Recensione film "Io no"





Io no

Locandina del film "Io no"

Io No

Titolo originale: Io no
Nazione: Italia
Anno: 2003
Genere:  Commedia
Regista: Simona Izzo, Ricky Tognazzi
Cast: Gianmarco Tognazzi, Myriam Catania, Francesco Venditti, Ines Sastre
Produzione: Massimo Ferrero

Distribuzione: 20th Century Fox
Data di uscita: 31 Ottobre 2003 (cinema)










Francesco Venditti in "Io No"

Trama

Il film racconta le vicende familiari e sentimentali di due fratelli: Flavio e Francesco. Flavio prosegue l'attività di albergatore del padre, ha una bellissima moglie, Laura e due figli. Francesco, il minore, è invece uno scapestrato, lascia al fratello la conduzione dell'azienda famigliare, vive di notte ed è totalmente incapace di organizzare la propria vita. Tutto questo finché non incontra Elisa...




Gianmarco Tognazzi in una scena di "Io No" Gianmarco Tognazzi in una foto di repertorio

Commento

"averne"...è la prima parola che mi viene in mente, dopo avere visto questo film. Averne di film così! Una produzione italiana di una commedia italiana, con attori italiani che parlano e si muovono come noi parliamo e ci muoviamo, con registi (la coppia Izzo-Tognazzi) equilibrati e sensibili. La storia è tratta dal romanzo "Io no" di Lorenzo Licalzi. I romanzi sono sempre un'altra storia, li leggiamo e li viviamo in modo più interiore, più personale, non vincolati dalle immagini ineludibili delle scene e degli attori imposti. Per questo non mi piace fare paragoni, non hanno senso.  Prendo il film per quello che mi ha dato: un coinvolgimento sentimentale tra quattro persone con tutti gli intrecci e le combinazioni possibili.  I due fratelli sono legati da profondo affetto; uno (Flavio) apparentemente spavaldo e sicuro di sè. L'altro (Francesco) apparentemente perso nella solitudine di una vita troppo facile da spendere senza fatica e senza motivazioni profonde. Le due donne, legate da una sincera amicizia e che amano ed hanno amato gli stessi uomini. Una buona trama, dunque, su cui costruire una storia. E il film a mio parere ci riesce benissimo, coinvolgendo nel dialogo, nel tema e nelle azioni. Poi, come molti hanno criticato, la storia prende una piega che la porta a virare da commedia a dramma. Che c'è di male? La vita è fatta di momenti "leggeri" e di tragedie incombenti. Tutta la vita finisce inesorabilmente in tragedia, o no? E allora non mi ha dato fastidio l'ultimo pezzo del film. L'ho accettato per buono, per credibile. Forse gli attori sono stati messi a dura prova dal ruolo più drammatico, ma non m'è parsa assolutamente una cattiva recitazione, anzi. Ecco, ho voluto scrivere su un film che probabilmente passerà quasi inosservato, che sicuramente non farà il giro del mondo, ma che ho sentito come storia della nostra cultura e non come prodotto super confezionato dalle mega produzioni americane, di cui salvo molto poco. Se vi piace questo genere ve ne consiglio la visione.


Torna all'indice Cinema up




Annunci o altre pagine interessanti:



Vuoi vedere il film "Io No" ? Ordina il DVD

Io no

Io no
20th Century Fox Home Entertainment, 2004
Regia di Simona Izzo; Ricky Tognazzi
Principali interpreti: Gianmarco Tognazzi; Myriam Catania; Francesco Venditti ...



Vuoi leggere "Io No" ? Ordina il Libro!

 

Io no
Licalzi Lorenzo, Rizzoli


Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport