Solimena Francesco Cacciata di Eliodoro dal tempio




Biografia e vita di Solimena Francesco (Italia 1657-1748)

Ritratto di Francesco Solimena Il pittore barocco napoletano Francesco Solimena, noto come l'Abate Ciccio, nasce a Canale di Serino nel 1657.

Inizialmente collabora con il padre Angelo, pittore di tradizione naturalistica, poi nel 1674 si trasferisce a Napoli dove conosce la pittura di Lanfranco, di Luca Giordano e di Mattia Preti.

Tra il 1675 e il 1680 Solimena realizza in collaborazione con il padre opere tra le quali il Paradiso nel duomo di Nocera e la Visione di S. Cirillo d'Alessandria nella chiesa di San Domenico a Sofra.

Nel 1680 dipinge gli affreschi di San Giorgio a Salerno e le tele di San Nicola alla Carità a Napoli, affreschi rappresentanti le Virtù, che si trovano nella sacrestia di San Paolo Maggiore, tutte opere di gusto barocco romano misto alla tradizione pittorica napoletana.

Proprio dal 1680, Francesco Solimena si appropria della sperimentazione cromatica di Luca Giordano, allievo di José de Ribera, che aveva assimilato le esperienze pittoriche più diverse dell'Italia del momento e ha permesso la fioritura della pittura barocca-napoletana.

Dipinto di Francesco SolimenaFrancesco Solimena risulta essere il suo erede e ha tramandato questo stile ai suoi allievi Corrado Giaquinto, Sebastiano Conca e Nicola Maria Rossi.

Nello stesso tempo il pittore è alla ricerca di uno stile pittorico nuovo volto all'elevazione della forma e ad un maggiore equilibrio compositivo, opere come La cacciata di Eliodoro dal tempio a Napoli nella chiesa del Gesù Nuovo e gli affreschi della cappella di San Filippo Neri, nella chiesa dei Gerolamini (a Napoli) ne sono un chiaro esempio.

 Dal 1690 Solimena torna agli esempi di vigorosa ed espressiva pittura barocca di Mattia Preti con l'introduzione a Napoli, all'inizio del Settecento, di un periodo di maggiore interesse artistico: il rococò, quale esaurimento del Barocco.

Nel primo Settecento, si rivolge a grandi solenni composizioni, soggetti sacri e profani.

Dal 1730, circa, ritorna al suo entusiasmo giovanile, con una pittura più barocca, caratterizzata da uno stile classico barocco, governato quindi da un'inquietante "intensità visiva".

L'ultimo periodo dell'artista è infatti caratterizzato da una ripresa proprio dello stile barocco, in controtendenza rispetto all'evoluzione delle correnti pittoriche del tempo.

Pera di Francesco Solimena Realizza così molti dipinti destinati ai Borbone, come Carlo alla battaglia di Gaeta del 1734, Allegoria delle parti del mondo del 1738, entrambi a Palazzo Reale di Napoli.

Solimena è maestro dei maggiori esponenti dell'architettura napoletana, prima dell'avvento di Luigi Vanvitelli e di Ferdinando Fuga. Architetto egli stesso, ha come discepoli Sanfelice, Nauclerio e Vaccaro.

I numerosi pittori della scuola del Solimena, pur essendo dotati di sufficiente abilità pittorica non furono mai in grado di lavorare variando gli schemi compositivi e decorativi che l'artista aveva fissati.

Francesco Solimena muore a Barra (Napoli) nel 1747.




Galleria con opere di Solimena Francesco

Solimena Francesco Cacciata di Eliodoro
Cacciata di Eliodoro

Solimena Francesco Allegoria del regno
Allegoria del regno

Solimena Francesco Battaglia fra Lapiti e Centauri
Battaglia fra Lapiti e Centauri

Solimena Francesco Massacro dei Giustiniani
Massacro dei Giustiniani

Solimena Francesco Martirio di San Placido
Martirio di San Placido

Solimena Francesco Rebecca e Eleazer
Rebecca e Eleazer

Solimena Francesco San Bonifacio riceve il gonfalone
San Bonifacio riceve il gonfalone

Solimena Francesco San Gaetano tranquillizza l'Angelo divino
San Gaetano tranquillizza l'Angelo divino

Solimena Francesco Giuditta e Oloferne  (1630)
Giuditta e Oloferne (1630)

Solimena Francesco Cacciata di Eliodoro dal tempio
Cacciata di Eliodoro dal tempio

Solimena Francesco Incontro di Papa Leone  e Attila
Incontro di Papa Leone e Attila

Solimena Francesco San Giovanni Battista
San Giovanni Battista

Solimena Francesco Ritratto di Carlo III d'Asburgo
Ritratto di Carlo III d'Asburgo



Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI


Libri sul tema Barocco

  La storia dell'arte. Per le Scuole Superiori. Con CD-ROM e DVD. Vol. 4: Dal barocco all'art nouveau.
Bertelli Carlo, 2011, Mondadori Bruno Scolastica
  Pittura tra Malta e Napoli nel segno del barocco. Da Raimondo il «Maltese» a Bernardo De Dominici
Costanzo Salvatore, 2011, CLEAN
  Del Barocco
D'Ors Eugenio, cur. Anceschi L., 2011, Abscondita
  Venezia dal barocco al rococò
Favilla Massimo, Rugolo Ruggero, 2011, Sassi
  Domenico Guidi 1625-1701. Uno scultore barocco di fama europea
Giometti Cristiano, 2011, L'Erma di Bretschneider
  Tredici passeggiate nella grande scena del Barocco a Roma
Mandillo Federico, 2011, Ponte Sisto
  Respiro Barocco. Un viaggio nella Roma del Seicento-Eine reise in das Rom der Barockzeit. Catalogo della mostra
Negro Angela, Bottacin Barbara, 2009, Allemandi
  L'arte tra noi. Vol. 4: Dal Barocco all'art nouveau.
Beltrame Laura, Demartini Elena, Tonetti Lavinia, 2009, Mondadori Bruno
  Pittura, sacralità e carne nel Rinascimento e nel Barocco
Bonanno Giovanni, 2010, Mondadori Electa
  Pittura a Siena tra «baroccismo» e naturalismo
Toti Enrico, 2009, Silvana
  Respiro Barocco. Un viaggio nella Napoli del Seicento-Eine reise in das Neapel der Barockzeit. Catalogo della mostra. Con DVD. Vol. 1
Spinosa Nicola, Bottacin Barbara, Conigliaro Marcello, 2009, Allemandi
  Splendori del barocco defilato. Arte in Basilicata e ai suoi confini da Luca Giordano al Settecento. Catalogo della mostra
2009, Mandragora
  Ritorno al Barocco. Da Caravaggio a Vanvitelli. Catalogo della mostra (Napoli, 12 dicembre 2009-11 aprile 2010)
2009, Arte'm
  Letteratura storia immaginario. Vol. 3: Dal Barocco al Neoclassicismo (dal 1610 al 1815)
Luperini Romano, Cataldi Pietro, Marchiani Lidia, 2009, Palumbo