiglia di leggere "perché mi torturate?" di Adolfo Baravaglio. Storia di un uomo rinchiuso in una gabbia grande quanto il suo corpo. Per lui il concetto di dignità è molto, molto lontano da quello del clero!
Perché mi torturate? Storia dell'uomo rinchiuso in una gabbia grande quanto il suo corpo
Baravaglio Adolfo, 2007, TEA






Annunci o altre pagine interessanti:




Libri che trattano l'argomento "eutanasia"

  Dal «diritto di vivere» al «diritto di morire». Riflessioni sul ruolo della laicità nell'esperienza penalistica
Risicato Lucia, 2008, Giappichelli
  Dichiarazioni anticipate di trattamento ed eutanasia. Rassegna del dibattito bioetico
Bompiani Adriano, 2008, EDB
  Eutanasia e medicina. Il rapporto tra medicina, cultura e media
Tambone Vittoradolfo; Sacchini Dario; Cavoni Cesare D., 2008, UTET Università
  Eutanasia. Tra bioetica e diritto
De Septis Elisabetta, 2008, EMP
  Eutanasia. Vivere per la vita o vivere per la morte?
Montalto Margherita, 2008, Firenze Libri
  «Io, il dottor Morte...». La testimonianza di un medico scomodo sul caso Welby
Santi Roberto, 2007, Pironti
  Contro l'eutanasia. Un grande medico, laico e non credente, ci spiega perché non possiamo accettare l'eutanasia
Israël Lucien, 2007, Lindau
  Davanti alla morte. Medici e pazienti
Nuland Sherwin B., 2007, Laterza
  La dignità della morte. Tesi sull'eutanasia
Küng Hans, 2007, Datanews
   


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica


Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport



seguici su facebook