foto corrente art deco




Cos'é l'Art Deco


Art Déco - Hotel Imperial di Praga L'Art Déco è un forma d'arte trasversale, che deriva dall'Art Nouveau e che coinvolge, oltre la pittura, molte arti minori e l'artigianato, con lo scopo si opporsi alla pianificazione indotta dalla industrializzazione che ormai aveva invaso tutti gli aspetti della vita.

Il termine Art Déco derivata dalla dizione Exposition Internationale des Arts Décoratifs et Industriels Modernes (Esposizione Internazionale delle Arti Decorative e Industriali Moderne), tenuta a Parigi nel 1925 dove trionfa la raffinatezza e la decorazione francese applicate a varie categorie di artigianato artistico, dall'ebanisteria, agli accessori di moda, al ferro battuto, al vetro colorato, alla gioielleria ed alle decorazioni.




Dove si sviluppa l'Art- Déco

Parigi, che era rimasta il centro internazionale del buon gusto anche negli anni dopo la prima guerra mondiale, Art deco - Paul Poiret utilizza la vetrina mondiale qual è l'Esposizione, per far conoscere al mondo le nuove applicazioni della fantasia artistica agli oggetti della vita moderna.

Questa corrente artistica nata a Parigi intorno al 1910 ad opera di Paul Poiret, stilista dai molteplici interessi, rivolti alla completa riforma estetica dell'ambiente moderno, viene raccolta dagli altri paesi europei ribattezzandola in vari modi.

Gli Stati Uniti aderiscono più lentamente all'Art Déco, raccogliendone in un certo senso il testimone verso gli anni '30.

I vari nomi dell'Art Déco

Art Déco  - Vetrata Il termine Art Déco viene usato solo verso gli anni '60, quando quel gusto fu rivalutato e rimesso nei circuiti dell'antiquariato.

L'"Art Nouveau" francese, nata nel 1890, in Italia si era chiamata "Liberty, o stile floreale", in Germania "Jugenstil", in Austria "Secession", in Gran Bretagna "Modern style" e "Modernismo" in Spagna.



Le caratteristiche dell'Art Déco

Art Déco  - Facciata Palazzo Il nuovo stile, abbandona le sinuosità e le formule lineari naturalistiche, prediligendo le forme geometriche e vagheggiando le forme essenziali ed eleganti.

L'Art Déco è caratterizzata dall'uso di materiali quali: lacca, legno intarsiato, pelle di squalo o di zebra, acciaio inossidabile, alluminio, vetro colorato, quando si rivolge all'arredamento.

Ma l'arredamento non è la sola espressione della moderna arte che si occupa anche di ferro battuto, le lacche, gli orologi ed i gioielli.

L'Art Déco è uno stile sintetico ed al tempo stesso volumetricamente aerodinamico, turgido e opulento, probabilmente in reazione all'austerità imposta dagli anni della guerra mondiale e della conseguente crisi economica.

Gli interpreti dell'Art Déco

 Art Déco  - Jacques Emile RuhlmannQuesto stile, nato per contrastare l'appiattimento dell'industrializzazione, si appropria proprio degli oggetti che si erano maggiormente diffusi con l'industria moderna.

Parigi rimane il cuore dello sviluppo del design Art Déco con il mobilio di Jacques Emile Ruhlmann, che rinnova i fasti dell'ebanisteria parigina fra Rococò e Stile Impero, con l'azienda di Süe et Mare, con i pannelli e i mobili modernistici di Eileen Gray, con il ferro battuto di Edgar Brandt e gli oggetti in metallo e le lacche di Jean Dunand, con i lavori in vetro di René Lalique e Maurice Marinot, con gli orologi e la gioielleria di Cartier.

Le prime opere della Wiener Werkstätte, fondata nel 1903, e soprattutto quelle di astratto geometrismo del principale esponente, Josef Hoffmann.




Le Forme dell'Art Déco

 Art Déco  - Interno Le forme caratteristiche dell'Art Déco, sono motivi e sagome di animali, il fogliame tropicale, le ziggurat, i cristalli, i motivi solari e i getti d'acqua.

La figura femminile assumono forme allungate, agili ed atletiche, con abiti lisci o plissettati, ma poco vaporosi.

I motivi, ripetuti in tutti i materiali, vengono tratti dalle arti "primitive", come quella africana, antiche come l'egiziana o l'azteca, classiche come la scultura e i vasi Ellenici del periodo geometrico e arcaico.

Stile molto popolare per gli interni dei cinematografi e dei transatlantici, come l'Ile de France e il Normandie, venne facilmente abbinato alle innovazioni tecnologiche in campo automobilistico e aerodinamico.

Lo spettacolo trova negli scenari e nei costumi scenici di Léon Bakst per i Balletti Russi di Diaghilev, la massima espressione dei motivi dell'Art Déco.

Le forme geometriche dell'Art Déco

Apparecchio radio stile Art deco Le forme cristalline e sfaccettate dell'Art Déco sfociano nel cubismo e nel futurismo tecnologia da "macchina del tempo" come la radio e i grattacieli.

Tutto ciò che riguarda il jazz, o l'era Jazz si rifà alle forme geometriche, industria della moda, la preferenza per lo zigzag o gli scacchi, le curve vaste, diverse da quelle sinuose dell'Art Nouveau, motivi a 'V' e a raggi solari.

Alcuni di questi motivi vengono usati per opere molto diverse fra loro, come i motivi a forma di raggi solari sono utilizzati per delle scarpe da donna, per le griglie per termosifoni, per interni straordinari come l'auditorium del Radio City Music Hall o come decorazione di palazzi, come la guglia d'acciaio del Chrysler Building di New York.

La fine dell'Art Déco

Art Déco - Pubblicita' L'Art Déco dopo aver raggiunto la produzione di massa, inizia a diventare un senso negativo o sminuente, perché presenta una falsa immagine del lusso.

Lo stile è infine stroncato dall'austerità della seconda guerra mondiale e la passione per l'esotico viene consumata nella importazione di oggetti dagli Stati Coloniali, come l'India o dall'Eritrea e dalla Somalia per l'Italia.

Dal superamento dell'Art Déco diventa il punto di partenza del Modernismo e continua ad essere usato fino agli anni '60.

Vi è un nuovo interesse per l'Art Déco negli anni '80, grazie al design grafico di quel periodo, dove la sua associazione ai film noir ed alla moda degli anni '30 porta al suo uso nella pubblicità per la moda e la gioielleria.


Torna all'indice Correnti artistiche up


Argomenti correlati


Vetrina ANNUNCI e CONSIGLI



Libri sul tema delle Arti Decorative, Liberty, Art Nouveau

  Modernità minoica. L'arte Egea e l'Art Nouveau: il caso di Mariano Fortuny y Madrazo
Caloi Ilaria, 2012, Firenze University Press
  Art Déco. Disegni e motivi decorativi
2012, Logos
   Grafica liberty e decò a Firenze
Cresti Carlo, 2011, Pontecorboli Editore
  Milano liberty. Dall'art nouveau allo stile floreale
Ogliari Francesco, Bagnera Roberto, 2006, Selecta Editrice
  Art Nouveau. Ediz. italiana
Sembach Klaus-Jürgen, 2008, Taschen
  Art nouveau a Faenza. Il Cenacolo baccariniano. Catalogo della mostra (Faenza, 24 febbraio-27 maggio 2007)
2007, Mondadori Electa
  Liberty. Art Nouveau
Vinca Masini Lara, 2009, Giunti Editore
  Il liberty. Art Nouveau
Vinca Masini Lara, 2006, Giunti Editore
  Palazzo Montecitorio. The Art Nouveau Building
2010, Mondadori Electa
  Itinerario nell'arte. Vol. 5: Dall'art nouveau ai giorni nostri. Ed. gialla.
Cricco Giorgio, Di Teodoro Francesco Paolo, 2006, Zanichelli
  I sentieri d'arte. Art nouveau
2007, Logos
  Tardogotico, barocco, Art Nouveau. Contaminazione di linguaggi nelle architetture del mediterraneo
2004, CLEAN
  L'arte tra noi. Vol. 4: Dal Barocco all'art nouveau.
Beltrame Laura, Demartini Elena, Tonetti Lavinia, 2009, Mondadori Bruno
  Art Nouveau. Le arti decorative alle origini del moderno
Serafini Giuliano, 2003, Giunti Editore
  Art Nouveau
Escritt Stephen, 2002, Phaidon
  Art nouveau tile designs. Ediz. multilingue. Con CD-ROM
Van Roojen Pepin, 2008, The Pepin Press
  Dell'arte e degli artisti. Vol. 4: Dall'art nouveau ai giorni nostri.
Adorno Piero, Mastrangelo Adriana, 2002, D'Anna
Torino art nouveau e crepuscolare. Poeti e luoghi della poesia
2007, Crocetti
  Klimt, Kokoschka, Schiele. Dall'art nouveau all'espressionismo
2001, Mazzotta
Art nouveau
Tahara Keiichi, 2001, Logos
  Art Nouveau
Fahr Becker Gabriele, Ullmann
  Art nouveau. Ediz. multilingue
2009, Logos