Zocchi Giuseppe - biografia e foto delle opere

Zocchi Giuseppe Veduta del Tevere




Biografia e vita di Zocchi Giuseppe (Italia 1711- 1767)

Dipintio di Giuseppe Zocchi L'incisore, disegnatore italiano Giuseppe Zocchi nasce a Firenze nel 1711.

La sua famiglia è di origini modeste, tanto che l'artista entra a lavorare come decoratore di interni nella bottega di Ranieri del Pace per avviarsi all'arte e avvicinarsi al successo.

Zocchi si guadagna i consensi del marchese Andrea Gerini. Sotto la sua protezione l'artista può permettersi di viaggiare a Venezia, Milano, Bologna e Roma, occasioni per conoscere ed apprendere le nuove tendenze in ambito artistico ed appassionarsi al paesaggio e alla società contemporanea.

Pittura di Zocchi Giuseppe: mosaici fiorentiniTra le sue opere, quella più nota è una serie di 25 vedute della città di Firenze e di 50 delle ville granducali e di luoghi nei dintorni di Firenze, tutte opere a lui commissionate da Andrea Gerini e pubblicate a partire dal 1744.

Il successo è immediato sia in Italia che in tutta Europa. L'artista ha uno stile che si rifa a quello del vedutismo veneziano. La sua abilità è quella di rendere i suoi paesaggi limpidi, le architetture chiare e curate in ogni minimo dettaglio, tanto che ogni sua opera è documento prezioso della Firenze del Settecento.
Oltre ai paesaggi Zocchi realizza un importate affresco a lui commissionato da Gerini per decorare il palazzo di Via Ricasoli.

 Dal 1749 l'artista si dedica anche al disegno di modelli per gli intarsi in pietre dure realizzati nell'Opificio con temi naturalistici.

Zocchi Giuseppe I modelli per mosaici di pietre dure di Zocchi spaziano con garbata inventiva fra i soggetti alla moda nella cultura pittorica del tempo: vedute di rovine più o meno fantastiche, paesaggi, temi allegorici e scene di costume.

Il rinnovato successo dei mosaici fiorentini fu probabilmente di spunto al marchese Carlo Ginori, fondatore della celebre manifattura di porcellane di Doccia, per impiantarvi anche una produzione di intarsi di pietre policrome.

Anche questa sua attività riscuote grande successo tanto da avere in seguito importanti committenze, tra le quali quella dell'imperatore asburgico e del Re di Prussia. Fino al 1760 si concentra sull'intarsio dei mobili.

Morì a Firenze nel 1767.




Galleria opere d'arte di Zocchi Giuseppe

Zocchi Giuseppe Piazza della Signoria a Firenze
Piazza della Signoria a Firenze

Zocchi Giuseppe Veduta sull'Arno a Firenze
Veduta sull'Arno a Firenze

Zocchi Giuseppe Veduta del Tevere
Veduta del Tevere

Zocchi Giuseppe Paesaggio italiano con fiume
Paesaggio italiano con fiume

Zocchi Giuseppe Villa reale a Cafaggiolo
Villa reale a Cafaggiolo

Zocchi Giuseppe Cattedrale a Firenze
Cattedrale a Firenze





Annunci o altre pagine interessanti:



Libri su Zocchi Giuseppe

  Giuseppe Zocchi. Vedute delle ville e d'altri luoghi della Toscana
cur. Bevilacqua M., 2011,Artemide
  Ventiquattro vedute delle principali piazze, chiese e palazzi della città di Firenze
Zocchi Giuseppe, 1973, Libreria Editrice Fiorentina
  Vedute di Firenze e della Toscana. Cento incisioni con apparato critico
Zocchi Giuseppe, cur. Mason R. M., 1973, Libreria Editrice Fiorentina
  Inventare la realtà. Giuseppe Zocchi e la Toscana del Settecento
Tosi Alessandro, 1999, Mondadori Education
  Vedute delle ville e d'altri luoghi della Toscana nelle incisioni di Giuseppe Zocchi (1744)
cur. Acton H., Tagliolini A., 1981, Il Polifilo
   

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport