Corrente artistica Neo-plasticismo, De Stijl




Cos'é il Neo-plasticismo (Nieuwe Beeldende) o De Stijl (Lo stile)

Neo-plasticismo, De Stijl - Mondriancorrente_neoplasticismo_auguste_herbin.jpgNieuwe Beeldende, Neoplasticismo,  conosciuto anche come De Stijl (che in olandese significa Lo stile) è un movimento artistico nato in Olanda nel 1917, legato intimamente alla spirito calvinista olandese.

Il termine neoplasticismo compare per la prima volta nell'ottobre del 1917 con la pubblicazione del primo numero della rivista "De Stijl" fondata da Theo Van Doesburg.

Questo termine viene utilizzato da Piet Mondrian e Theo van Doesburg nella redazione del Manifesto De Stijl per descrivere la nuova forma d'arte: astratta, essenziale e geometrica.

L'astrazione Geometrica esclude la rappresentazione figurativa e le linee curve come sovrastrutture decorative, accetta solo linee e segmenti retti.

Obiettivi del Neo-plasticismo, De Stijl

Neo-plasticismo, De Stijl - MondrianCorrente neoplasticismo Cesar DamelaLo scopo dell'arte neoplastica era di natura filosofica: raggiungere, utopisticamente, un equilibrio e un'armonia, non solo nell'arte, ma anche nella società  affinché in qualche modo arrivasse a riflettere il mistero e l'ordine dell'universo attraverso un nuovo modo di vedere il materiale e lo spirituale.

Gli obiettivi di questo movimento astratto vengono spiegati in 11 articoli di Piet Mondrian sulla rivista De Stije, obbiettivi che Theo Van Doesburg aveva trattato sulla rivista De Beweging (Il Movimento), in una serie di articoli, raccolti poi in volume dal titolo De Nieuwe in de Schilder-kunst (Il nuovo nell'arte della pittura).

Corrente Neoplasticismo Mondrian 1921 Corrente Neoplasticismo Mondrian Per i neoplasticisti la Pittura deve contenersi nell'ambito dell'astrattlsmo geometrico realizzando la liberazione della forma naturale dalle sovrastrutture espressive, basando tutto sugli elementi base della linea, del piano e dei colori primari attraverso rettangoli ritmici e blocchi cromatici.





Nascita ed evoluzione del Neo-plasticismo

Neo-plasticismo, De Stijl - Mondrian Neo-plasticismo, De Stijl - George VantongerlooIl movimento del Neo-Plasticismo nato con il primo numero della Rivista d'Arte "De Stijl" nel 1917, codifica i propri principi artistici nel 1918 nel primo Manifesto del Neo-Plasticismo.

Il primo Manifesto venne sottoscritto dal pittore, scrittore e architetto  Theo Van Doesburg,  dai pittori  Mondrian e Van der Leck, dagli architetti J.J. P. Oud, Robert van't Hoff e J. Wils.

Gli artisti del gruppo producono opere originali aderenti ai principi della nuova arte mentre Mondrian affianca ai suoi dipinti interessanti saggi sul neoplasticismo che però resta circoscritto al mondo artistico Olandese.

Nel 1920 viene redatto il Secondo Manifesto che  allarga i canoni neoplasticisti al campo della musica, dell'architettura e della letteratura, proprio allo scopo di portare le idee di "De Stijl" oltre la frontiera olandese.

In seguito al gruppo si unirono artisti di diversa formazione e ambiente, dai poeti Antonine Kok e Hugo Ball, dal pittore Cesar Domela al grafico russo El Lissitzky, dagli scultori Jean Arp e Georges Vantongerloo al cineasta Hans Richter.

Fine del Neo-plasticismo - De Stijl

Neo-plasticismo, De Stijl - Domela 1922La corrente del Neo-plasticismo vuole estendere i principi di astrazione e semplificazione dalla pittura e dalla scultura all'architettura, alla grafica e al design industriale.

Questo porta all'adesione di artisti di diversa formazione e, di contro, alcuni artisti della prima ora si dissociano da "De Stijl" per divergenze di idee.

Theo Van Doesburg elabora una "radicale correzione delle idee neoplastiche", una nuova teoria della pittura chiamata '"Elementarismo o Concretismo", che consentiva l'uso della diagonale per esprimere le qualità dinamiche degli oggetti e che Neo-plasticismo, De Stijl - Theo Van Doesburgabbracciava tutte le forme di pittura geometrica, purché in opposizione ai vari movimenti dell’astrattismo lirico.

Tuttavia il movimento continuò il suo cammino per la personalità creatrice di Piet Mondrain, chiamato dallo stesso Van Doesburg "padre del Neoplasticismo", fino a dissolversi completamente alla morte di Van Doesburg nel 1931.

L'ultimo numero di "De Stijl" uscirà nel gennaio 1932 a cura di Nelly van Doesburg la moglie di Theo.

Vantongerloo e Auguste Herbin fondano il gruppo "Abstraction-Création" e Mondrian aderisce a questo gruppo.

Mondrian e De Stijl

Neo-plasticismo, De Stijl - Theo Van Doesburg Neo-plasticismo, De Stijl - MondrianTra il 1916 ed il 1917 Piet Mondrian era già impegnato nella sua interpretazione del Cubismo tentando di trovare una sua strada verso l'astrazione pura, intesa a sfruttare i rapporti spaziali suggeriti da zone dipinte a colori primari, alternate ad altre prive di colore.

Il pittore che aveva aderito in gioventù alla Società Teosofica credevano che l'arte dovesse mirare all'ordine, all'armonia e chiarezza in sintonia di precise leggi universali.

La sua evoluzione artistica lo aveva spinto attraverso esperienze Fauve e Simboliste, sperimentando varie  tecniche legate a pochi temi: le dune, il faro, gli alberi, per arrivare alle opere neoplastiche puramente non-oggettive composte prevalentemente da linee, quadrati, colori primari.

Durante gli anni Venti e fino alla sua morte nel 1977 Mondrian continua a evolvere verso uno stile di pittura austero, semplificando sempre più i rapporti dei colori e delle linee, modificando l'utilizzo di  queste da elemento separatore di quadrati o rettangoli con colori primari, a veri e propri soggetti tematici.

Theo Van Doesburg e De Stijl

 Neo-plasticismo, De Stijl - Theo van DoesburgTheo van Doesburg, nome d'arte di Christian Küpper, olandese di nascita con una personalità esuberante impiegata nella pittura, nella scrittura, nella poesia, nella tipografia e in architettura.

Fu il cofondatore e la forza motrice del movimento De Stijl nato con la fondazione della rivista omonima nel 1917.

L'idea fondamentale alla base radicale programma utopico De Stijl era la creazione di un linguaggio universale, basato in parte su un rifiuto degli eccessi decorativi dell'Art Nouveau in favore di uno stile più semplice, evolvendo poi in un nuovo stile chiamato  Elementarismo o Concretismo".




Torna all'indice Correnti artistiche up





Annunci o altre pagine interessanti:





Libri sul tema Neo-plasticismo, De Stijl

  Walter Gropius e la Neo-plasticismo, De Stijl
Argan Giulio C., 2010, Einaudi
  Architettura e modernità. Dal Neo-plasticismo, De Stijl alla rivoluzione informatica
Saggio Antonino, 2010, Carocci
  Neo-plasticismo, De Stijl Weimar
cur. Siebenbrodt M., 2008, Mondadori Electa
  Neo-plasticismo, De Stijl. Fotografie. Ediz. tedesca
cur. Schöbe L., 2004, Alinari IDEA
  De Stijl
Fanelli Giovanni, 2006, Laterza
  Il Neo-plasticismo, De Stijl. Weimar, Dessau, Berlino 1919-33
Wingler Hans M., 1987, Feltrinelli

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport