Storia di Paolo e Francesca

anonimo_001_paolo_e_francesca_1804




Storia di Paolo e Francesca

I personaggi
Storia di Paolo e FrancescaGiovanni Malatesta
: detto Gianciotto Johannes Zoctus - Giovanni zoppo - Marito di Francesca
Paolo Malatesta: detto Paolo il Bello - Fratello di Giovanni "Gianciotto"
Guido da Polenta il Minore o Guido III : Signore di Ravenna e Cervia - Padre di Francesca
Francesca da Polenta
: moglie di Gianciotto (Giovanni Malatesta) e figlia di Guido da Polenta da Rimini
Concordia: figlia di Gianciotto e Francesca
Malatestino dell'Occhio: Fratello di Paolo e di Giovanni, lo spione.


La storia
La storia di Paolo e Francesca racconta di un fatto realmente accaduto nel Castello di Gradara, anzi addirittura un fatto storico, legato alla storia politica d'Italia del XIII secolo.

Il tragico amore di Francesca da Rimini e di Paolo Malatesta hanno ispirato, da Dante in poi, numerosi artisti che hanno composto lavori teatrali, letterari e opere d'arte, tanto da diventare, in epoca romantica, la coppia simbolo della passione irrefrenabile, che non conosce limiti e non può essere controllata dalla ragione.


Francesca nasce a Ravenna come dice Dante nel V Canto dell'Inferno "...siede la terra dove nata fui, sulla marina dove 'l Po discende....." e lì viveva tranquilla e serena la sua fanciullezza , sperando, come tutte le ragazze, che il padre le trovasse uno sposo gradevole e gentile.
Storia di Paolo e Francesca in una opera del 1894
Siamo nel 1275 e Guido da Polenta di parte Guelfa, decide di dare la mano di sua figlia Francesca a Giovanni Malatesta che lo aveva aiutato a cacciare definitivamente i Traversari, suoi mortali nemici.

A quei tempi i matrimoni venivano decisi dalle famiglie e i due interessati dovevano semplicemente obbedire alle decisioni prese da altri, senza tener conto dei sentimenti.

Il padre di Giovanni, Malatesta da Verucchio detto il Mastin Vecchio o il Centenario, Signore di Rimini, era d'accordo ed il matrimonio venne combinato.

I potenti signori di Rimini e Ravenna si resero conto del fatto che la bella figlia di Guido non avrebbe accettato a cuor leggero un uomo d'armi, per di più zoppo e, per evitare il possibile rifiuto da parte della giovane Francesca, tramarono l'inganno.

Mandarono a Ravenna Paolo il Bello "piacevole uomo e costumato molto", fratello minore di Giangiotto, sposato da cinque anni con Orabile Beatrice, figlia ed erede di Uberto conte di Ghiaggiolo, con la quale aveva due figli Uberto e Margherita.

Dante incontra Paolo e Francesca nella Divina Commedia
Francesca, di nascosto, vide Paolo e credette che fosse il "Malatesta" destinatole per le nozze di cui si stava parlando in famiglia.

Francesca, che allora doveva avere su per giù 15 o 16 anni, si innamorò del giovane Paolo e, quando suo padre le domandò se fosse pronta a sposare il "Malatesta" (senza essere più chiaro), accettò con gioia ed il giorno delle nozze, pronunciò felice il suo "sì", senza sapere che Paolo la stava sposando per procura, cioè a nome e per conto del fratello Gianciotto, cosa di cui la poveretta s'accorse solo in seguito.

Francesca dovette accettare la situazione, tutto e tutti erano contro di lei e lei, da ragazza intelligente qual era, fece di necessità virtù ed ebbe da lui una figlia che chiamò Concordia (come la suocera). Visse così cercando di rendersi la vita meno triste, anche perchè il marito, innamorato di lei, comunque la copriva di regali e di attenzioni.

Il cognato, Paolo Malatesta, che aveva possedimenti nei pressi di Gradara, dove viveva la povera Francesca, le faceva spesso visita, forse per il rimorso di essersi prestato all'inganno, o per un nuovo sentimento.

Uno dei fratelli, però, un certo Malatestino dell'Occhio (così chiamato perchè aveva un occhio solo "ma da quell'uno vedeva fin troppo bene"), spiando, s'accorse degli incontri segreti tra Paolo e Francesca.
Paolo e Francesca lirica
Un giorno del settembre 1289, Paolo passò per una delle sue solite visite da Francesca, ma qualcuno (forse Malatestino "quel traditor") aveva avvisato il di lei marito Giangiotto, che ogni mattina si dirigeva a Pesaro per la sua carica di Podestà, e che generalmente rincasava a tarda sera.

Gianciotto finse di partire, ma rientrò da un passaggio segreto e, mentre i due fedifraghi leggevano estasiati la storia di Lancillotto e Ginevra, "come amor li strinse", si diedero un casto bacio (questo è quello che Dante fa dire a Francesca) proprio nell'istante in cui il marito aprì la porta e li sorprese.


Accecato dalla gelosia, Gianciotto allora estrasse la spada, Paolo cercò di salvarsi passando dalla botola che si trovava vicino alla porta, ma, si dice che il vestito gli si fosse impigliato in un chiodo e così dovette fermarsi davanti alla spada del fratello. Mentre Giangiotto lo stava per passare a fil di spada, Francesca gli si parò dinnanzi per salvarlo facendo da scudo con il suo corpo, così che quel colpo di spada trafisse entrambi, uccidendoli.

Dante mette gli sventurati amanti all'inferno perchè macchiati di un peccato gravissimo, ma li fa vagare abbracciati, così come morirono, ovvero: puniti sì, ma insieme.

Nel 1581 nella Chiesa di S. Agostino di Rimini, furono ritrovati, in un'arca di marmo, i corpi che si presume siano quelli di Paolo e Francesca.

Sepolti assieme, uniti dalla stessa ferita che li trafisse, i due sventurati amanti giacevano abbracciati in splendide vesti di seta, uniti nella morte come mai lo erano potuti essere in vita.

Secondo la fantasia popolare, Concordia, figlia di Gianciotto e Francesca, si ritirò nel convento delle Clarisse di Santarcangelo di Romagna, da lei stesso istituito e lì visse fino alla morte.

Torna all'indice Temi storici up





Galleria dipinti Paolo e Francesca

alexander_cabanel_001_paolo_e_francesca_morte_di_francesca_1870
Alexander Cabanel (1870)

amos_cassioli_001_paolo_e_francesca_1870
Amos Cassioli (1870)

anonimo_001_paolo_e_francesca_1804
Anonimo (1804)

antoine_etex_001_paolo_e_francesca_1864
Antoine Etex (1864)

aristide_croisy_001_paolo_e_francesca_1876
Aristide Croisy (1876)

dante_gabriel_rossetti_001_paolo_e_francesca_1855
Dante Gabriel Rossetti (1855)

edward_charles_halle_001_paolo_e_francesca
Edward Charles

edward_charles_halle_002_francesca
Edward Charles

felice_giani_001_paolo_malatesta_e_francesca_da_polenta_1813
Felice Giani (1813)

felice_giani_002_dante_e_virgilio_con_le_ombre_di_paolo_e_francesca_1805
Felice Giani (1805)

gaetano_previati_001_paolo_e_francesca_1855
Gaetano Previati (1855)

gian_giacomo_machiavelli_001_amor_ch_a_null_amato_amar_perdona_1806
Gian Giacomo Machiavelli (1806)

giuseppe_frascheri_001_dante_e_virgilio_incontrano_paolo_e_francesca_1846
Giuseppe Frascheri (1846)

jean_baptiste_hugues_001_ombre_di_paolo_e_francesca_1877
Jean Baptiste Hugues (1877)

joseph_anton_koch_001_dante_e_virgilio_con_anime_paolo_francesca_1823
Joseph Anton Koch (1823)

louis_boulanger_001_paolo_e_francesca_gli_amanti_trafitti_1840
Louis Boulanger (1840)

marie_philippe_coupin_001_amori_funesti_1812
Marie Philippe Coupin (1812)

michelangelo_grigoletti_001_paolo_e_francesca_1840
Michelangelo Grigoletti (1840)

pierre_claude_francois_delorme_001_paolo_e_francesca_1830
Pierre Claude Francois Delorme (1830)

vitale_sala_001_dante_incontra_francesca_1823
Vitale Sala (1823)

william_dyce_001_francesca_da_rimini_1845
William Dyce (1845)


seguici su facebook   





Annunci o altre pagine interessanti:



Libri sul tema Paolo e Francesca

Dante e Francesca da Rimini Dante e Francesca da Rimini
Gizzi Corrado, 2009, Ianieri
Francesca da Rimini, da Napoli. Tre esilaranti farse
Petito Antonio, De Angelis Salvatore, Scarpetta Eduardo, 1999, Filema
Amarti ora e sempre. Eleonora Duse e Francesca da Rimini
2006, Quattroventi
Qui è l'inferno e quivi il paradiso. Gia Qui è l'inferno e quivi il paradiso. Giardini, paradisi e paradossi nella letteratura inglese del Seicento
Romero Allué Milena, 2005, Forum Edizioni
Francesca da Rimini. Tragedia in cinque atti
Heyse Paul von, 2003, LED Edizioni Universitarie
Francesca da Rimini
D'Annunzio Gabriele, Raffaelli
Castelsismondo. Sigismondo Pandolfo Malatesta e l'arte militare del primo Rinascimento
2003, Il Ponte Vecchio
Sventurati amanti. Il mito di Paolo e Francesca nell'800. Catalogo della mostra (Rimini, 1994)
1994, Mazzotta
Dante, Guido e Francesca. L'amore nel V Dante, Guido e Francesca. L'amore nel V canto dell'Inferno
Sasso Gennaro, 2008, Viella
Vita illustrata di Sigismondo Pandolfo dei Malatesti Signore di Rimini e Fano
Ambrogiani Francesco, 2003, Panozzo Editore
I copioni di Eleonora Duse. Adriana Lecouvreur, Francesca da Rimini, Monna Vanna, Spettri
Bertolone Paola, 2001, Giardini

Cerca su IBS

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport