Storia di Sant'Antonio di Padova

De Pereda Antonio - Sant'Antonio da Padova con Gesù




Antonio di Padova

Storia di Sant'Antonio da Padova Storia di Sant'Antonio da PadovaQuello che viene così spesso invocato da chi ha bisogno di aiuto dal Cielo, che ebbe una vita breve ma intensissima, Sant'Antonio da Padova, godette di grande prestigio fra gli intellettuali e i potenti del suo tempo, ma soprattutto fra i vertici della Chiesa e dell’Ordine francescano.

Papa Gregorio IX che lo aveva proclamato santo il 23 giugno 1232, lo chiamava «arca del Testamento» per la sua profonda conoscenza della S. Scrittura; S. Francesco lo chiamava «mio vescovo» a dimostrazione della stima o venerazione che il Poverello aveva per quel frate venuto dal Portogallo; Leone XIII coniò per lui la definizione «Il Santo di tutto il mondo»; Pio XII lo proclamò «Dottore della chiesa universale», Giovanni Paolo II lo ha presentato come «figura carismatica universalmente venerata e invocata».

Della sua vita si hanno che notizie piuttosto incerte, molte derivanti da agiografie successive, che man mano si sono arricchite di particolari, alcuni certamente di fantasia.

 Sembra che Sant'Antonio, il cui vero nome era Fernando di Buglione, nacque a Lisbona da nobile famiglia portoghese, discendente dal crociato Goffredo di Buglione, fra gli anni 1190-1195.

Storia di Sant'Antonio da PadovaAllevato ed educato da genitori che gli fecero impartire una profonda istruzione umanistica per prepararlo a compiti riservati al suo rango, Fernando, a soli 15 anni, scelse di mettersi a disposizione della Chiesa, entrando nell'Ordine dei Canonici Regolari di sant'Agostino, in un convento poco fuori la sua città, dove rimase per due anni, ampliando la sua già notevole cultura.

Desiderando di approfondire la sua conoscenza della Teologia, si trasferì a Coimbra, allora capitale del Portogallo, città coltissima che avrebbe avuto nel 1290 una delle prime Università del mondo.

A Coimbra, dove viveva immerso totalmente negli studi, intorno ai 25 anni venne ordinato sacerdote ed ebbe la fortuna di conoscere alcuni frati Francescani che facevano la questua al convento.

Abituato ad approfondire ogni conoscenza, si informò sulla Regola e sulla figura di san Francesco e, colpito dalla semplicità e dalla serenità di quei frati, decise di lasciare l'Ordine degli Agostiniani, per entrare in quello dei Francescani, giudicandolo più vicino alle sue esigenze spirituali.

Rivestito del saio francescano, Fernando cambiò il nome in Antonio, unendosi alla comunità francescana, ottenendo poi di imbarcarsi per il Marocco per portare aiuto ai confratelli là prigionieri.

Una improvvisa malattia lo costrinse a rientrare in Portogallo, ma la sua nave, incappata in una tempesta, approdò in Sicilia dove Fra Antonio fu ospitato dai confratelli di Messina.

Storia di Sant'Antonio da PadovaPoiché in quel periodo (1221), ad Assisi stava per svolgersi il Capitolo Generale dei Frati Minori, presieduto da san Francesco, a cui tutti i frati francescani erano invitati, anche Antonio si incamminò verso la cittadina umbra dove si convinse maggiormente della bontà della scelta di vita intrapresa.

Destinato all'eremo di Montepaolo in Romagna, frate Antonio celebrava la Messa, partecipava alle preghiere comuni e alla povera vita conventuale facendo in modo che i suoi confratelli ignorassero la sua enorme cultura, fino a quando, nel 1222, mentre si trovava a Forlì per una cerimonia di ordinazione, non essendo presente il predicatore, il suo Superiore gli chiese di prendere la parola.

Fu così che le sue doti si rivelarono in pieno e gli venne affidato l'incarico di predicare nelle piazze e nelle chiese, percorrendo l'Italia e la Francia, a partire dalla Romagna, sempre a contatto con il popolo a cui si proponeva non solo come predicatore, ma come confessore, insegnante, cercando di riportare sulla retta via gli eretici "catari", chiamato per questo "il martello degli eretici".

Da qui la vita di Fra Antonio fu accompagnata da molti prodigi, veri miracoli, come l'episodio della predica ai pesci, accorsi numerosi ad ascoltare la sua parola, mentre era stato respinto e schernito dagli eretici, gli esorcismi, le profezie, le guarigioni, mostrandosi in vari posti contemporaneamente, qualche volta anche con Gesù Bambino in braccio e rendendo innocui cibi avvelenati.

Storia di Sant'Antonio da Padova Inviato in Francia verso la fine del 1224 per tentare di arginare l'eresia degli Albigesi, sant'Antonio fu predicatore e maestro di teologia a Montpellier, importante centro universitario, baluardo dell'ortodossia cattolica, a Limoges dove assunse un incarico di governo, ad Arles per il Capitolo Provinciale della Provenza dove, mentre Antonio teneva un sermone, apparve in bilocazione, san Francesco che aveva appena ricevuto le stigmate, a Tolosa dove avvenne il miracolo a lui attribuito del mulo che adorò l'Eucarestia.

Nel 1227 frate Antonio ritornò in Italia, in Romagna, da dove visitava periodicamente tutti i conventi francescani che diventavano sempre più numerosi.

Storia di Sant'Antonio da Padova Per il resto della sua vita continuò a viaggiare senza risparmiarsi, pur con grande stanchezza e varie malattie che lo tormentavano (soffriva d'asma e di idropisia), stabilendosi poi finalmente nel convento della popolosa e ricca città di Padova.

Per il popolo padovano sant'Antonio scrisse una opera dottrinale non compiuta, i Sermones, in cui chiariva i suoi temi preferiti: i precetti della fede, della morale e della virtù, l'amore di Dio e la pietà verso i poveri, la preghiera e l'umiltà, la mortificazione, scagliandosi contro l'orgoglio e la lussuria, l'avarizia e l'usura di cui era acerrimo nemico.

Intorno a lui si raccoglievano folle mai viste, che nessuna chiesa o piazza potevano contenere, per cui si spostava in aperta campagna dove il santo predicava, confessava senza riposo e faceva miracolo fra la povera gente che gli chiedeva aiuto, come far parlare un neonato perché attesti l’onestà della madre riconoscendo il proprio padre, guarire la donna accoltellata dal marito geloso, il aggiusta il piede al giovane Leonardo che se lo era amputato per punirsi di ave dato una pedata alla madre.

Storia di Sant'Antonio da Padova Spesso i suoi sermoni erano dedicati a Maria, della cui Assunzione era un convinto assertore e sembra che le prediche tenute da Antonio davanti a fedeli di varia provenienza, fossero capite da tutti, come se ognuno lo sentisse parlare nella propria lingua.

Nel 1231, a primavera inoltrata, Antonio decise di spostarsi in campagna, per non distogliere i contadini dal loro lavoro e per prendersi un po' di riposo dopo il duro impegno degli anni precedenti, trasferendosi a Camposampiero, accompagnato da due frati, Luca Belludi e fra Ruggero, ospite del conte Tiso che gli approntò una piccola cella su di un grande albero, dove avrebbe potuto pregare in pace; ben presto però la notizia si diffuse e gruppi sempre più numerosi di fedeli si radunarono sotto il noce per vedere e ascoltare Antonio.

Durante questo soggiorno una tradizione locale pone la "Visione di Gesù Bambino", che altre testimonianze collocano in Francia o "anche" in Francia.

Storia di Sant'Antonio da Padova Si racconta che una sera il Conte Tiso, mentre si recava nella stanza del Santo, vide sprigionarsi dall'uscio socchiuso un intenso chiarore e, pensando che si trattasse di un incendio, spalancò la porta, ma si trovò dinanzi ad una scena inattesa: Antonio stringeva tra le braccia Gesù Bambino. Scomparsa la visione, il Santo si accorse della presenza del conte e lo pregò di non farne parola con nessuno. Solo dopo la morte di Antonio, infatti, egli diffuse notizia di quello di cui era stato spettatore.

Storia di Sant'Antonio da Padova L'unica data certa della vita del Santo è proprio quella della sua morte, avvenuta il 13 giugno 1231, ospite del monastero di Santa Maria de Cella (Arcella), presso una comunità di Clarisse.

Morì a prima dei 40 anni, ed il suo corpo venne conteso tra il convento dove era spirato e quello della sua residenza di Santa Maria, e si ebbero delle vere e proprie sommosse popolari, ma alla fine si giunse a un accordo e la salma fu trasportata In una Chiesa di Padova.

L'arca che conteneva le spoglie di Antonio fu collocata su colonne attraverso le quali passavano i devoti giunti da ogni dove per rendergli omaggio e che, in tal modo, si ponevano simbolicamente sotto la sua protezione.

Dopo sua sepoltura si verificarono molti miracoli, alcuni documentati da testimoni che fecero sì che Antonio venisse subito canonizzato, dopo solo un anno dalla morte, il 30 maggio 1232, da Papa Gregorio IX e il suo corpo venne deposto, nel 1263, in una nuova e più ampia chiesa - che sorge vicino al convento di Santa Maria Mater Domini - che fosse in grado di accogliere le schiere di pellegrini devoti al Santo.


Torna all'indice Temi religiosi up







Annunci o altre pagine interessanti:



Libri sul tema Sant'Antonio di Padova

Sermones dominicales et festivi. Vol. 1: Introductio. Sermones dominicales.
Antonio di Padova (sant'), cur. Costa B., 1979, EMP
Sermones dominicales et festivi. Vol. 2: Sermones dominicales et mariani.
Antonio di Padova (sant'), cur. Costa B., 1979, EMP
  Sant'Antonio «da Rimino detto». Il santo di Padova a Rimini. Fede, miracoli e devozione
De Carolis Stefano, Guerra Learco, Menghi Rosanna, 2010, Guaraldi
  Antonio da Padova un santo per gli uomini
2006, EMP
  Sant'Antonio di Padova
Salvini Alfonso, 2006, San Paolo Edizioni
  Antonio di Padova. Il santo dei miracoli
Ward Ling Sheila, 2010, San Paolo Edizioni
  Sant'Antonio di Padova, prega per noi. Sussidio antoniano per parrocchie, associazione e devoti
cur. Di Ascenzo L., 2010, EMP
Antonio di Padova. Vangelo e carità. DVD. Ediz. italiana, inglese e francese
Castellani Leandro, 2011, EMP

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport