Conte Enrico I di Nassau Van Orley Bernaert




Biografia e vita di Van Orley Bernaert (Belgio 1488-1542)

Autoritratto di Bernaert van Orley (ritratto di A. Durer) Il pittore fiammingo e disegnatore di arazzi Bernaert van Orley, scritto anche Bernard, Bernart, Barent, o Barend, nasce nel 1492 a Bruxelles.

Figlio del pittore Valentin van Orley, Bernart entra al servizio di Margherita d'Austria, reggente dei Paesi Bassi, nel 1515 e tre anni dopo è nominato pittore di corte.

Le sue opere sono annoverate tra gli esempi appartenenti alla scuola romana di pittura, purtroppo con scarso successo da parte del pubblico.

Nel 1521 il pittore tedesco Albrecht Dürer dipinge un ritratto dell'artista.

La sua famiglia è originaria di Lussemburgo, discendenti dei Seigneurs d'Ourle o d'Orley. Si sono poi trasferiti al ducato di Brabante dove il padre, Valentin van Orley nacque come figlio illegittimo perdendo il suo titolo nobile.

Bernard e suo fratello Everard (che diventerà anch'egli un pittore) nascono entrambi a Bruxelles.

Nel 1512 Bernaert van Orley si sposa con Seghers Agnes, mentre nel 1539, poco dopo la sua morte, sposa Catherina Helluick, avendo in totale sei figli, quattro dei quali seguiranno le sue stesse orme.

Dipinto di Bernaert van Orley Si suppone che Bernard van Orley abbia completato la sua formazione artistica a Roma alla scuola di Raffaello ma non ci sono fonti attendibili.

A quell'epoca sono pochi i pittori con una certa fama a Bruxelles, come Van Laethem e pittori della famiglia Coninxloo, quindi è più probabile che all'inizio l'artista abbia avuto la sua prima formazione proprio nella bottega del padre.

Il primo lavoro importante di Van Orley risale al 1512. Si tratta di una pala d'altare che raffigura i Santi Tommaso e Matteo.

Pur seguendo lo stile del pittore Jan Gossaert, si capisce che l'artista conosce lo stile rinascimentale delle incisioni e dei cartoni degli arazzi di Raffaello per gli "Atti degli Apostoli", presenti a Bruxelles tra il 1516 e il 1520.

Pittura di Bernaert van OrleyDal 1517 è riconosciuto come maestro nella gilda di San Luca di Anversa.

Nei suoi primi lavori continua la tradizione di Jan van Eyck, Roger van der Weyden e dei loro seguaci.

Ma poi comincia gradualmente ad integrare i motivi del rinascimento italiano, rappresentando vari tipi di figure messe in una relazione spaziale, proprio come nelle opere di Raffaello.

Tra i vari ritratti che Van Orley realizza, l'unico sopravvissuto e firmato risale al 1519 e rappresenta Georg Zelle.

Tra gli arazzi da lui disegnati c'è la serie Hunts of Maximilian e La Battaglia di Pavia.

 Bernaerd van Orley spesso firma i suoi quadri, soprattutto nel suo primo periodo prima del 1521, con lo stemma della Seigneurs d'Orley, anche se qualcuno sostiene che questa fosse la firma del padre.

Insieme a Jan Gossaert e Quentin Matsys, Bernaerd van Orley è considerato come uno dei principali innovatori della pittura fiamminga del 16° secolo, proprio per aver adottato lo stile del Rinascimento italiano.

Opera di Bernaert van Orley (Arazzo: Battaglia di Pavia) I suoi dipinti sono eseguiti con grande cura dei dettagli e si distinguono per i colori brillanti.

La sua produzione di arazzi è anche superiore, per qualità e costo, a quella dei quadri, essendo spesso intrecciati con fili d'oro e d'argento.

Sembra che van Orley avesse già iniziato la progettazione di arazzi in gioventù, ma dopo il 1530 l'artista si è dedicato quasi a tempo pieno solo alla loro realizzazione e ai disegni per vetrate, allontanandosi dalla pittura.

Negli Stati Uniti sono custoditi alcuni suoi dipinti come Madonna col Bambino e Angeli, entrambi al Metropolitan Museum of Art di New York.

Muore a Bruxelles nel 1542.




Galleria opere d'arte di Van Orley Bernaert

Riposo durante la fuga in Egitto Van Orley Bernaert
Riposo durante la fuga in Egitto

La Sacra Famiglia Van Orley Bernaert
La Sacra Famiglia

Conte Enrico I di Nassau Van Orley Bernaert
Conte Enrico I di Nassau

Altare dei Santi Tommaso e Mattia Van Orley Bernaert
altare dei Santi
Tommaso e Mattia

Altare del Calvario Van Orley Bernaert
altare del Calvario     

Ritratto di Carlo V Van Orley Bernaert
Ritratto di Carlo V

Trittico Haneton. Pannello centrale  Van Orley Bernaert
Trittico Haneton. Pannello centrale

Trittico Haneton. Pannelli laterali  Van Orley Bernaert
Trittico Haneton. Pannelli laterali

La Sacra Famiglia Van Orley Bernaert
La Sacra Famiglia

Trittico della Virtù della pazienza Van Orley Bernaert
Trittico della Virtù della pazienza

Ritratto di Margherita Van Oostenrij Van Orley Bernaert
Ritratto di Margherita
Van Oostenrij

Ritratto di Joris Van Zelle Van Orley Bernaert
Ritratto di Joris Van Zelle



Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri sui temi della Pittura Fiamminga

  Il Demoniaco nell'arte fiamminga (Quattrocento-Cinquecento). Excursus teoretico su Enrico Castelli
Pettenuzzo Raffaele, 2010, Libreria Editrice Vaticana
  Pittura fiamminga e olandese. Ediz. italiana, spagnola, portoghese e inglese
2010, Logos
  Pittura fiamminga e olandese 
1997, Bompiani
  Mill'altre maraviglie ristrette in angustissimo spacio. Un repertorio dell'arte fiamminga e olandese a Verona tra Cinque e Seicento
Rossi Francesca, 2001, Ist. Veneto di Scienze
  Fiamminghi nel cantiere Italia 1560-1600
Sapori Giovanna, 2007, Mondadori Electa
  Fiamminghi e altri maestri
2008, L'Erma di Bretschneider
  Rapporti artistici tra Genova e le Fiandre nei secoli XV-XVI
Parma Elena, 2002, Compagnia dei Librai
  Da Rembrandt a Vermeer. Valori civili nella pittura fiamminga e olandese del '600. Catalogo della mostra (Roma, 11 novembre 2008-15 febbraio 2009)
2008, Federico Motta Editore
  Capolavori fiamminghi XV secolo
De Vos Dirk, 2002, Jaca Book
  I disegni fiamminghi e olandesi della Biblioteca Reale di Torino
Sciolla Gianni C., 2007, Olschki
  Fiamminghi e olandesi a Firenze. Disegni dalle collezioni degli Uffizi
2008, Olschki
  Dipinti fiamminghi e olandesi del Seicento
2007, Mazzotta
  I dipinti fiamminghi e olandesi della Pinacoteca Nazionale di Bologna
Le Breton W. Bruna, 2005, Minerva Edizioni (Bologna)
  Primitivi fiamminghi in Liguria
cur. Cavelli Traverso C., 2003, Le Mani-Microart'S