Astrologia, commenti e critiche

Gli astri e segni zodiacali "Crepi l'astrologo!"
...è un modo di dire che si può applicare a chiunque faccia previsioni nefaste per il futuro, ma che è inutile applicare agli astrologi di professione, perché tanto a mio avviso le loro profezie sono del tutto campate in aria, quindi neppure nefaste.

Un bel gruppo di scienziati (mi pare circa 180) hanno firmato un cartello anni fa in cui sostenevano l'assoluta inattendibilità e infondatezza dell'astrologia. Ma la gente continua a leggere gli oroscopi, a parlare di zodiaco e ascendenti e discutere su unioni favorite o no dai rispettivi segni.

Perché l'astrologia abbia ancora così tanto seguito è presto detto: la gente non ci crede (dice), ma ne resta sempre incuriosita e affascinata, perché le conclusioni che trae l'analisi astrologica sono talmente frequenti e applicabili ad un sacco di gente, che diventa facile convincersene.

Se io vi dicessi che oggi avrete qualche contrarietà, ma che con la vostra pazienza tutto si risolverà per il meglio, chi potrebbe escluderlo? Capitano a tutti e tutti i giorni "piccole contrarietà", no?

Astrologia, commenti e riflessioni Anche l'impronta caratteriale derivante dalla nascita e dal proprio segno pesca nello "statisticamente probabile". Vengono elencate una serie di caratteristiche tra le quali in almeno qualcuna chiunque si potrebbe identificare. Non voglio dire che l'astrologia sia come la fede, ma il processo di adesione assomiglia molto.

Bisogna non essere esigenti in termini di prove scientifiche, altrimenti crolla tutta l'impalcatura. L'astrologia si occupa -per quel che ne so- di due cose diverse: il carattere che un individuo avrà in base all'anno, giorno, ora e luogo della propria nascita e la predizione degli eventi futuri.

La cosa straordinaria è l'inspiegabilità dell'imprinting alla nascita. Basterebbe partorire un'ora prima o dopo ed ecco che nostro figlio ne sarebbe marchiato a vita in un modo diverso, in base alla costellazione presente al nostro est in quel preciso momento!

E' una vita che mi domando cosa diavolo possa agire così fortemente sul nostro DNA, proprio nell'attimo della nascita. Dovrebbe sprigionarsi una forza molto precisa, come un laser che vada (sempre solo in quell'istante) a modificare la struttura delle nostre cellule.

Vi dirò che sarei stato molto più favorevole a credere la storia se l'astrologia ponesse quell'attimo di influenza al momento della fecondazione e non della nascita (che è in ritardo di nove mesi rispetto alla composizione dei geni). Ma resterebbe comunque inspiegabile quale possa essere la forza che arrivi da stelle così distanti da noi e di cui non siamo in grado di misurare alcuna influenza.
  Critica all'astrologia
Ma si sa, alcuni sostengono che se ci influenza la Luna, potrebbe influenzarci anche una stella lontana. Per gli scienziati le cose non stanno così, ma fa niente. Un altro aspetto strano è che questa influenza si ripercuoterebbe sul nostro futuro carattere.

La scienza non è ancora in grado, malgrado secoli di studi, di stabilire quanto si nasca con un certo carattere e quanto invece il nostro carattere si formi a partire dai primi giorni di vita.

Ma per gli astrologi, invece, tutto si compie miracolosamente in quel famoso istante. Inutile chiedere le prove, ovviamente. A loro non servono, ci credono e basta.

L'astrologia è pratica antichissima e il perché lo si comprende facilmente, pensando che chi vive nel terrore, come i nostri avi, doveva per forza cercare di farsi una ragione di ogni cosa che gli capitasse ed essendo totalmente ignoranti, andava a caccia di concomitanze per cercare di evitare rischi futuri.

Sarebbe come dire, per fare un esempio, che se io vedessi una persona che distrattamente passa sotto una scala e poi, altrettanto distrattamente, finisce sotto un'automobile, ne trarrei la conclusione che passare sotto le scale porta male.

Naturalmente non mi prenderei mai la briga di provare a farci passare un milione di persone per vedere quanto sia vera la mia teoria. Se in altri casi passando sotto una scala non succedesse nulla, farei finta di niente o concluderei pensando d'essere stato semplicemente fortunato.

Oppure, ancor meglio, cercherei di capire quale concomitanza positiva si sia opposta efficacemente a quella negativa del passare sotto la scala. In conclusione, se voglio cascare in piedi per difendere una credenza...ho mille modi per farlo, salvo quello di usare il buonsenso e le indiscutibili prove scientifiche.

Testo di: Enrico Riccardo Spelta




Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri sul tema Astrologia

  Astrologia oraria classica. Corso di studio per autodidatti
Van Slooten Erik, 2010, Edizioni Federico Capone
  Astrologia e meditazione. Un metodo esperienziale per equilibrare le energie planetarie. Con CD Audio
Mendo Arianna, 2009, Edizioni Federico Capone
  Predire. Scienza e pratica delle arti divinatorie
cur. De Tomasi G., 1998, Hobby & Work Publishing
 
  I Ching. Il libro dei mutamenti della dinastia Tsheou
Philastre, cur. Judica Cordiglia E., 1999, Edizioni Mediterranee
  Dizionario di astrologia. Astrologia per il XXI secolo
Baker Douglas, cur. Leonetti A.
  La nascita dell'astrologia nel mondo antico e classico
Campion Nicholas, 2010, Astrolabio Ubaldini
  L'astrologia e la borsa. Un viaggio affascinante negli ultimi 15 anni dell'indice azionario italiano (1995-2009) in chiave astrologico-planetaria
Anelli Giancarlo, 2009, Astro Edizioni
  Astrologia personale. Significato dei segni, gli ascendenti, le case, le affinità di coppia
Saporiti Marco, 2010, Cerebro
  Astrologia per intellettuali
Pesatori Marco, 2008, Neri Pozza
  Astrologia delle donne. Femmine, amazzoni, nomadi
Pesatori Marco, 2009, Neri Pozza
  Astrologia dalla A alla Z. Un percorso completo per una conoscenza profonda della scienza dell'universo
Mantovani Elisabeth, 2009, Anima
  Pianeti interiori. L'astrologia psicologica di Marsilio Ficino
Moore Thomas, cur. Pattis E., Stroppa C., 2009, Moretti & Vitali


Libri top classifica IBS

Libri IBS 1 classifica Libri IBS 2 classifica Libri IBS 3 classifica