Corrente artistica Scuola di Barbizon - storia e dipinti - artworks




La Scuola di Barbizon

Cos'è la Scuola di Barbizon

Scuola di Barbizon - Theodore Rousseau Con il termine Scuola di Barbizon o Barbisonniers si identifica un gruppo di pittori e una Corrente Paesaggista del Realismo collegata alla località di Barbizon.

Barbizon è un piccolo paese a sud di Parigi ai margini della foresta di Fontainebleau dove si riunivano alcuni pittori, diversi per temperamento e stile, animati però dalla stessa voglia di riscoprire la purezza della natura, immergendosi in essa, vivendo in uno dei luoghi più incontaminati, lontano dalla città.

A Barbizon gli artisti sperimentarono il concetto di "studio dal vero", espressione del sentimento per la natura, legato al movimento Romantico negli anni intorno al 1830.


Soggetti della Scuola di Barbizon

Scuola di Barbizon - Autoritratto Jules DupréI pittori di questa scuola desideravano dipingere il mondo che li circondava ed in modo particolare la natura ancora incontaminata delle zone boscose ed impervie della Francia.

Temi principali erano il paesaggio e la gente al lavoro nei campi.

Anche altri pittori francesi già dipingevano gli stessi soggetti, ma lo facevano stilizzando ed idealizzando tali soggetti secondo modelli scolastici.

I pittori che aderivano alla Scuola di Barbizon volevano dipingere quello che i loro occhi osservavano mentre le loro anime erano unite alla natura.

In un secondo tempo, nel riportare le immagini sulla tela, attingevano a loro stessi ed ai loro sentimenti senza tenere conto degli artifici suggeriti dalla scuola dell'Arte accademica.

Caratteri della Scuola di Barbizon

Scuola di Barbizon - Narcisse Virgile Diaz de la PenaL’esecuzione dei quadri non avveniva totalmente all'aperto, in presenza dell’oggetto naturale, ma, veniva completato, in un secondo tempo, nel chiuso dell’atelier.

I pittori di Barbizon non possono essere considerati totalmente dei "Realisti" perchè, pur desiderando riprodurre la cruda realtà, con il coraggio dell'obiettività che non maschera però la realtà, rappresentano gli oggetti sotto l'influsso dei sentimenti che albergano nel loro animo, residui di echi romantici, che si evidenziano soprattutto in una certa enfaticità narrativa ed in uno stile pittorico spesso monumentalistico.


La tecnica della Scuola di Barbizon

Scuola di Barbizon - Constant Troyon,Anche se l'arte di rappresentare la natura era stata affinata dai Pittori fiamminghi e olandesi del Seicento, fu la tecnica e l'esperienza accumulata dei Paesaggisti Inglesi ad ispirare ed a incoraggiare gli artisti di Barbizon.

Gli inglesi, in modo particolare John Constable, furono gli anticipatori di una tecnica pittorica di scomposizione cromatica in piccole macchie di colori puri che diverrà tipica degli Impressionisti.

La cultura ufficiale, quella del Salon di Parigi, li giudicò semplici e ingenui pittori, ma sarà proprio dalle loro esperienze, in particolare da quella di Daubigny, caratterizzata da una pittura meno densa e realizzata con colori più chiari, luminosi e limpidi, che si originerà l’Impressionismo.

I pittori della Scuola di Barbizon

Capo della "Scuola di Barbizon", unanimemente riconosciuto,  è Theodore Rousseau, a cui devono essere affiancati

Jean-Baptiste Camille Corot
Jules Dupré,

Diaz de la Pena Narcisse Virgil

Constant Troyon
,
Francois Millet

Charles Francois Daubigny
Henri Harpignies,
Félix Ziem,
Albert Charpin,
Charles Olivier de Penne
Alexandre De Faux.

Theodore Rousseau

Scuola di Barbizon - Francois MilletRousseau fu uno dei pionieri del paesaggio moderno, amico di Delacroix, Huet e Sand, fu anche uno dei più ardenti difensori del Romanticismo pittorico.

Il pittore nei suoi primi anni da paesaggista, desiderava ardentemente realizzare dipinti da punti elevati.

Nel 1830 il pittore aveva provato ad adottare tale inquadratura panoramica, che gli consentiva di dipingere la trasparenza dell’aria, le vibrazioni dell’atmosfera in lontananza e il succedersi di impressioni di colore dovuto alla distanza.

Jules Dupré

Scuola di Barbizon - Jules DupréJules Dupré (1811-1889), che legò il suo nome alle opere di genere paesaggistico, iniziò a dipingere paesaggi secondo lo stile accademico, stilizzato e innaturale, ma gradatamente, seguendo gli insegnamenti dell'amico Theodore Rousseau, trasformò la sua pittura secondo una visione più ampia, impostata sugli effetti di accostamento delle masse tonali, ispirato da un sentimento lirico della natura.

Dopo aver esposto al Salon ed essersi aggiudicato una medaglia di seconda classe, nel 1834 si trasferì in Inghilterra  profondamente colpito dal modo di dipingere dall'ormai vecchio John Constable (1776 -1837)

Da lui impara ad esprimere i movimenti della natura attraverso colori freschi, con una certa preferenza per i tramonti, i cieli ed i mari tempestosi.

In tarda età Jules Dupré modificò il suo stile, cercando maggiore semplicità nelle armonie dei colori.



Charles Francois Daubigny

Scuola di Barbizon - Charls Francois DaubignyCharls Francois Daubigny  (Parigi 1817- 1878), pur essendo un membro importante della scuola di Barbizon, non rifiutò mai completamente il mondo cittadino.

Nel suo battello il Botin, dove il pittore installò il suo studio, visse a contatto diretto con la natura e dipinse numerosissime vedute della Senna e dell'Oise.

Daubigny come Duprè aveva cominciato dipingendo in stile accademico, ma trasformò il suo stile alla scuola di Barbizon che cominciò a frequentare nel 1843.

Influenzato da Corot e da Gustave Courbet, la sua pittura  realista e naturalista è conosciuto e catalogata come precorritrice dell'’Impressionismo.

L'influenza della scuola di Barbizon

Albert CharpinLa più grande esposizione dei Barbisonniere si tenne all'Esposizione Universale di Parigi nel 1848 dove vennero  esposti trecento paesaggi dei pittori della Scuola di Barbizon.

Ai primi del novecento, l'influenza di questa scuola francese giunse anche in America, dove diede origine alla Scuola Americana di Barbizon i cui esponenti principali furono Thomas Eakins, Childe Hassam, Winslow Homer, Wilson Irvine, George Inness e Henry Tanner.

La Scuola di Barbizon ha avuto anche un ruolo storico nel campo della protezione e conservazione della natura, ottenendo la creazione della "Riserva artistica della selva di Fontainebleau" voluta espressamente dai pittori Barbisonniers, per preservarla da un incombente progetto di disboscamento.



Torna all'indice Correnti artistiche up





Annunci o altre pagine interessanti:





Libri sul tema Scuola di Barbizon e Pittura Francese

  La rivoluzione realista. Lineamenti introduttivi da Barbizon ai macchiaioli
De Paz Alfredo, 2007, CLEUP
pittura francese La pittura francese
cur. Rosenberg P., 1999, Mondadori Electa
  Louis Dorigny 1654-1742. Un pittore della corte francese a Verona
cur. Marini G.; Marini P., 2003, Marsilio
  La pittura francese nel XVIII secolo
Jarasse Dominique, 2002, Keybook
  Hubert Robert. Ediz. francese
Méjanès Jean-Francois, 2006, 5 Continents Editions
  Gérard Garouste. Le classique et l'indien. Ediz. italiana e francese
cur. Templon D., 2009, Mondadori Electa
Braque, Friesz. Ediz. francese
cur. Vallès-Bled M., 2005, Mazzotta
Great French Paintings from the Clark: Barbizon Through Impressionism
2011, Skira Rizzoli 
American Art in the Barbizon Mood
Bermingham, Peter;National Museum of American Art;National Collection of Fine Arts, Smiths, 1977, University of Chicago Press
  Il dossier De Nittis. Un maestro dell'Impressionismo nella documentazione degli Archives Nationales de France
Belloli Mariagraziella, Lamacchia Giovanni, 2007, Stilo
Il paesaggio. Teoria pratica e progetto. Esperienze francesi contemporanee
cur. Atripaldi A. M., 2010, Gangemi

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport