Corrente Arte Povera




Cos'é l'Arte Povera

Arte Povera - Merz Mario L'arte Povera è un movimento che nasce nell'ambito della Arte Concettuale apparsa in Europa intorno agli anni 1960, che si opponeva alle forme d'arte fino allora conosciute, che venivano giudicate ed apprezzate dalla società contemporanea, in base alle qualità dell'opera stessa e nella sua capacità di suscitare emozioni.

Gli artisti appartenenti a questa nuova corrente, sostenevano che l'arte non risiede nell'aspetto delle opere realizzate, ma nell'idea, nella parola o nel pensiero percorso per realizzare tale opera e presto si divisero in due gruppi: quello legato al pensiero e quello legato all’evento.

Caratteristiche dell'Arte Povera

Arte Povera - Jannis KounellisGli artisti che aderiscono al movimento dell'Arte Povera si esprimono producendo opere concrete, sostenute da messaggi decisamente intellettuali, sono forse più artigiani che pittori o scultori.

Questi artisti, schifando tele e pennelli, utilizzano  materiali "poveri" per definizione, ossia terra, legno, ferro, stracci, plastica, scarti industriali, con la volontà di ricreare un'espressione originale, utilizzando un alfabeto fatto di materiali poveri ed in disuso, dopo avere perso la capacità di assolvere il compito a cui erano destinati.

Un'altra caratteristica del lavoro degli artisti del movimento è il ricorso alla forma dell'installazione, come luogo della relazione tra opera e ambiente e a quella della "performance".

Il teorico e la denominazione di Arte Povera

Arte Povera  - Michelangelo PistolettoNel settembre del 1967 si inaugura nella galleria La Bertesca di Genova la mostra dell'Arte Povera curata dal critico d'arte Germano Celant, che si occupa della definizione teorica del movimento omonimo.

La scelta del termine "Arte Povera" rimanda al lessico del regista Jerzy Grotowski, che aveva proposto, fin dall’inizio degli anni Sessanta, la costituzione di un “teatro povero” con grandi spettacoli basati sulle tecniche della finzione scenica e sul coinvolgimento dello spettatore.

Celant delinea la teoria e la fisionomia del movimento attraverso mostre e scritti come "Conceptual Art, Arte Povera, Land Art" del 1970 ed afferma, semplificando, che l'arte povera si manifesta essenzialmente "nel ridurre ai minimi termini, nell'impoverire i segni, per ridurli ai loro archetipi".


Scopi dell'Arte Povera

Arte Povera - Gillardi (plurietano) Secondo il critico Celant gli artisti dell’arte povera portano avanti la stessa ricerca estetica del "Teatro Povero", rinunciando nelle loro opere a qualsiasi finzione, per presentare semplicemente sé stessi in quanto elementi soggetti alle forze della natura ed allo scorrere del tempo come qualsiasi altro oggetto.

Per gli artisti che hanno abbracciato l'Arte povera, l'unica vera realtà è il presente da affrontare con un atteggiamento di critica verso il sistema.

Come gli altri movimenti appartenenti alla Corrente dell'Arte Concettuale, la Pop Art, la Minimal Art e la Land Art, viene dato rilievo artistico non solo all'opera realizzata, ma anche agli elementi utilizzati nella realizzazione: il tempo, i gesti dell'artista, i materiali impiegati e persino l'attenzione verso gli oggetti e le performance in cui sono coinvolti gli spettatori.

Gli interpreti dell'Arte Povera

Arte Povera  - Burri AlbertoPrincipali figure del movimento furono gli artisti che parteciparono alla mostra del 1967:
Mario Merz, Alighiero Boetti, Jannis Kounellis, Luciano Fabro, Michelangelo Pistoletto.

A questi si aggiunsero presto Giovanni Anselmo,
Mario Ceroli, Brajo Fuso, Piero Gilardi, Luigi Mainolfi, Giulio Paolini, Pino Pascali, Giuseppe Penone,
Ferruccio Bortoluzzi e Gilberto Zorio, allargando le forme di espressione di questo movimento fino alla   Junk Art di Alberto Burri.




Arte Povera legata all'Evento

Arte Povera - Gilberto ZorioL'obiettivo degli artisti dell'Arte Povera è quello di superare l'idea tradizionale secondo cui l'opera d'arte occupa un livello di realtà sovratemporale e trascendente.

Nell'Arte povera legata all'evento rientrano quelle esperienze artistiche che non producono opere, ma solo eventi limitati nel tempo, eventi che hanno un inizio ed una fine temporale.

La traccia di questi "Eventi - Opere d'Arte Povera"   rimane solo nella testimonianza, attraverso filmati o fotografie che hanno registrato dell’evento stesso, anche se alcuni artisti dell'Arte Povera hanno contestato il concetto di unicità ed irripetibilità dell'opera d'arte.

Arte Povera legata al pensiero

Arte Povera - Cerioli Arte Povera - Pino PascaliIn questo caso abbiamo artisti la cui attività, seppur legata alla produzione di opere concrete, si pone come messaggio prettamente intellettuale.

Esempio di Arte povera legata al pensiero fu l'opera Vietnam di Pistoletto (1965, collezione Menil, Houston) che raffigura un gruppo di manifestanti pacifisti, rappresentati con delle sagome fissate ad uno specchio, in modo tale che i visitatori della galleria si riflettessero in esso.

Così facendo, la gente diventava parte integrante dell'opera stessa, venendosi a creare una sorta di interazione tra la creazione artistica ed il pubblico spettatore.

Gli artigiani dell'Arte povera

Arte Povera - MainolfiAi giorni nostri esistono molte forme di sviluppo artistico che a mio giudizio si potrebbero accomunare genericamente all'Arte povera. Si tratta di artisti/artigiani che elaborano vere e proprie opere d'arte adattando al loro ingegno e fantasia materiali d'ogni genere e quasi sempre derivanti da scarti di produzioni più o meno consumistiche.
Se è arte tutto ciò che si realizza con fantasia e originalità, anche loro sono sicuramente degni d'essere inseriti in questo contesto.

A semplice titolo d'esempio citiamo il gruppo "Artefizio", che dal dicembre 2013 espone le sue opere al mercato comunale coperto di Villanuova s/c (tra Brescia e il lago di Garda).

I loro lavori sono realizzati con materiali che, una volta trattati, sono difficilmente riconoscibili. Si tratta di appendiabiti, cavetti di computer, lampadine, pezzi di carta, turaccioli, pneumatici e via dicendo.


Torna all'indice Correnti artistiche up



Galleria esempi di arte povera contemporanea

foto_arte_povera/arte_povera_artefizio_9874x.jpg

Per gentile concessione di: Artefizio






Annunci o altre pagine interessanti:



Libri sul tema dell'Arte Povera

  Arte povera
cur. Lista G., 2011, Abscondita
  Arte povera
Bitetti Serena, 2011, Gruppo Albatros Il Filo
  Arte povera 2011. Catalogo della mostra (Torino, Roma, Napoli, Bologna, Bari, ottobre 2011-febbraio 2012)
cur. Celant G., 2011, Mondadori Electa
  Arte povera. History and stories. Ediz. inglese
Celant Germano, 2011, Mondadori Electa
  Arte povera. Storia e storie. Ediz. italiana e inglese
Celant Germano, 2011, Mondadori Electa
  Arte povera. Ediz. inglese
cur. Christov-Bakargiev C., 2005, Phaidon
  Arte povera
Lista Giovanni, 2006, 5 Continents Editions
  Arte povera 1966-1980. Libri e documenti. Ediz. italiana e inglese
Maffei Giorgio, 2007, Corraini
  Minimalismo, arte povera, arte concettuale
Poli Francesco, 2009, Laterza
Arte povera. Ediz. multilingue. DVD
Merz Beatrice, Ariotti Sergio, 2011, Hopefulmonster

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport