Storia di Amore e Psiche

jacques_louis_david_026_cupido_e_psiche_1817




Amore e Psiche

I personaggi

Quadro di Amore e PsicheAmore: (alias Eros o Cupido), un Dio, figlio della Dea Venere
Psiche: umana, figlia di un Re
Venere: Dea, madre di Amore
Voluttà: Dea, figlia di Amore e di Psiche

La storia

Un re ed una regina avevano tre figlie. Le maggiori si erano già sposate con giovani di sangue reale, ma la più piccola, di nome Psiche, era tanto bella che nessun uomo osava corteggiarla, tutti l’adoravano come fosse una dea ed alcuni credevano che si trattasse dell’incarnazione della dea Venere sulla terra.

Gli umani cominciarono ad adorare ed a rendere omaggio a Psiche trascurando addirittura gli altari di Venere (Afrodite). La dea, sentendosi trascurata ed offesa a causa di una mortale, pensò di vendicarsi.

La vendetta di Venere consisteva nel far innamorare la fanciulla dell’uomo più sfortunato della terra, con il quale avrebbe dovuto avere una vita di povertà e di dolore; per far questo incaricò il figlio Amore (Eros, Cupido) di colpirla con una delle sue frecce micidiali, che facevano innamorare chi ne venisse colpito.

Amore si preparò per scoccare la freccia fatale, ma, appena vide Psiche, rimase incantato della sua bellezza. Confuso dalla splendida visione, lasciò cadere l'arco ed una freccia lo ferì ad un piede. Fu così che cadde vittima del suo stesso inganno, innamorandosi lui stesso di Psiche.

Nel frattempo i genitori di Psiche, preoccupati che la figlia non trovasse uno sposo, decisero di consultare l'oracolo di Apollo per sapere se la figlia avrebbe mai trovato un marito.

L'oracolo fu chiaro, Psiche avrebbe dovuto essere abbandonata sulla cima di una montagna, vestita da sposa e là sarebbe stata corteggiata da un personaggio temuto dagli stessi Dei.

Amore e Psiche
Al tramonto del sole, Psiche venne lasciata sulla montagna, sola ed al buio e qui s'addormentò.

Mentre dormiva venne Zefiro che la sollevò e la trasportò su un letto di fiori profumati, dove Psiche si svegliò al sorgere del sole.

Guardandosi intorno, la giovane vide un torrente e sulla riva un palazzo così bello da sembrare quello di un Dio. Psiche, quando trovò il coraggio di entrare, scoprì che le sale interne erano ancora più splendide, tutte ricolme di tesori provenienti da ogni parte del mondo, ma la cosa più strana era che tutte quelle ricchezze sembravano abbandonate e che delle voci le dicevano che era tutto suo.

Giunta la sera, lei si coricò su un giaciglio e sentì un’ombra che riposava al suo fianco. Si spaventò, ma subito dopo un caldo abbraccio l'avvolse e sentì una voce mormorarle che lui era il suo sposo, che però lei non avrebbe mai dovuto chiedere chi fosse e soprattutto non avrebbe dovuto cercare di vederlo, accontentandosi del suo amore.

La soffice voce e le morbide carezze vinsero il cuore di Psiche e lei non fece più domande. Per tutta la notte si scambiarono parole d’amore. Ma prima che l’alba arrivasse, il misterioso marito, che era il giovane Amore innamorato, sparì, promettendole che sarebbe tornato appena la notte fosse nuovamente calata.

Psiche attendeva con ansia la notte e con questa l’arrivo del suo invisibile marito, ma i giorni erano lunghi e solitari, quindi chiese al marito se poteva invitare le sue sorelle. Statua di Amore e Psiche

Amore non sapeva dirle di no, anche se era consapevole che questa concessione sarebbe stato causa di dolore e d’infelicità.

Il giorno seguente, uno Zefiro portò le due sorelle da Psiche. Lei fu felice di rivederle e le due furono contente per il ricco e felice matrimonio.

Ogni volta che le sorelle facevano domande sul marito, Psiche rispondeva che era un ricco re che per tutto il giorno andava a caccia, oppure cambiava il discorso.

Le sorelle cominciarono a pensare che Psiche nascondesse loro il marito perché era un mostro.

A forza di sentire domande ed illazioni assurde, Psiche confessò allora di non aver mai visto in faccia il marito e che non sapeva neanche il suo nome.

Allora le due sorelle, gelose ed invidiose di Psiche, la convinsero che per la sua vita stessa, avrebbe dovuto scoprire che aspetto avesse il marito, se fosse davvero un mostro che magari prima o poi l'avrebbe divorata.

Amore e Psiche
Quella notte, come sempre, Amore raggiunse Psiche e dopo averla abbracciata s'addormentò.

Psiche, quando fu sicura che egli dormisse, si alzò e prese una lampada per vederlo ed anche un coltello, nel caso in cui lui le volesse fare del male.

La luce della lampada le rivelò il più magnifico dei mostri, Amore era disteso, coi riccioli sparsi sulle guance rosate e le sue ali stavano dolcemente ripiegate sopra le spalle; accanto a lui c’erano il suo arco e la faretra piena di frecce.

La ragazza prese fra le mani una delle frecce dalla punta dorata e subito fu infiammata di rinnovato amore per il  marito. Moriva dalla voglia di baciarlo e, sporgendosi su di lui, fece cadere sulla sua spalla una goccia d’olio bollente della lampada.

Svegliato di soprassalto, Amore capì quello che era successo, aprì le sue ali e scomparve e con lui anche il castello svanì.


La povera Psiche si ritrovò da sola nel buio, chiamando invano l’amore che lei stessa aveva fatto fuggire.


Disperata pensò di morire e si getto nel fiume, ma la corrente, pietosa, la riportò a riva dove la poverina
cominciò a vagare cercando il suo perduto amore.
scultura di Amore e Psiche
Intanto Amore, tormentato dalla febbre per la spalla bruciata e dallo stesso dolore per la perdita di Psiche, tornò da sua madre Venere la quale, sentita la storia del figlio, si arrabbiò con lui.

Amore non solo aveva osato amare una mortale, ma non aveva tenuto conto che questa era anche sua rivale. Non potendo sfogarsi su Amore, decise di vendicarsi su Psiche e mandò Ermes in giro per il mondo a divulgare la notizia che Psiche doveva essere punita come nemica degli Dei e che il premio per la sua cattura sarebbero stati sette baci che Venere in persona avrebbe dato al cacciatore.

Quando Psiche seppe la notizia, decise di andare sull’Olimpo a chiedere perdono a Venere ed agli Dei, ma appena arrivata sull’Olimpo, la Dea le strappò i vestiti e la fece flagellare, dicendo che questa era la punizione di una suocera addolorata per il figlio malato.

Poi Venere ordinò a Psiche di ammucchiare un cumulo di grano, orzo, miglio e altri semi sparsi, di prendere un ciuffo di lana dal dorso di una mitica pecora selvatica dal manto dorato e di riempire un’urna con le acque delle sorgenti dello Stige.

Dipinto di Amore e Psiche
Erano tutti compiti impossibili che però Psiche riuscì a compiere con l’aiuto di formiche, che accumularono il grano, di una ninfa, che le spiegò come e quando avvicinare la pecora e perfino dell’aquila di Zeus, che l’aiutò a prelevare le acque dello Stige.
Ma le prove a cui Venere voleva sottoporre la sfortunata Psiche, non finivano mai, finché Amore seppe di quello che stava succedendo in casa di sua madre e salì sull’Olimpo da Zeus per pregarlo di permettere il suo matrimonio con Psiche.

Zeus, non potendo rifiutare la supplica di Amore, fece riunire tutti gli Dei in un banchetto a cui partecipò anche Psiche.

Il problema nasceva dal fatto che Psiche fosse un essere umano mortale e Amore un Dio immortale. Ma Zeus, che poteva tutto, decise di elevare Psiche al grado di Dea.

Psiche bevve una coppa di nettare divino che la fece diventare una Dea, poi con la sua beltà e bontà riuscì a conquistare Venere, che le fu grata per avere donato nuovamente il sorriso al proprio figlio.

La storia di Amore e Psiche è una storia a lieto fine: lo stesso giorno fu allestito un banchetto nuziale per festeggiare la nuova coppia.

Amore e Psiche avevano trovato la felicità ed ebbero una splendida femminuccia, alla quale fu dato il nome di Voluttà.


Torna all'indice Temi Mitologici up







Annunci o altre pagine interessanti:



Libri sul tema Mitologico e Amore e Psiche

  La figura di Theseus nella ceramica attica. Iconografia e iconologia del mito nell'Atene arcaica e classica. Con CD-ROM
Servadei Cristina, 2005, Ante Quem
  Il mito oltre il mito. Archeologia, arte, storie di eroi e dei
2006, Viennepierre
  Il mito e il classico nell'arte contemporanea italiana (1960-1990). Catalogo della mostra (Sarzana, 1995)
1980, Mazzotta
  Sicilia: mito e realtà. Artisti siciliani nell'arte contemporanea
Bertoni Renzo, Giordano Giovanna, Ruta Anna M., 1980, Bora
  Guida illustrata alla mitologia classica
MoncrieffA.R.Hope,2004,L'AironeEditriceRoma
  Antinoo. L'ultimo mito dell'antichità nella storia e nell'arte
Mambella Raffaele, 1980, Nuovi Autori
  Carlo Previtali. Mondo magico. Natura, mito, metamorfosi nella scultura di Carlo Previtali
Montalto Domenico, 2008, Lubrina-LEB
  Mitologia greca
Panaghiotis Christou, Papastamatis Katharini, 2008, Bonechi
  Guida illustrata alla mitologia classica
Moncrieff A. R. Hope, 2004, L'Airone Editrice Roma
  Racconti mitologici
2006, Dami Editore
  Mitologia
2007, Larus
  Dizionario di mitologia
Ferrari Anna, 2006, UTET

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS


Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport