Storia di San Giorgio e il Drago

paolo_uccello san_giorgio




San Giorgio e il Drago

Storia di San Giorgio e il Drago nell'arte I Draghi sono descritti come creature dal corpo di serpente, le zampe di lucertola, le fauci di coccodrillo, gli artigli d'aquila, i denti di leone e le ali di pipistrello; il corpo è ricoperto di squame protettive e, la maggior parte di loro, è in grado di sputare fuoco e volare per percorsi indefiniti. Estremamente intelligenti e sorprendentemente longevi, sopravvivono a numerose generazioni di umani.

Si può dire che ogni paese avesse una leggenda che raccontava di un mostro che viveva vicino al paese al quale la comunità sacrificava esseri umani affinché non fosse distrutta e di un guerriero che lo affrontava e lo vinceva, salvando, l'ultima vittima predestinata, la figlia del re.

San Giorgio uccide il DragoViaggiando a ritroso nella memoria collettiva, troviamo le tracce di questa leggenda in Mesopotamia, poi in Egitto, nel mondo greco dove il Drago era temuto anche dagli dei dell'Olimpo, mentre, durante l'era dell'Impero Romano la figura del mostruoso animale scolorì, fin quasi a sparire, per rifarsi viva intorno all'anno Mille in Europa.

 L'epoca d'oro della storia di San Giorgio che, armato di spada e lancia, coperto da una lucente armatura ed a cavallo affronta ed uccide un enorme animale che sputa fuoco, fu certamente il Medioevo e fu raccolta dalla Legenda aurea con toni favolistici.

Si dice che San Giorgio in nome di Cristo e affinché tutti si convertissero, uccise un terribile drago che era in procinto di mangiare una giovane principessa.

La prova dell'esistenza storica di San Giorgio è legata al culto nato intorno al suo sepolcro a Lidda, in Palestina dove fu decapitato all'inizio del IV secolo, storia portata dai Crociati che tornavano dalla Terra Santa.

La leggenda di San Giorgio e il Drago fu diffusa notevolmente dalla Chiesa che raffigurava il Drago come il peccato e San Giorgio come la Grazia divina, la Fede o qualche altra forza benefica. Nelle antiche raffigurazioni ha l'attributo della palma del martirio.

Nel 1348 il re Edoardo III nominò San Giorgio protettore dell'Inghilterra, ormai diventato l'assassino dei draghi per antonomasia dipinto da tutti i pittori nel gesto di trafiggere il drago.


Torna all'indice Temi religiosi up

Galleria dipinti su San Giorgio e il Drago

tintorettosan_giorgio_e_il_drago 1550
Tintoretto
San Giorgio e il drago (1550)

Tintoretto san_giorgio_e_il_drago 1555
Tintoretto
San Giorgio e il drago (1555)

carpaccio san_giorgio_e_drago 1504
Carpaccio
San Giorgio e il drago

carpaccio il_trionfo_di_san_giorgio 1507
Carpaccio
Il trionfo di San Giorgio (1507)

dali 1942 san_giorgio_e_il_drago
Salvador Dalì
San Giorgio e il drago (1942)

dali 1962 san_giorgio_e_il_drago
Salvador Dalì
San Giorgio e il drago (1962)

edward_burne_Jones san_giorgio 1877
Edward Brune-Jones
San Giorgio (1877)

gustave_moreau san_giorgio_e_il_drago 1890
Gustave Moreau
San Giorgio e il drago (1890)







Annunci o altre pagine interessanti:



Libri sul tema San Giorgio e il Drago

  San Giorgio e il drago
Melillo Antonio, Sciaraffa Claudio, Tuzet Giovanni, 2005, LietoColle
Il santo uccisor del drago. San Giorgio patrono della libertà
Oneto Gilberto, 2009, Il Cerchio
  San Giorgio e il drago
Lucarelli Umberto, 2009, Ibis
  Come san Giorgio sconfisse il drago. Storie dai vangeli e storie di santi
Bolliger Max, Manna Giovanni, 2005, Bohem Press Italia
La leggenda di San Giorgio
Pizzol Giampiero, 2006, Dupress
  San Giorgio e il drago
2007, Sestante
San Giorgio, il drago e la rosa
Garbagna Anna, 2009, Agra
  San Giorgio e il drago
2007, Falzea
San Giorgio e il drago. Riflessioni lungo un percorso d'arte
Giordano Sebastiano, 2005, Accademia Naz. dei Lincei
  La notte di san Giorgio
Albertano Anna, 2007, Giraldi

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport