Trama e recensione del libro "Io e Dio"  Una guida dei perplessi  di Mancuso Vito

Recensione Io e Dio. Una guida dei perplessi di Mancuso Vito "Ma che cos'è vero, alla fine, di questa vita che se ne va, nessuno sa dove? Rispondere a questa domanda significa parlare di dio."

Io e Dio di Vito Mancuso ruota intorno a questa domanda: una domanda intima, personale, che però coinvolge l'intera umanità e dunque, ciascuno di noi.

In questo senso, per ogni uomo che viene sulla terra, cristiano o no, la partita della vita è sempre tra io e Dio.

Tuttavia oggi tenere insieme un retto pensiero di Dio e un retto pensiero del mondo è molto difficile: così qualcuno sceglie Dio per disprezzo del mondo, qualcun altro sceglie il mondo per noia di Dio, mentre molti non scelgono né l'uno né l'altro, forse perché non avvertono più quell'esigenza radicale dell'anima che qualcuno chiamava "fame e sete di giustizia".

In pagine ricche di dottrina e di passione per la verità, Vito Mancuso spiega e condivide le ragioni della sua fede in Dio.

È un percorso in cui non mancano puntate polemiche, basato su un'ampia riflessione, che supera di slancio la strettoia tra due posizioni in apparenza contrapposte, che negano entrambe la nostra libertà individuale: da un lato l'autoritarismo delle gerarchie religiose, dall'altro uno scientismo ateo e semplicistico.

Ma una civiltà senza religione, o con una religione senza cultura, argomenta Vito Mancuso, perde inevitabilmente la propria coesione interna, schiacciata su una sola dimensione, in balia di un egoismo molto prossimo al cinismo o alla disperazione. Ordinabile da QUI

Recensione

Di quale domanda Dio è la risposta? Se non si chiarisce la domanda, la risposta-Dio può diventare semplicemente uno dei tanti strumenti di potere escogitati dalla politica per tenere buoni e compatti i popoli, o uno dei tanti hobby coltivati dagli esseri umani per non annoiarsi nel tempo libero, o uno psicofarmaco della mente, magari un po' antiquato ma ancora abbastanza in uso e non senza qualche piacevole effetto.


A sentirli suonare così – senza saper leggere né scrivere – “Dio” e “d’io” possono trarre in confusione: sono simili al punto da generare il sospetto che i due concetti abbiano una radice comune, e non solo per il suono o le lettere di cui sono composte le parole.

Qualunque riflessione a proposito di quel che trascende la nostra vita di tutti giorni, le cose che facciamo, il senso del nostro affannarci dietro a cose di poca o nessuna importanza, non può che scaturire da noi stessi, e condurci nel vivo di una riflessione antica forse quanto il genere umano.

Oggi il dibattito sulla religione, almeno in occidente, è spesso arroccato su posizioni che vedono da un lato l’adesione cattolica (o la mancata adesione) al dogma della Chiesa e dall’altro l’interpretazione della bibbia, che secondo i protestanti è la fonte di ogni verità.

Tutto questo è troppo poco, sostiene Mancuso, e non rispecchia la complessità dei tempi in cui viviamo.

I nostri sono tempi che richiedono a gran voce risposte nuove; risposte che sappiano andare oltre simili, piccine contrapposizioni e si facciano invece carico di quel che sappiamo e non ci è più dato ignorare.

Dando conto, insomma, del fatto che viviamo in una società secolarizzata e retta da un paradigma scientifico incompatibile con la visione del mondo espressa da una simile concezione religiosa, ormai definitivamente tramontata.

Ci vogliono risposte adeguate alla nostra perplessità.

È questa una parola chiave nel libro di Mancuso, che nell’introdurla ci spiega addirittura la sua etimologia: “perplesso” deriva dal verbo latino “plectere”, cioè “intessere”, e sta ad indicare appunto un incrocio confuso fra la trama e l’ordito.

Questa confusione, a dire del teologo, ben riassume il nostro attuale spaesamento, ma è uno spaesamento che faremmo bene a coltivare, o comunque a non sottovalutare e lasciare sullo sfondo, perché dalla risposta che saremo in grado di articolare dipende la nostra capacità di ricomporre la frattura – mai evidente come oggi – fra la vita che conduciamo tutti i giorni nel mondo e quella vita spirituale che è un bisogno irrinunciabile di ogni essere umano.

Accanto a queste considerazioni, di per sé ricchissime di conseguenze e implicazioni, Mancuso riporta una serie di dati che testimoniano come nel nostro mondo, in realtà, la religione stia occupando uno spazio crescente: i fedeli sono in aumento in tutte le principali religioni del mondo, e un gran numero di paesi ha addirittura governi che si ispirano nel loro operare ai precetti religiosi.

Ma la religione, nella maggior parte dei casi, non produce più una cultura, intesa come una visione del proprio stare al mondo che sappia declinarsi in tante forme – letteratura, arte, musica – e quindi resta lettera morta, sotto molti punti di vista: insieme di precetti oppure semplice sistema normativo che ci dice cosa fare e cosa non fare, senza darci gli strumenti per capire perché.

Questo libro, che sembra essere l’opus magnum di Mancuso, riesce ad attingere a una quantità sterminata di fonti e disporne organicamente le testimonianze assieme alle riflessioni dell’autore, per accompagnarci passo dopo passo, in un cammino di grande fascino e di assoluta attualità.

(tratta da Ibs)


Commenti dai lettori

silvano i. (10-09-2011)
per chi segue da tempo VM è una conferma naturale del suo pensiero. Lo sto leggendo e mi riesce difficile non essere d'accordo con lui
Voto: 5 / 5

Breve biografia su Mancuso Vito

Vito Mancuso, Teologo, breve biografia e foto Vito Mancuso è docente di Teologia moderna e contemporanea presso la Facoltà di Filosofia dell’Università San Raffaele di Milano.

Nato nel 1962 a Carate Brianza da genitori siciliani, è dottore in teologia sistematica.

Vive con la moglie e i due figli sulle colline del Monferrato ed oltre al lavoro di traduzione dal tedesco e dall’inglese, scrive articoli su riviste specializzate, partecipa ad opere collettive ed alla direzione di collane a sfondo religioso, ha pubblicato

molte opere che sono state fonte di conversazione e conferenze che hanno scosso molte coscienze.

E' apparso spesso in TV per presentare i suoi libri e per sostenere la sua moderna visione della religiosità.

Il senso complessivo del suo lavoro, dalle lezioni universitarie agli articoli, dai libri alle conferenze, si può definire come “teologia laica”: rigorosa teologia, vero e proprio discorso su Dio, ma tale da poter sussistere di fronte alla scienza e alla filosofia, le quali vengono così ad assumere il ruolo di interlocutori principali.


Torna all'indice Bestseller up



Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Altri libri di Mancuso Vito

  Disputa su Dio e dintorni 
Augias Corrado; Mancuso Vito, 2010, Mondadori
  La vita autentica letto da Vito Mancuso. Audiolibro. CD Audio formato MP3 
Mancuso Vito, 2010, Emons
  Il dolore innocente. L'handicap, la natura e Dio 
Mancuso Vito, 2008, Mondadori
  Rifondazione della fede
Mancuso Vito, 2008, Mondadori
  L'anima e il suo destino
Mancuso Vito, 2007, Cortina Raffaello
  Per amore. Rifondazione della fede
Mancuso Vito, 2005, Mondadori