Daumier Honore - biografia e foto delle opere

daumier honore Charles Philiponn




Galleria opere d'arte di Daumier Honore

daumier honore  Jean Auguste Chevandier de Valdrome
Jean Auguste Chevandier de Valdrome

daumier honore Charles Philiponn
Charles Philipon

daumier honore  Guizot oppure La noia
Guizot oppure La noia

daumier honore Carrozza di terza classe
Carrozza di terza classe

daumier honore Gli emigranti
Gli emigranti

daumier honore  Ratapoil
Ratapoil

daumier honore Lavandaia carica
Lavandaia carica

daumier honore Lavandaia carica
Lavandaia carica

daumier honore  Crispin e Scapin
Crispin e Scapin

daumier honore La madre
La madre

daumier honore Intermezzo alla Comedie Francais
Intermezzo alla Comedie Francais

daumier honore Don Chisciotte e Sancho Panza
Don Chisciotte e Sancho Panza

daumier honore Famiglia sulle barricate del 1848
Famiglia sulle barricate del 1848

daumier honore La rivolta
La rivolta

daumier honore La Repubblica
La Repubblica

daumier honore Saltimbanchi erranti
Saltimbanchi erranti

daumier honore Lavandaie al quai d'anjou
Lavandaie al quai d'anjou

daumier honore  Rue Transnonain 15 aprile 1834
Rue Transnonain 15 aprile 1834

daumier honore  Un contendente insoddisfatto
Un contendente insoddisfatto



Biografia e vita di Daumier Honore (Francia 1808-1879)

Autoritratto di Honorè Daumier Honorè Daumier, pittore, litografo e caricaturista, nasce a Marsiglia nel 1808, e differentemente dal collega Courbet che è sempre sulla scena, Daumier vive nell'ombra conducendo una vita piuttosto ritirata e di stenti.
Nel 1816 quando è ancora solo un ragazzino si trasferisce a Parigi con la sua famiglia. Per aiutare economicamente il padre, vetraio, restauratore e poeta, è costretto a lavorare molto presto prima come impiegato di un ufficio giudiziario e poi come assistente in una libreria. Ma il suo desiderio più grande è quello di disegnare.

Un amico gli insegna la tecnica della litografia, tecnica incisoria molto economica inventata agli inizi del 1800 e Daumier inizia così a collaborare con la stampa, all'età di soli sedici anni.

Opera di di Honorè DaumierCollabora con il giornale "Chiarivari" pubblicando vignette legate alla repressione della libertà di stampa.
Inizia così ad acquisire notorietà grazie ad alcune sue vignette satiriche di carattere politico-sociale che ironizzano sulle condotte e i vizi sociali del tempo.

 Nel 1832 viene però arrestato a causa di una vignetta molto violenta su Luigi Filippo, "Gargantua".
Da queste vignette vengono realizzati piccoli busti in terracotta rappresentanti i politici, che però a causa della mancata cottura delle sculture, sono per lo più andati perduti.

Litografia di Honorè DaumierMalgrado i sei mesi trascorsi in carcere, Daumier non smette la sua attività di vignettista satirico, fino al 1834 anno in cui si dedica a vignette su tematiche sociali.
La satira è divisa in serie: I Buoni Borghesi, Professori e Allievi, Le Divorziate, Gli Scapoli, I Tipi Parigini, La Gente della Giustizia.

 Con queste nuove serie l'artista illustra persone comuni con delle storie da raccontare. La sua satira non è mai volgare. Gioca sul grottesco ma con misura poiché l'attenzione è focalizzata sul suo tempo, sull'uomo come essere sociale.
A causa dei molti debiti accumulati, nel 1842 gli furono pignorati i mobili di casa.

Il 16 aprile 1846 si sposa con la sarta Marie-Alexandrine Dassy dalla quale ha già avuto un figlio vissuto pochi mesi.

Dipinto di Honorè DaumierNel 1848 l'artista riprende con la satira politica ma nel 1852, anno del colpo di stato di Napoleone III il periodo si fa più delicato, e si dedica così alla satira di costume, alla pittura e al disegno, mostrando una grande attitudine anche grazie agli studi effettuati nel 1823 alla Accademia Suisse.

I suoi punti di riferimento sono i pittori veneti del 1500 (Tiziano, Tintoretto), l' olandese Rubens e lo spagnolo Goya.

Dal 1860 si dedica unicamente alla pittura, influenzato dagli amici Camille Corot e Jaen- Francois Millet.

Vicini alle opere di Millet sono “Lavandaia” e ”Il Vagone di 3 classe”, bellissima sintesi tra disegno e colore, attraverso un caldo gioco di chiaroscuro.

Frequenta amici come Baudelaire, ed espone al Salon ma non è particolarmente apprezzato.

Mongolfiera di Honorè DaumierNel 1878 gli amici gli organizzano una grande mostra monografica presso la Galleria di Durand Ruel, noto gallerista che finanzierà poi gli impressionisti. Al momento di questa mostra Daumier, completamente cieco, vive in una casetta a Valmondois, messa a sua disposizione da Corot.

Muore nel 1879 senza aver riscosso grande successo in vita.
 I riconoscimenti all'attività dell'artista arriveranno soltanto dopo la sua morte, anche grazie ad un' importante mostra delle sue opere che si terrà presso l' École des Beaux-Arts nel 1900.

Nei 50 anni della sua carriera, Honoré Daumier ha realizzato circa 4000 litografie, 300 dipinti, 800 disegni, 1000 incisioni e 50 sculture.




Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI & CONSIGLI


Libri su Daumier Honore, sulle Caricature e su Camille Corot

  Honoré Daumier. Il ritorno dei barbari. Europei e «Selvaggi» nella caricatura. Catalogo della mostra (Napoli-Venezia, 1988)
Stoll A, 1987, ed. Mazzotta
  Rodin. Nudi di donna
Rodin Auguste, Nuovi Equilibri
  Honoré Daumier. Il pittore della vita moderna. Catalogo della mostra (Torino, 1996)
Sparagni T., 1996, ed. Mazzotta
  Corot. Ediz. inglese
Sérullaz Arlette, 2007, 5 Continents Editions
  L' Italia della caricatura. La grande storia del caricaturismo in Italia (e dintorni)
Bergamasco Franco, 2008, Whitelight
  La lezione dell'antico
Rodin Auguste, 2007, Abscondita
  Il salotto delle caricature. Acquerelli di Filippo Caetani (1830-1860)
Gorgone G.; Cannelli C., 1999, L'Erma di Bretschneider
  Le forme e il movimento. George Simmel e Camille Corot
Simon Donatella, 2005, Il Segnalibro
  Corot in Italia
Galassi Peter, 1994, Bollati Boringhier
  Da Corot a Monet. La sinfonia della natura
cur. Eisenman S. F., 2010, Skira

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport