Autoritratti di Rembrandt




Autoritratti di Rembrandt

Harmenszoon van Rijn Rembrandt

Harmenszoon van Rijn Rembrandt.- Studio d'artista 1628Harmenszoon van Rijn Rembrandt.- Autoritratto 1629Nasce nell'Olanda calvinista nel 1606, tre anni dopo il suo paese è una delle sette province che diventano indipendenti dalla Spagna cattolica.

L'Olanda diventa una fortunata eccezione nel quadro dell’assolutismo europeo, incline alle chiusure conservatrici ed alla spietata repressione religiosa dell'Inquisizione.

La società olandese del Seicento si sviluppa così in un ambiente che lascia ampia libertà d’azione e consente una grande fioritura intellettuale.

In questo mondo cresce Rembrandt, le sue opere sono la voce di un’epoca vivace e intraprendente; lo spirito della società olandese si fonde nell’arte e nella letteratura e traccia un nuovo cammino per l'uomo. dell’individuo che pretende di posizionarsi al centro dell’universo ed il diritto di indirizzare e gestire il proprio destino.

Harmenszoon van Rijn Rembrandt.- Autoritratto 1630L’autobiografismo in voga in Europa nel Seicento, ispira i letterati e spinge i pittori a riconsiderare l’oggetto della propria arte.

Si diffonde l’abitudine di ritrarre sé stessi, in una celebrazione dell’artista che assume rilevanza sempre maggiore.

Rembrandt si spinge oltre, con la sua infinita serie di autoritratti, partecipa ad una sperimentazione avvincente e controversa.

Il pittore olandese dipinge sé stesso più di settantacinque volte in oltre quarant’anni, all’incirca fra il 1627 e il 1669 e lo fa in maniera sempre diversa e senza rispettare i canoni abituali dell’arte borghese del tempo.

A vent'anni ha già degli allievi. Iniziano le committenze, ed è del 1632 la, già perfetta, "La lezione di anatomia".

Nel 1634 sposa Saskia, inizia una collezione importante di opere d'arte, ma via via i bambini che nascono dal matrimonio muoiono dopo pochi aliti di vita.

Rembrandt ricchezza e povertà

Harmenszoon van Rijn Rembrandt.- Autoritratto 1631Rembrandt - Autoritratto 1643Come pittore Rembrandt ha una vita felice, piena di successo, ma la tristezza si insinua presto in lui con la morte dei figli e con la morte della moglie.

Molti indizi sparsi nei quadri di Rembrandt alludono alla percezione della sventura, come "Il bue squartato" del 1640, una drammatica dimostrazione della fragilità e dell'orrore della carne. L'anno del suo massimo splendore, il 1642, è l'anno della "Ronda di notte" (Amsterdam, Rijksmuseum), ma è anche l'anno della morte della moglie che ha solo ventinove anni.

Forse l'attaccamento al denaro giocò non poco nella vita del pittore il quale, per non perdere la ricca eredità della giovane moglie morta che aveva lasciato un testamento complicato, rinunciò a risposarsi anche se aveva meno di quarant'anni.





Autoritratto, costumi e maschere

Harmenszoon van Rijn Rembrandt  -  Autoritratto 1659Harmenszoon van Rijn Rembrandt  -  Autoritratto 1663Utilizzando vari abbigliamenti, maschere ed oggetti simbolici, l'artista ha l'agio di impersonare diversi soggetti; il pittore si raffigura, nella divisa del soldato, nei distintivi abiti del borghese, con le insegne principe o nei panni del mendicante, proponendosi via via in una nuova identità, cosa che comincia a farsi più complessa e sottintende l'unicità dell'essere umano.

Secondo Rembrandt la realizzazione l'autoritratto è la situazione ideale per sperimentare le possibilità espressive del colore, delle pose, un vero esercizio o laboratorio di Ritrattistica, che spogli i soggetti quell'eccesso di idealizzazione e di solennità, in favore di una maggior naturalezza.

Meno di dieci anni dopo il culmine della sua fama, Rembrandt non ha più committenti. I suoi quadri, le collezioni e le sue cose vengono vendute.

Nel 1658 perde anche la casa, ma in quell'anno il suo autoritratto è in veste di re, un re solo.


Harmenszoon van Rijn Rembrandt  - (S.Paolo) Autoritratto 1662 Rembrandt  - (il re) Autoritratto 1658







Indice pagine autoritratti


Torna all'indice Temi vari up






Annunci o altre pagine interessanti:



Libri su Rembrandt e su Impressionisti

  L'ebreo e l'ebraismo nell'opera degli Impressionisti
Seghers Anna, 2008, La Giuntina
  Max Marra. Omaggio a Rembrandt
Tagliati Romano F.; Bonalumi Felice, 2008, Silvia
  Rembrandt
Meijer Bert W., 2006, Mondadori Electa
  Rembrandt. Un saggio di filosofia dell'arte
Simmel Georg, 2007, Abscondita


Libri sull'autoritratto

  Cento autoritratti dalle Collezioni degli Uffizi. Ediz. italiana e inglese
Giunti Editore
  Ritratti Autoritratti
Bruno Edoardo, Bulzoni
  I volti dell'arte. Autoritratti della Collezione degli Uffizi
Skira
  Ritratti e autoritratti
Mondadori Electa
  I modelli di Narciso. La collezione di autoritratti di Raimondo Rezzonico agli Uffizi. Catalogo della mostra (Firenze, 22 aprile-11 giugno 2006)
 Polistampa
  Autoritratti e impegno civile. Scritti rari e inediti dell'archivio Marin della fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia
Marin Biagio, Fabrizio Serra Editore
  Cinquecento autoritratti
Phaidon
  Autoritratti
Mazzonetto Daniele,  Libroitaliano
  Autoritratti letterari nella Firenze di Cosimo I. Bandinelli, Vasari, Cellini e Pontormo
Stimato Gerarda, Bononia University
  Autoritratti-Autorretratos
Vitale Carlos, Eva Edizioni

Cerca su IBS - il distributore tutto italiano

Logo IBS

Libri, Dischi, DVD, Blue Ray, MP3, eBooks,
Libri in inglese, Videogiochi, Giocattoli, Sport