Bestseller: Lo scalpellino di Läckberg Camilla




Trama e recensione del libro "Lo scalpellino"  di Läckberg Camilla

Recensione Lo scalpellino di Läckberg Camilla Al largo di Fjällbacka, nella nassa di un pescatore a caccia di aragoste rimane impigliato il corpo senza vita di una bambina.

Nei suoi polmoni ci sono tracce d'acqua dolce e sapone: qualcuno l'ha annegata in una vasca da bagno prima di gettarla in mare.

Mentre Erica, mamma da poche settimane, è completamente assorbita da una neonata che tutto le offre fuorché le "gioie deliranti della maternità" che si aspettava, Patrik guida le indagini.

Ma chi può aver voluto la morte della piccola Sara? Il paese è alla ricerca di un capro espiatorio, la gente bisbiglia, i conflitti nutriti negli anni si fanno più aspri: dentro le case dalle facciate perfette affiorano drammi famigliari che il tempo non ha saputo placare.

Al terzo romanzo della sua serie pubblicata in trentadue paesi, Camilla Làckberg, con occhio attento agli esseri umani e alla loro psicologia, intreccia le colpe del passato agli effetti devastanti sul presente, tracciando il ritratto lacerante di una psiche femminile sfrenata, affascinante, e mostruosa.
Ordinabile da QUI

Recensione

Ancora una volta la macchina della tensione di Camilla Läckberg si è messa in moto e ha creato per noi un giallo svedese Doc, senza difetti.

A cominciare dalla trama, cesellata fino ai minimi particolari, disegnata come un mosaico a spirale che parte da lontano, nel 1923, e si contorce su se stessa fino all’epilogo, trascinando con sé decine di personaggi, luoghi e atmosfere.

Gli elementi tipici del classico giallo “alla Christie” ci sono proprio tutti: gli indizi vengono gradualmente disseminati e messi a conoscenza dell’investigatore e del lettore, l’assassino compare nel romanzo sin dall’inizio, il delitto è raccapricciante e verosimile, i sospettati sono molti e tutti credibili.

Non resta che iniziare l’indagine e farsi prendere dalla tensione crescente.

Il metodo, anche quello, è collaudato e Camilla Läckberg, che prima di intraprendere la carriera di scrittrice di professione faceva l’economista, lo sa applicare alla perfezione.

Si chiama “cliff-hanger”, letteralmente “appeso a un filo”, come nel film d’azione, quando il protagonista sta per precipitare da una roccia ed il regista interrompe la scena.

Così, nel momento in cui la tensione è più alta, Camilla Läckberg con indifferenza abbandona la trama per portarci da un altro personaggio, creando uno stato di attesa e tensione crescente.

L’ambientazione classica, sempre a Fjällbacka, il villaggio in cui l’autrice è cresciuta e di cui riesce a rendere al meglio l’atmosfera; i personaggi, tutti descritti sin nei minimi dettagli e caratterizzati anche attraverso tic e difetti e una protagonista femminile, Erica Falk, divenuta ormai familiare, sono tutti elementi che non lasciano scampo: questo libro bisogna leggerlo tutto e subito.

Giunti al terzo capitolo, la vita di Erica e Patrik, poliziotto di stanza a Fjällbacka, è sconvolta dall’arrivo della piccola Maja, che non da tregua alla neo-mamma, che già dopo poche settimane è distrutta.

Per questo sarà principalmente Patrik ad indagare sull’omicidio che ha sconvolto il villaggio: la piccola Sara, una bimba di sette anni che vive a pochi passi dalla loro villetta, è stata trovata annegata in mare, ma l’acqua dolce che si trova nei suoi polmoni racconta un'altra storia.

Per arrivare all’assassino, che non dev'essere lontano,  Patrik e la sua squadra dovranno indagare nel passato della famiglia della bimba e nelle vicende torbide che riguardano sia la famiglia di Niclas, il papà, nuovo medico condotto del paese, sia la famiglia di Charlotte, la madre, che vive in casa con dei genitori rigidi e ingombranti.

Sulle tracce di antichi veleni e dissapori Patrik ed Erica arriveranno alla soluzione del giallo, ma solo nelle ultime pagine e solo dopo che Camilla Läckberg avrà depistato la fantasia del lettore con falsi indizi, allusioni e insinuazioni.

Un thriller svedese che, siamo certi, farà scuola.

(tratta da Ibs)

Commenti dai lettori

augusta (28-09-2011)
Impianto narrativo solido e trama avvincente, ma narrazione, a mio avviso, troppo frammentata e diluita nella descrizione di particolari, che affaticano la lettura. Consigliato a lettori pazienti.
Voto: 3 / 5

sara (18-09-2011)
Sono la prima per cui mi tratterrò dal dire troppo per non sciupare la sorpresa..... Bello, grandiosa la doppia narrazione.........Peccato che Erika sia , stavolta, poco presente..... Ottimo impianto........ Finale strepitoso. Da leggere. Quasi 600 pagine che volano. L ho letto in un pomeriggio!
Voto: 5 / 5

Breve biografia su Läckberg Camilla

Breve biografia e foto di Camilla Lackberg Camilla Lackberg è nata in Svezia a Eriksson nel 1974.

Prima di diventare una delle più celebri e vendute autrici di polizieschi della Svezia, ha lavorato per diversi anni nel marketing.

Oggi, madre di due figli, vive a Stoccolma dove continua a scrivere la sua fortunata serie tradotta e venduta in trentasei paesi, con grandissimo successo.

Dal primo episodio della serie, La principessa di ghiaccio, scritto nel 2002 ed edito in Italia da Marsilio nel 2010, vincitore in Francia del Grand Prix de Littérature Policière, è stato realizzato un film.

Degli gli altri titoli: Stenhuggaren - The Stonecutter (2005), Olycksfågeln - The Jinx (2006), Tyskungen - The German Brat (2007), Sjöjungfrun - The Mermaid (2008), Fyrvaktaren (2009), sono stati pubblicati in Italia Il Predicatore.


Torna all'indice Bestseller up





Annunci o altre pagine interessanti:



Altri libri di Läckberg Camilla

  Lo scalpellino
Läckberg Camilla, 2011, Marsilio
  La principessa di ghiaccio
Läckberg Camilla, 2011, RL Libri
  La principessa di ghiaccio
Läckberg Camilla, 2011, Marsilio
  Il predicatore 
Läckberg Camilla, 2011, Marsilio

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport